Immobili
Veicoli
deposit
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
11 min
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
GINEVRA
19 min
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
1 ora
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
2 ore
Manutenzione stradale: la Comco indaga in Romandia
Nuovo sospetto di un cartello sugli appalti: quattro imprese sotto inchiesta.
SVIZZERA
2 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
4 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
ZURIGO
11 ore
Fuga dalla pandemia, Tina Turner compra un "villaggio"
Una tenuta con dieci edifici e una villa sul lago di Zurigo. La star si è regalata un buen retiro da 70 milioni
SVIZZERA
11 ore
Gli aiuti per Skyguide potrebbero non bastare
Le perdite legate al crollo del traffico aereo sono stimate in 280 milioni di franchi per il 2020 e il 2021
BERNA
13 ore
Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni
I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.
ZURIGO
08.12.2021 - 16:070
Aggiornamento : 16:22

La pandemia turba lo shopping natalizio, ma la spesa per i regali è da record

Gli svizzeri spenderanno oltre 300 franchi a testa per i regali.

La crescita rispetto allo scorso anno sarà alimentata soprattutto dalle donne.

ZURIGO - La pandemia turba lo shopping natalizio, ma ciò nonostante gli svizzeri prevedono di spendere la cifra record di 334 franchi a testa per i regali e ad alimentare la crescita rispetto al 2020 saranno soprattutto le donne. Lo rivela un sondaggio realizzato per conto della società di consulenza EY.

L'impatto sull'umore - La crisi del coronavirus e le relative carenze di approvvigionamento stanno avendo un impatto sull'umore dei consumatori: il 58% degli interpellati parla di un'esperienza pre-natalizia turbata. Le difficoltà delle catene di fornitura hanno spinto il 36% ad anticipare, rispetto agli altri anni, gli acquisti natalizi. L'80% è inoltre convinto che i prezzi siano in aumento.

Investimento da primato - L'investimento per i regali sarà comunque da primato, superiore del 2% a quello (già record) dell'anno scorso. «La spesa pianificata è massimi storici probabilmente proprio a causa della pandemia, dato che molti consumatori hanno più soldi a disposizione, denaro che non sono stati in grado di sborsare negli scorsi mesi», afferma André Bieri, dirigente EY, citato in un comunicato odierno.

Gli uomini prevedono di spendere quest'anno in media 351 franchi, ovvero 42 franchi in meno rispetto al 2020, mentre le donne puntano ad allargare maggiormente i cordoni della borsa nel confronto con il primo anno pandemico: 320 franchi, 56 franchi in più. Il 50% delle 515 persone interpellate fra il 29 novembre e il 4 dicembre investirà oltre 250 in regali e quasi un intervistato su cinque più di 500 franchi. Solo l'11% non arriverà nemmeno a 100 franchi. I nuclei più inclini a consumare sono le famiglie monoparentali (365 franchi).

Centri commerciali e negozi saranno prediletti - Il 40% del campione in Svizzera fa sapere che comprerà i regali soprattutto nei centri commerciali e nei negozi specializzati, il 26% online (l'anno scorso il dato era solo al 10%) e il 34% ricorrerà ad entrambi i canali. «La pandemia sta agendo come un acceleratore, le forme stazionarie di vendita stanno chiaramente perdendo terreno, mentre l'online è in piena espansione e ha raddoppiato la sua quota di mercato rispetto al 2020, dal 16% all'attuale 33%», osserva Bieri.

La sostenibilità - Tre consumatori su quattro affermano che quest'anno gli aspetti legati alla sostenibilità hanno un ruolo in relazione ai regali e ai festeggiamenti; per il 24% i fattori in questione sono molto importanti. «L'aspetto della sostenibilità continuerà probabilmente a giocare un ruolo centrale soprattutto nel periodo natalizio, poiché la gente vuole fare qualcosa di buono per se stessa e per l'ambiente almeno una volta all'anno», commenta a questo proposito Bieri. Il 51% è per esempio disposto a spendere di più per avere un prodotto più sostenibile.

Il 34% acquista i suoi doni in ottobre o novembre, il 45% tre o quattro settimane prima di Natale e il 21% una o due settimane prima. Ma cosa regalare? Si punterà soprattutto su denaro o buoni in denaro (45 franchi in media), vestiti (41), giochi (pure 41), prodotti cosmetici (36), alimentari e dolci (30), gioielli (29), libri cartacei (21), nonché smartphone e tablet (20).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 10:04:14 | 91.208.130.85