20min/Matthias Spicher
SVIZZERA
26.10.2021 - 11:150

Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici

All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente

NEUCHÂTEL - Il Covid-19 ha ridotto di quasi un terzo la mobilità in Svizzera. L'uso dei mezzi pubblici di trasporto pubblici è addirittura dimezzato.

Nel traffico individuale motorizzato, la distanza media giornaliera percorsa è diminuita del 27%. Con una media di 3,6 chilometri al giorno, le distanze percorse sui mezzi pubblici sono invece scese del 52% rispetto all'inizio del 2020 (7,5 chilometri). Le distanze percorse a piedi e in bicicletta sono rimaste praticamente costanti.

I dati pubblicati oggi sono il risultato del Microcensimento mobilità e trasporti (MCMT) realizzato dall'Ufficio federale di statistica (UST) e dall'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE). Il confronto prende in considerazione le otto settimane tra il 10 gennaio e il 6 marzo 2021 - che corrisponde all'incirca al periodo del secondo confinamento - e lo stesso periodo dell'anno precedente.

Dallo studio emerge che, prendendo in considerazione solo i percorsi all'interno della Svizzera, le persone intervistate all'inizio del 2021 hanno percorso in media 21,8 chilometri al giorno. La distanza media giornaliera per persona è diminuita quindi di 9,8 chilometri o del 31% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (31,6 chilometri).

Il calo maggiore, pari al 39% (o 17 chilometri in meno), si riferisce alle distanze giornaliere percorse dei giovani dai 18 ai 24 anni. Secondo l'UST, ciò sarebbe riconducibile all'introduzione dell'insegnamento a distanza nelle scuole universitarie e alla chiusura delle strutture per il tempo libero.

Mobilità degli acquisti costante - Durante il secondo lockdown sono aumentate le attività non sportive all'aperto: le distanze percorse per le passeggiate sono aumentate di oltre la metà. Nel complesso, le distanze percorse nel tempo libero sono tuttavia diminuite del 34%. E anche se questo calo è stato maggiore rispetto ai viaggi di lavoro (scesi del 27%), il tempo libero è rimasto il motivo più importante per gli spostamenti (38%).

Secondo l'UST, colpisce inoltre il fatto che, nonostante le chiusure parziali dei negozi e il boom degli acquisti online, le distanze percorse per fare acquisti non sono diminuite significativamente durante la pandemia.

Gli effetti dell'home office - Dalla metà di gennaio 2021, in Svizzera è stato introdotto l'obbligo parziale di lavorare da casa. In questo periodo il 50% delle persone intervistate ha avuto la possibilità di lavorare almeno in parte da casa. Un anno prima questo tasso era del 38%.

Per le persone che hanno fatto ricorso all'home office, la distanza percorsa quotidianamente per recarsi al lavoro si è dimezzata, passando da 18,3 a 9,5 chilometri. Per le altre persone occupate, la distanza percorsa per andare al lavoro non ha invece subito variazioni significative.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 08:13:58 | 91.208.130.85