Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
2 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
4 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
ZURIGO
6 ore
Colpito dal tram, muore in ospedale
Un 45enne tedesco ha perso la vita in seguito a uno scontro con un tram zurighese
FRIBURGO
8 ore
Un colpo di sonno, e giù nel ruscello
Un giovane conducente si è addormentato al volante sull'A12, finendo in un corso d'acqua
BERNA
9 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
9 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
10 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
11 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SVITTO
13 ore
I costi delle PC AVS/AI a carico del cantone
Finora la metà della spesa era assunta dai comuni.
BERNA 
13 ore
Iniziativa 99%: «Peccato, era moderata»
Regula Rytz e Tamara Funiciello esprimono la propria delusione per l'esito della votazione.
BERNA 
13 ore
«Giorno nero per i bambini»
C'è delusione tra gli oppositori, anche se le speranze erano già svanite da tempo.
BERNA
14 ore
Matrimonio per tutti: gioia fra i favorevoli
A Berna ci si sta già preparando a festeggiare per quello che sembra un esito ormai scontato.
SAN GALLO
14 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
14 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
15 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
16 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
SVIZZERA
18.12.2020 - 06:460

Quando traslochiamo, non ci integriamo nella vita sociale

È quanto emerge da uno studio pubblicato oggi dalla Commissione federale della migrazione

L'analisi giunge alla conclusione che per impostare il futuro degli agglomerati urbani vanno gettati ponti tra nuovi arrivati e residenti di lunga data

BERNA - Tutto il nostro territorio sta rapidamente cambiando volto. Un cambiamento che riguarda soprattutto gli agglomerati, insediamenti tra città e campagna, che stanno crescendo a un ritmo rapidissimo e ospitano ormai circa il 45% della popolazione elvetica. Ma come viene percepito il cambiamento in corso? E cosa lo muove?

È certo che il cambiamento (in particolare in relazione alla crescita demografica) viene associato al fenomeno della migrazione. Ma non è la migrazione in sé che fa paura alla popolazione, bensì gli effetti collaterali della crescita. Si parla pertanto d'intensa edificazione, aumento del traffico e impoverimento della vita sociale. Questo è quanto emerge da un recente studio della Commissione federale della migrazione (CFM), che tiene conto delle risposte di cittadini residenti in otto località elvetiche, tra cui si contano anche Agno e Losone.

L'impoverimento della vita sociale - Certo, quando si parla di crescita, si pensa anche all'arrivo di nuovi residenti nel proprio comune. Un fenomeno che, secondo gli intervistati, può compromettere una convivenza basata sulla conoscenza personale. Questo a prescindere, però, di chi siano i nuovi arrivati e quale sia la loro provenienza. L'aspetto che preoccupa di più è però che il comune in cui si vive si trasformi in un “dormitorio”: a più riprese le persone interpellate si sono infatti lamentate del fatto che i nuovi residenti non trasferiscono la propria vita sociale nel comune e che quindi non stabiliscono quasi nessun legame con gli abitanti del posto.

I nuovi arrivi, appunto, non vengono automaticamente associati agli stranieri. E il tema della migrazione viene affrontato raramente come un problema di rilievo. Lo diventa, come emerge dalle risposte degli intervistati, nel caso in cui la migrazione è vista come origine dei cambiamenti che destano preoccupazione (l'inquinamento ambientale, l'aumento del traffico, l'attività di costruzione e l'individualizzazione). È per esempio il caso di Agno, dove la mobilità individuale è associata ai frontalieri.

Si sta meglio coi “vicini” - Fatto sta, che la convivenza con persone provenienti da paesi geograficamente o culturalmente vicini è giudicata meno problematica, in quanto si reputa che i loro comportamenti siano più facilmente prevedibili e le barriere linguistiche o religiose sono considerate meno invalicabili. Va da sé che vengono considerate più “problematiche” quelle persone che provengono da paesi più lontani, in particolare secondo il punto di vista degli intervistati più anziani. Poi c'è una categoria di persone che molti partecipanti allo studio sentono allo stesso tempo sia molto vicine che lontane: i frontalieri.

Questione d'integrazione - C'è comunque un punto d'incontro. E questo si chiama “integrazione”. Lo studio dimostra infatti che la presenza e la partecipazione durevoli alla vita locale relativizzano l'importanza che i residenti attribuiscono al luogo d'origine dei membri della comunità. La presenza nel comune, la partecipazione attiva e la volontà di abbracciare le regole e le consuetudini locali costituiscono la premessa per la creazione di fiducia, accettazione e senso di appartenenza.

Coinvolgere tutti - Come favorire allora lo sviluppo e il cambiamento dei comuni senza lo scaturire di conflitti? Gli autori dello studio ritengono che i cambiamenti andrebbero accompagnati, comunicati e, se possibile, pianificati con modalità basate sulla partecipazione. Insomma, con il coinvolgimento dei vari gruppi della popolazione, in base a criteri quali periodo di presenza, generazioni, lingue, provenienza e via dicendo.

Gli autori dello studio rilevano, comunque, che si tende a non parlare di migranti, bensì di «persone specifiche con un (presunto) passato migratorio», che vengono identificate in base a lingua, nazionalità, regione di provenienza, religione o colore della pelle. Il termine “migranti” viene invece spesso utilizzato per i richiedenti l'asilo.

Se il negozio locale chiude

Il tema dei consumi occupa un posto di rilievo quando si parla di cambiamenti nel proprio comune. Basta l'apertura di un centro commerciale o la chiusura di un negozio locale per modificare radicalmente le abitudini dei cittadini.

Ma il rammarico per la scomparsa di botteghe o di osterie va oltre il semplice cambiamento dell'offerta. Si parla piuttosto della componente sociale del consumo. Lo shopping e le attività del tempo libero sono infatti occasioni importanti per stabilire un contatto con altri residenti del comune, di conseguenza i consumi locali acquisiscono un ruolo centrale per la convivenza.

Nelle zone di confine, tra cui il Ticino, assume inoltre un peso particolare la disparità di prezzo tra Svizzera e paese confinante. In Ticino molti intervistati considerano il turismo degli acquisti come un'ingiustizia: «Il “dumping salariale” fa sì che i lavoratori dipendenti guadagnino di meno e siano pertanto costretti ad andare in Italia per fare acquisti a prezzi più convenienti, finendo però per indebolire a loro volta l’economia ticinese» come emerge dalle risposte degli intervistati.

Otto comuni sotto la lente

Lo studio “Coesione e convivenza nei Comuni svizzeri - Come la migrazione viene percepita dalla popolazione residente”, svolto su incarico della Commissione federale della migrazione, fornisce un quadro diversificato delle sensibilità dei vari gruppi della popolazione. Nell'ambito dello studio sono stati visitati otto comuni sparsi in tutto il paese (Agno, Belp, Le Locale, Losone, Lutry, Oftringen, Rheinfelden e Rümlang). L'approccio seguito, in cui i risultati non sono stati stabiliti a priori, ha compreso colloqui informali, brevi interviste e un sondaggio ludico su tablet.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 02:32:27 | 91.208.130.86