Immobili
Veicoli

ZURIGONavighi in rete, Denner ti manda pubblicità nella buca lettere

25.03.21 - 11:22
Basta guardare un video su Internet per ricevere a casa un volantino o una carta sconto.
20minuten
Fonte DG/BZ/20minuten
Navighi in rete, Denner ti manda pubblicità nella buca lettere
Basta guardare un video su Internet per ricevere a casa un volantino o una carta sconto.
La Posta Svizzera collabora a questa operazione, legale, ma senza consenso esplicito da parte dei consumatori.

ZURIGO - Qualche tempo fa, Denner pubblicizzava online, tramite un video, verdure fresche. Alcuni giorni dopo, molti tra coloro che avevano guardato il filmato si sono trovati nella cassetta della posta una tessera sconto per frutta e verdura. Inviata proprio da Denner. Tuttavia queste persone non avevano fornito il proprio indirizzo o altri dati durante la visita del sito web. Una ricerca promossa dalla rivista dei consumatori “K-Tipp” mostra come sia possibile questo tipo di pubblicità.

L'agenzia pubblicitaria crea profili utente online - Il trucco: chiunque navighi in Internet lascia traccia del suo passaggio. L'agenzia pubblicitaria Converto ha registrato in modo anonimo chi ha visitato le pagine su cui è stata attivata la pubblicità Denner. Un sito web raccoglie questi dati utilizzando i cosiddetti cookie. Converto aggiunge ulteriori informazioni sul comportamento di navigazione e crea profili anonimi per gli utenti che hanno visto la pubblicità.

La Posta parla di «successo» - I profili creati con i dati di Converto sono stati confrontati con il database degli indirizzi di un provider esterno. Ciò ha consentito di identificare 225.000 utenti Internet e di assegnare i loro profili ai loro indirizzi postali. Converto ha filtrato 168.700 profili che vivono a meno di cinque chilometri dal Denner più vicino.

È qui che entra in gioco l'ufficio postale, che guadagna anche da questo tipo di attività: confronta i dati con il proprio database, verifica gli indirizzi postali e organizza la stampa e l'invio delle tessere sconto. Alla fine, 23.000 persone sono state identificate come potenziali acquirenti di ortaggi da Denner e hanno ricevuto automaticamente la tessera sconto.

In un opuscolo pubblicitario, La Posta ha elogiato la campagna pubblicitaria come un «successo favoloso»: i consumatori avrebbero riscattato il buono sconto tre volte più del solito. E ovviamente La Posta guadagna denaro con questo modello di business. Secondo le informazioni che K-Tipp ha ottenuto da Converto, 200.000 indirizzi varrebbero 90 mila franchi.

Gli attivisti difendono la protezione dei dati - Sara Stalder, direttrice della Fondazione per la tutela dei consumatori, critica aspramente l'approccio della Posta. «Ciò non va bene per un'azienda federale», sottolinea. Per la maggior parte dei consumatori, l'attività sarebbe poco trasparente e l'assegnazione degli indirizzi non voluta. «Questo sviluppo nascosto del volantinaggio è indegno di un'impresa statale, forse addirittura illegale». Quindi viene chiesto di dare la possibilità ai consumatori di scegliere se ricevere o meno questo tipo di materiale e soprattutto se fornire o meno i propri dati.

Quanto accaduto è finito sul tavolo dell'Autorità federale svizzera per la protezione dei dati, che ha contattato La Posta. A questo punto va chiarito quale trattamento dei dati sia avvenuto presso l'ufficio postale, l'agenzia pubblicitaria e presso Denner.

«Nessun dato fornito» - La Posta, dal canto suo, sottolinea di non aver trasmesso alcun indirizzo a Denner durante la campagna Coverto. «Non ci è permesso e non lo facciamo», assicura il portavoce Erich Goetschi. Converto otterrebbe le informazioni in altro modo. Tuttavia, la Posta Svizzera può confrontare e verificare le informazioni con la sua banca dati. «Lo abbiamo fatto anche in questo caso», ha ammesso Goetschi. «La Posta Svizzera funge da interfaccia tra il mondo digitale e il mondo fisico». Goetschi non riferisce quanti soldi siano stati guadagnati per farlo. Ma sostiene che non spetta alla Posta ottenere il consenso esplicito del cliente.

Andy Bartneck di Converto aggiunge: «Tutti i dati che abbiamo utilizzato per i profili anonimi possono essere ottenuti in modo completamente legale da rivenditori di indirizzi privati». La società pubblicitaria è tranquilla riguardo alle indagini. «Abbiamo sempre agito in conformità con le norme svizzere sulla protezione dei dati».

Come proteggersi
Se non vuoi pubblicità indesiderata nella tua casella di posta, puoi richiederlo. «Ogni persona ha il diritto di sapere da un'azienda, se lo desidera, quali dati conserva su di lui. Puoi richiedere la cancellazione di questi dati in qualsiasi momento», spiega K-Tip. Il modo migliore per farlo è tramite posta raccomandata.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE