Keystone
Gli uffici della sede basilese saranno un po' più vuoti in futuro?
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Mascherina al chiuso «anche con la distanza»
La raccomandazione arriva dalla task force della Confederazione
BERNA
1 ora
Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere
Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.
VAUD
5 ore
Prilly, spara alla moglie e poi si suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
GRIGIONI
5 ore
Covid: "Situazione particolare" in tutto il Cantone
L'esecutivo ha decretato questo "status" per garantire un approccio uniforme nell'interno del cantone.
BERNA
6 ore
E ora come aiutiamo i club sportivi?
Per loro le misure anti Covid rappresentano una mazzata. Scatta l'interrogazione di Piero Marchesi
GINEVRA
7 ore
Pierre Maudet lascia il Governo
Ha rassegato oggi le dimissioni, ma ha anche annunciato che si candiderà alla sua successione
SVIZZERA
7 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
8 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
9 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
GRIGIONI
9 ore
Selvicoltore 25enne si ferisce con una motosega
Il giovane è scivolato e si è ferito a una mano.
SVIZZERA
9 ore
I passeggeri erano quasi tornati, ma ora...
Tra luglio e settembre l'affluenza è stata del 30% inferiore a quella dello scorso anno.
VAUD
10 ore
Il CHUV sospende le visite ai pazienti
Inoltre tutte le operazioni non urgenti sono state posticipate.
SVIZZERA
10 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
14.09.2020 - 12:060

Novartis punta sul telelavoro: «Non è vero che da casa si rende meno»

La multinazionale basilese sarà la prima grande realtà elvetica a permettere l'home working anche nel post-Covid.

La flessibilità sarebbe la caratteristica più ricercata dai dipendenti per dare il loro meglio. Il capo del personale: «Il 60% desidera poter scegliere dove e quando lavorare».

Telelavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BASILEA - Prima grande realtà elvetica a permettere il telelavoro permanente a chi lo desidera, anche nel post-Covid, Novartis sta analizzando il comportamento dei suoi impiegati. Primo risultato: il volume di lavoro prestato non è calato.

«Abbiamo chiesto ai nostri collaboratori di cosa hanno effettivamente bisogno per lavorare nel modo più produttivo possibile», spiega in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger Steven Baert, capo del personale del colosso farmaceutico renano. «Abbiamo ricevuto oltre 60'000 risposte e più di 100'000 commenti. Il risultato è stato che i nostri dipendenti vogliono lavorare in modo più flessibile. Concretamente, ciò significa che circa il 60% desidera poter scegliere dove e quando lavorare, cioè passare in modo flessibile da un luogo all'altro. Il 14% preferisce lavorare a casa, un altro 14% desidera lavorare solo in ufficio, anche se la flessibilità sarebbe a disposizione, gli altri dicono: devo essere in ufficio, non c'è altro modo».

Chi rimane a casa non fa comunque vacanza. «Abbiamo constatato che il volume di lavoro svolto non è diminuito», afferma il manager. L'impresa può dirlo perché utilizza uno strumento di analisi che misura l'attività al telefono, di scrittura di mail e di meeting digitali. Controllo totale? «In primo luogo, i dipendenti non sono tenuti a partecipare a questa raccolta di dati, possono rifiutarla», risponde Baert, precisando che solo il 3% si oppone. «Secondariamente non misuriamo l'attività individuale di un dipendente: guardiamo solo i dati aggregati. L'analisi è inoltre limitata solo a un team con almeno 30 persone».

A sorpresa è emerso quanto intensamente i lavoratori effettuino scambi fra di loro. «Hanno meno tempo per riflettere in modo tranquillo di quanto avessimo pensato», osserva il 46enne. Inoltre con l'aumento dell'home office sale anche il numero di appuntamenti: «Invece di passare un attimo da un collega per discutere un tema, prenotano un appuntamento in agenda». Stando al dirigente di origini belghe «esiste il pericolo che la flessibilità abbia effetti negativi sugli scambi: dobbiamo trovare il mondo di affrontare la cosa».

Per evitare che i collaboratori rimangano troppo tempo davanti allo schermo Novartis mette a disposizione un'apposita applicazione, che dà consigli su pause, sonno e alimentazione. Niente paura però, l'impresa non ha accesso a dati. «È importante per me sottolineare che la protezione dei dati e anche la privacy dei nostri dipendenti sono assolutamente fondamentali. Tutta la nostra strategia si basa sulla fiducia tra noi e i nostri dipendenti. Se danneggiamo questa fiducia, distruggiamo le nostre fondamenta», dice il capo del personale.

La chiave di tutto è che le varie offerte sono opzionali. «Non ci aspettiamo che le persone utilizzino l'app in questione. Non sappiamo nemmeno quanti la usino attivamente. In generale: non ci occuperemo mai di micro-management dei nostri dipendenti. L'idea che l'azienda abbia bisogno di carota e bastone per far agire correttamente il proprio personale è completamente superata. Le persone sono motivate quando imparano costantemente cose nuove e quando contribuiscono a idee importanti, quando il loro lavoro ha un impatto. Vogliamo vivere questa cultura», conclude Baert.

Il programma di telelavoro del gruppo è globale, ma è strutturato in base al Paese. «Ciò significa che non si può lavorare per Novartis Svizzera da Bali», spiega il dirigente. «Lavorare da casa è sempre una scelta. Non chiediamo né costringiamo nessuno a farlo. Versiamo ai collaboratori che ne hanno diritto una somma una tantum di circa 680 franchi per l'allestimento del loro ufficio domestico. E i dipendenti possono ad esempio ottenere una sedia da ufficio scontata attraverso i nostri partner», conclude il responsabile del personale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Марко Манзини 1 mese fa su fb
Precisiamo comunque che telelavoro non è Smart working.
Ivan Viazzi 1 mese fa su fb
Si potrebbe fare anche a livello di servizi. I pompieri spengono il fuoco da casa, i dottori operano da casa, i cuochi cucinano da casa, alberghi chiusi perché stanno a casa 😊
Nadia Peverelli 1 mese fa su fb
Finalmente qualcuno che ragiona
Diablo 1 mese fa su tio
Prima ? mi sa che sono indietro di un paio di anni
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-29 23:59:22 | 91.208.130.86