BERNAViolenza sessuale: il consenso esplicito protegge meglio

12.04.22 - 10:54
Ne è convinto il 45% dei votanti di un sondaggio di Amnesty. La soluzione "No significa no" ha raccolto invece il 27%.
deposit
Fonte ats
Violenza sessuale: il consenso esplicito protegge meglio
Ne è convinto il 45% dei votanti di un sondaggio di Amnesty. La soluzione "No significa no" ha raccolto invece il 27%.
"Solo un sì è un sì" ha trovato maggiori consensi tra donne, giovani e persone queer.

BERNA - Per la maggior parte delle persone, specialmente tra i giovani, solo il reciproco consenso deve essere la norma nei rapporti sessuali. Il principio del “Solo sì, significa sì” - secondo uno studio rappresentativo commissionato da Amnesty International - rappresenta il modo migliore per proteggere le vittime di violenza sessuale. 

L'inchiesta "Percezione delle relazioni sessuali e della violenza" è stata realizzata dall'istituto gfs.bern. Sono state intervistate un migliaio di persone online allo scopo di stabilire quale opzione è ritenuta più efficace per proteggere le potenziali vittime.

Il 45% preferisce la soluzione "Solo un sì è un sì", mentre l'opzione "No significa no" ha raccolto il 27%. Il 13% è favorevole allo status quo nel diritto penale sessuale, ha spiegato Cloé Jans di gfs.bern durante una conferenza stampa a Berna.

La soluzione del consenso esplicito raccoglie maggiori consensi tra coloro che sono più esposti alla violenza sessuale: donne, giovani e persone queer. Tra i 18-35enni la metà la preferisce, mentre il 25% sostiene la soluzione "No significa no" e il 14% vuole mantenere l'attuale regolamentazione nel diritto penale, che riconosce solo lo stupro commesso con coercizione.

Opinioni problematiche - Una netta maggioranza degli intervistati afferma di avere relazioni sessuali solo se l'altra persona ha esplicitamente dato il proprio consenso, di rispettare i limiti e non impone o tollera comportamenti trasgressivi. «Lo studio evidenzia però ripetutamente la presenza di gruppi di persone le cui risposte indicano comportamenti e atteggiamenti problematici», sottolinea ancora Jans. Quasi una persona su cinque considera il consenso dato una volta in passato come sempre valido e una su dieci ritiene che una persona, generalmente consenziente, lo è anche se addormentata. La stessa percentuale giudica accettabile fare sesso con il/la partner senza il suo consenso.

Queste opinioni problematiche sulla disponibilità sessuale sono molto più diffuse tra gli uomini, sottolineano gli autori del sondaggio. L'inchiesta chiedeva anche quali misure concrete sarebbero necessarie per combattere la violenza sessualizzata in Svizzera.

La politica deve agire - Secondo il sondaggio, la maggioranza degli intervistati (58%) ritiene che spetti soprattutto al Parlamento agire per combattere la violenza sessuale in Svizzera. Il Consiglio degli Stati dovrebbe discutere la questione durante la sessione estiva.

Il codice penale svizzero in materia di reati contro l'integrità sessuale non è conforme agli standard internazionali sui diritti umani, come la Convenzione di Istanbul. Amnesty International sta facendo attivamente pressione per l'introduzione della soluzione del consenso e per una nuova definizione del reato di stupro.

«Il tema della comunicazione e del consenso reciproco deve essere affrontato di più nelle scuole e dobbiamo renderlo più visibile nella società. Ma anche facendo un lavoro di prevenzione efficace, sarebbe peccato se poi la legge trasmettesse il messaggio che nel sesso tutto è lecito finché qualcuno dice 'no' o 'stop'», ha sottolineato Cyrielle Huguenot, responsabile del tema Diritti delle Donne per Amnesty Svizzera.

COMMENTI
 
marco17 9 mesi fa su tio
Per evitare guai, ovremo girare muniti di una sorta di super-scopen-card sulla quale far registrare i consensi?
NOTIZIE PIÙ LETTE