Immobili
Veicoli
Tamedia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
4 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
6 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
6 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
7 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
9 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
10 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
BERNA
11 ore
Strade nazionali: 8,4 miliardi per il 2024-2027
Per cinque progetti di ampliamento in fase avanzata il Consiglio federale domanda inoltre lo sblocco di 4,3 miliardi
SVIZZERA
11 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
13 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
13 ore
AI: «Gravi lacune nelle perizie degli esperti»
Secondo Inclusion Handicap le valutazioni vengono fatte con l'obiettivo di evitare il versamento dell'invalidità.
SVIZZERA
07.10.2021 - 09:300

La pandemia ha accelerato la digitalizzazione, noi vogliamo stare al passo con la tecnologia

Lo rivela un sondaggio rappresentativo condotto da Oliver Wyman

BERNA - Smart working, didattica a distanza e shopping online: durante i recenti lockdown dovuti alla pandemia, ce la siamo cavata... ma possiamo fare meglio. Ora ben tre quarti della popolazione svizzera vogliono infatti migliorare le proprie competenze digitali. È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo della società di consulenza strategia Oliver Wyman.

Insomma, le restrizioni associate alla pandemia hanno accelerato la digitalizzazione, anche in Svizzera. Si rileva tuttavia la necessità di progredire sul piano tecnologico. Nel dettaglio, il 44% degli intervistati (e si tratta in prevalenza di giovani) ha espresso il desiderio di sviluppare ulteriormente le proprie competenze tecnologiche. Per un altro 20% (e in questo caso sono soprattutto persone più anziane) si tratta, invece, sostanzialmente di familiarizzare con le nuove tecnologie.

Della crescente importanza delle tecnologie digitali sono particolarmente consapevoli i lavoratori. Il 62% di questi si dice convito che internet e tecnologie creeranno posti di lavoro. Tuttavia, un partecipante su cinque al sondaggio teme di non riuscire a tenere il passo con la velocità del progresso. Questo vale in particolare per i lavoratori del settore alberghiero, del commercio e della pubblica amministrazione.

«La maggioranza della popolazione svizzera non è più soddisfatta del suo status quo digitale» osserva Nordal Cavadini, partner di Oliver Wyman. «Dopo le esperienze della pandemia, la gente vuole usare di più la digitalizzazione per se stessa e contribuire attivamente alla sua definizione». In quest'operazione - sottolinea l'esperta - dovrebbero fare la loro parte anche i datori di lavoro, qualificando ulteriormente i collaboratori o sostenendo finanziariamente la loro volontà di imparare.

Gestione dei dati: non ci fidiamo dei rivenditori online

Quando si tratta di sapere a chi gli svizzeri affidano le informazioni personali, il 69% ha detto di fidarsi di ospedali, medici e compagnie di assicurazione malattia più di qualsiasi altro settore. Altrettanto positiva è la valutazione degli intervistati riguardo alle loro banche e al settore scientifico (università, scuole universitarie, istituti di ricerca). Le aziende tecnologiche e i rivenditori online se la passano peggio: solo il 24% degli intervistati ha fiducia in questi settori economici a forte crescita; il 56% esprime invece sfiducia. Per i rivenditori online nazionali, tuttavia, il sondaggio contiene anche un messaggio positivo: hanno beneficiato maggiormente dell’aumento degli acquisti via web dovuto alla pandemia rispetto ai concorrenti stranieri.

Le aziende dovranno continuare a lavorare sul tema della fiducia e della gestione restrittiva dei dati a essa correlata. Il 61% degli intervistati è attualmente riluttante a condividere i dati personali con terzi. Il continuo scetticismo deriva, tra l’altro, dalle preoccupazioni per gli attacchi informatici. Un buon 70% della popolazione svizzera pensa che internet e la tecnologia porteranno a un aumento della criminalità informatica. Kolja Dutkowski, esperto del settore di Oliver Wyman, invita le imprese ad agire: «Nell’era digitale, i dati sono di centrale importanza. Chi intende usarli deve garantire ai propri clienti i più alti standard di sicurezza e comunicare in modo trasparente».

Ma per la protezione dei loro dati e l’ulteriore diffusione delle tecnologie digitali, gli svizzeri non vogliono affidarsi solo alle aziende. La maggioranza degli intervistati considera ancora necessaria una maggiore regolamentazione del settore tecnologico. Nordal Cavadini, partner di Oliver Wyman, chiede più dialogo: «La politica e l’economia devono trovare un buon equilibrio tra i diversi interessi se vogliamo che la prossima fase della digitalizzazione abbia successo». L’attuale sondaggio ha dimostrato che anche la popolazione svizzera è pronta a impegnarsi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 01:36:36 | 91.208.130.89