Immobili
Veicoli
LinkedIn/Zara
+1
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
18 min
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
SVIZZERA
4 ore
La donazione di organi ha un problema di sicurezza
Chiunque può iscrivere altre persone al registro nazionale di Swisstransplant. Avviata una procedura di accertamento
ZURIGO
4 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BASILEA CITTÀ
6 ore
Un'altra lettera sospetta al dipartimento della Sanità di Basilea
L'intervento degli specialisti (bardati di tutto punto) ha escluso la presenza di materiali pericolosi.
BERNA
6 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
NEUCHÂTEL
7 ore
Rapina a La-Chaux-de-Fonds, arrestati due sospettati
I due presenti autori del colpo avvenuto lo scorso 18 ottobre sono stati posti in detenzione preventiva.
SVIZZERA
8 ore
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
8 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
8 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
8 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
10 ore
L'eruzione si è fatta sentire in Svizzera dopo venti minuti
Tanto ci hanno messo le onde sismiche ha raggiungere il nostro paese. Movimenti sono stati registrati per dodici ore
ZURIGO
09.11.2021 - 09:150
Aggiornamento : 14:14

Zara, la bambina posa e scoppia lo scandalo

Per alcuni si tratterebbe di sessualizzazione di minori. L'azienda ha modificato una delle foto, ma non commenta.

Per la Fondazione Protezione dell'infanzia Svizzera le immagini potrebbero cadere nelle mani sbagliate. Secondo il creativo Frank Bodin, invece, il compito della pubblicità è di attirare l'attenzione.

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Il colosso spagnolo dell'abbigliamento, Zara, sta attualmente promuovendo una linea di abbigliamento sportivo per bambini.

Tra le varie foto pubblicitarie ce n'è sono alcune che hanno ricevuto una pioggia di critiche sui social. «Certe pose mi hanno turbato», ammette Verena Arps-Roelle sulla rete aziendale di LinkedIn.

In qualità di madre e direttrice creativa, la donna si dice sconvolta da certe immagini «inappropriate». «Il focus sulle gambe aperte, i vestiti attillati e la postura sono discutibili anche con dei modelli adulti, ma sono inaccettabili con dei bambini», sottolinea a 20 Minuten. La donna intravede un pericolo di abusi, ad esempio tramite i cosiddetti deepfake (volti sostituiti mediante l'intelligenza artificiale).

Il post di Arps-Roelle ha ricevuto centinaia di commenti. La maggior parte degli utenti non trova nulla di sconvolgente in quegli scatti, altri invece sono d'accordo con la donna. In questo mare di pareri, tuttavia, «non è stato possibile un dialogo costruttivo», ammette la stessa Arps-Roelle che, dopo qualche notte insonne per gli attacchi personali ricevuti, ha deciso di cancellare il post.

Poco dopo, però, ha deciso di tornare alla carica sentendo il bisogno d'intervenire al riguardo. Censurando i volti dei bambini ha voluto ripubblicare il post di denuncia: «questo tipo di abusi è onnipresente sui social media, nei giocattoli, nella moda e nella pubblicità».

Zara ha più di 40 foto del genere. Contattata, l'azienda non ha risposto alle domande, ma ha nel frattempo modificato una delle immagini oggetto delle critiche. «Una foto è stata ritagliata in modo tale che non sia più possibile vedere le gambe aperte della bambina», sottolinea Arps-Roelle.

Altri utenti del web, questa volta su Instagram, hanno manifestato la propria ritrosia nei confronti della campagna pubblicitaria, chiedendo a Zara di intervenire al riguardo. Non mancano critiche ai genitori delle modelle per aver consentito che venissero ritratte in questo modo.

«Questa è violenza sessuale» - La Fondazione Protezione dell'infanzia Svizzera condivide l'opinione degli utenti. «Tali immagini, indipendentemente dal contesto, sono da evitare. Questa è violenza sessualizzata e rappresenta un grande pericolo», afferma la portavoce Tamara Parham.

Secondo Parham, foto apparentemente innocue potrebbero cadere nelle mani delle persone sbagliate. «Ci sono sezioni su piattaforme pedocriminali che mostrano bambini vestiti in situazioni quotidiane. I commenti sotto queste immagini sono semplicemente abominevoli», spiega. C'è poi il problema del bullismo, da non prendere sotto gamba.

L'esperta presuppone che Zara sia poco sensibile all'argomento. E crede che gli stessi genitori, spesso, non conoscano la portata di ciò che possono invece ritenere innocuo. «Fortunatamente - aggiunge - vi è la tendenza a rappresentazioni sempre meno sessualizzate nelle pubblicità». La Fondazione vuole fare delle “Foto dei bambini in rete” l'argomento principale della Giornata dei diritti dei bambini, il prossimo 20 novembre.

«Nulla di male» - Il famoso creativo Frank Bodin, d'altra parte, non trova ci sia nulla di male negli scatti pubblicati da Zara. «Nell'odierno mondo dell'indignazione, qualcuno è sempre infastidito da qualcosa. Compito della pubblicità, però, è quello di attirare l'attenzione. Un po' più di relax farebbe bene a tutti noi», commenta.

Anche la docente di marketing dell'Università di Scienze applicate di Berna, Zoé Waldenmeyer, non ritiene che le foto siano state utilizzate in modo improprio. «Non le trovo discutibili, figuriamoci sessiste», afferma.

LinkedIn/Zara
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Personalmente mi preoccuperei maggiormente di chi vede immagine volgare in una bambina seduta.
lollo68 2 mesi fa su tio
E le foto di bambini in costume da bagno pubblicate dai genitori su Facebook senza il loro consenso? Zara avrà pagato questi bambini e magari sia loro che i genitori hanno potuto visualizzare le foto prima della pubblicazione.
blocknotes 2 mesi fa su tio
"Tra le varie foto pubblicitarie ce n'è sono alcune..." Davide Milo corregga e ripubblichi per favore. Grazie.
seo56 2 mesi fa su tio
Indigna chi? Ma possibile che bisogna sempre vederle cose che non ci sono. É una pubblicità… punto… Paese di bigotti e falsi perbenisti… quanta ipocrisia
Coerenza 2 mesi fa su tio
@seo56 Sono per lo meno sconvenienti, perlomeno...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 23:08:31 | 91.208.130.87