Immobili
Veicoli

BERNAKeller-Sutter si è fatta vaccinare

30.01.21 - 09:19
I consiglieri federali hanno la possibilità di ricevere le dosi sebbene nessuno di loro abbia più di 75 anni.
keystone (archivio)
BERNA
30.01.21 - 09:19
Keller-Sutter si è fatta vaccinare
I consiglieri federali hanno la possibilità di ricevere le dosi sebbene nessuno di loro abbia più di 75 anni.
La ministra della giustizia ha parlato anche delle minacce dei negazionisti come del piano per uscire dal lockdown.

BERNA - La ministra della giustizia Karin Keller-Sutter ha confermato ai giornali del gruppo CH-Media in edicola oggi di essersi vaccinata contro il coronavirus.

Le polemiche - Come noto, i consiglieri federali hanno la possibilità di ricevere le dosi sebbene nessuno di loro abbia più di 75 anni, fatto che ha suscitato qualche polemica.

Il governo si è difeso sottolineando a più riprese come una sua protezione sia necessaria per evitare che la Svizzera rimanga senza leadership durante la crisi. «Abbiamo soli sette ministri e non 21 come altri Paesi», ha fatto per esempio notare in tal proposito il titolare degli affari esteri Ignazio Cassis, in un'intervista rilasciata alla stampa in settimana.

Minacce dai negazionisti - Ora Keller-Sutter è uscita allo scoperto, rendendo pubblica la sua vaccinazione. La 57enne si è inoltre espressa su altri temi legati alla pandemia, come quello delle minacce ricevute da parte di cittadini frustrati o negazionisti. Dicendosi per nulla intimorita, la sangallese ha fatto notare come la maggior parte della popolazione comprenda le decisioni dell'esecutivo.

Il livello di minacce non è cresciuto, bensì cambiato, ha proseguito la rappresentante del PLR. «Si tratta tuttavia davvero di una minoranza di persone», ha ribadito, ammettendo che il governo non sempre è stato perfetto nella lotta al Covid-19.

«Spesso dobbiamo scegliere fra due soluzioni insoddisfacenti», si è giustificata Keller-Sutter. La ministra ha peraltro smentito grandi divisioni interne al Consiglio federale e parlato di decisioni prese sempre di comune accordo: «Non abbiamo mai dovuto votare sul coronavirus».

Piano per la fine del lockdown - Un piano riguardo alla fine del semi-lockdown sta già venendo studiato, ha aggiunto Keller-Sutter. Una fase che a suo giudizio sarà fondamentale: «Abbiamo visto l'anno scorso che l'uscita dal confinamento può essere più delicata del confinamento stesso».

COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
A me sembra che fra i vari stati non ci siamo esponenti dei vertici che sono morti a causa o con il virus. Qualcuno è stato contagiato, qualche altro è stato ospedalizzato, ma nessuno è morto (tranne in quei paesi che è servito per fare piazza pulita degli esponenti scomodi). Tutti"vogliono" il vaccino, tutti vogliono essere"protetti" e c'è una lista di prioritari. Sembra che chi non faccia parte della lista sia discriminato.
Biaggi 1 anno fa su tio
Brava 👏
belaolga 1 anno fa su tio
le dedico una canzone di Masini...bella st.....😜
Tato50 1 anno fa su tio
Anche il mio vicino di casa, ma non leggo il suo nome ;-)
Volpino. 1 anno fa su tio
Ma insomma non bisogna dimenticare che i ministri devono a volte anche spostarsi in aereo da un paese all'altro e sono rilevanti per il sistema.
Barbylal 1 anno fa su tio
Scusate ma gli operatori sanitari? Messi nel dimenticatoio? Infondo siamo in prima linea! Come al solito si fa il contrario di tutto!
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Perché?
Bosa67 1 anno fa su tio
le regole non sono uguali per tutti, dipende dal grado d'importanza. Questo fa capire che valiamo molto poco
tartux 1 anno fa su tio
Se non fosse che c'é un'enormità di gente che crede a panzane sui vaccini il governo non dovrebbe fare dimostrazioni come questa per mostrare che il vaccino é sicuro. Non dico che non ci sono diseguaglianze ma a volte si deve guardare più in a al fine di capire come mai vengono fatte certe azioni.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA