KEYSTONE
La crisi sta colpendo più duramente le fasce più deboli della popolazione, afferma Pierre-Yves Maillard.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Accordo quadro: la Svizzera aveva avanzato diciotto proposte
Pubblicati alcuni stralci del mandato negoziale
URI
1 ora
Auto in fiamme sull'A4
Si registrano disagi al traffico in entrambe le direzioni.
VAUD
1 ora
A passeggio con la famiglia, muore un 41enne
L'uomo è stato colpito alla testa da una pietra mentre si trovava nella gola di Chauderon
ZURIGO
2 ore
Ubriaco con fucile d'assalto inseguito e arrestato dalla polizia
La presenza dell'uomo - si trattava di un 21enne - è stata segnalata la scorsa notte a Winterthur
NEUCHÂTEL
2 ore
A Neuchâtel il Governo va verso destra
Il PLR ha conquistato tre seggi su cinque. L'affluenza alle urne è stata del 30,2%
SVIZZERA
5 ore
Viaggi senza quarantena per i vaccinati?
La misura potrebbe rientrare nel pacchetto di allentamenti che il Governo federale discuterà il prossimo mercoledì
BERNA
6 ore
Abortì a Domodossola: tre guardie di confine condannate
Secondo il giudice hanno mancato di coraggio civile. Il loro dovere era quello di chiamare un'ambulanza
SAN GALLO
7 ore
A 227 chilometri orari sull'autostrada A1
Si tratta di un diciottenne che è incappato in un controllo radar della polizia sangallese
ZURIGO
7 ore
Solo la metà del personale si vaccina nelle case anziani di Zurigo
«È deludente», afferma Gabriela Bieri, co-responsabile della campagna di vaccinazione cantonale negli istituti.
SVIZZERA
7 ore
Più minacce nei confronti dei docenti
Il fenomeno sarebbe dovuto all'uso più intensivo di mezzi di comunicazione digitale a causa della pandemia
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
«Il 5G per evitare il collasso della rete»
La crescente trasmissione di dati, richiede una tecnologia più performante. Lo mostra uno studio Sotomo
SVIZZERA
01.05.2020 - 10:570
Aggiornamento : 13:20

La crisi provocata dal coronavirus sta colpendo duramente le fasce più deboli della popolazione

Pierre-Yves Maillard suggerisce d'intervenire sugli elevati premi dell'assicurazione malattia

Per il presidente dell'Unione sindacale svizzera c'è bisogno di una «difesa nazionale sanitaria»

BERNA - La crisi della epidemia di Covid-19 colpisce più duramente i più deboli. Fra i lavoratori con i salari più bassi, quasi il 50% è attualmente impiegato a orario ridotto, mentre lo è solo il 5% delle persone con le paghe più alte.

Lo afferma il presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS) Pierre-Yves Maillard in un'intervista pubblicata oggi dai giornali del gruppo Tamedia. Si tratta di una situazione del tutto ingiusta. Un modo per aiutare i lavoratori meno abbienti sarebbe di intervenire sugli elevati premi dell'assicurazione malattia. L'USS è pronta a discutere su un programma congiunturale che potrebbe farli scendere, aggiunge Maillard.

La situazione è drammatica, constata il presidente dell'USS. L'economia di esportazione è stata indebolita dal blocco del mercato internazionale e dei rifornimenti. Non c'è quasi più spazio di manovra. «Quindi dobbiamo iniziare a incrementare i consumi domestici», continua Maillard. Dove però c'è un problema di fiducia in relazione alle misure anti-epidemia. La protezione della salute sul posto di lavoro deve essere meglio controllata, afferma il sindacalista. E gli investimenti devono essere effettuati soprattutto nei servizi pubblici, che non dovrebbero sottostare solo a logiche di mercato.

«Difesa nazionale sanitaria» - Nelle scorse settimane gli ospedali hanno smesso di effettuare operazioni redditizie, perché se avessero agito secondo i profitti economici ci sarebbero stati molti più morti, sottolinea Maillard. Il presidente dell'USS ritiene che, invece di un nuovo sistema di difesa aerea, la Svizzera abbia bisogno di una «difesa nazionale sanitaria». «Dobbiamo allestire impianti di produzione per i beni medici più importanti: per gli antibiotici, gli anestetici, ma anche per i medicinali destinati ai bambini». Materiale che potrebbe essere prodotto dalla farmacia dell'esercito.

La difesa della salute della popolazione deve avere la priorità assoluta, quindi la Svizzera dovrebbe prepararsi già oggi ad affrontare il prossimo virus e a sviluppare anche strumenti diversi dal confinamento per combattere la pandemia, esorta Maillard. Ciò, ovviamente, costa. Ma ci sono settori che hanno realizzato profitti colossali. «Dovranno mostrarsi solidali», dice Maillard. «I dividendi e i riacquisti di azioni sono esplosi negli ultimi anni. È stata un'orgia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 anno fa su tio
Niente, mi sono riallacciato al tuo ragionamento per fare una riflessione tutta mia.
Meck1970 1 anno fa su tio
La maggior parte dei dipendenti che hanno famiglia, prendono con il lavoro temporaneo l'80% del salario. Gli indipendenti non prenderanno quasi niente. Ma le tasse, affitti, elettricità, cassa malati, e altre spese..... continuano ad arrivare tranquillamente al 100% e se chiedi, non ti danno nessuno sconto, ma solo delle dilazioni. La confederazione e il cantone non avevano detto che tutti sarebbero stati aiutati?
F/A-18 1 anno fa su tio
@Meck1970 I dipendenti pubblici mi sembra che ricevano il100%, sono poi quelli che istericamente gridano ai quattro venti che non bisogna riaprire così presto, certo perché così gli si prolungano le vacanze, già non ne fanno quando lavorano.
Meck1970 1 anno fa su tio
@F/A-18 Non capisco che cosa centra con il mio commento.
F/A-18 1 anno fa su tio
@Meck1970 Niente, mi sono semplicemente allacciato al tuo commento per ribadire una mia riflessione.
miba 1 anno fa su tio
Tante belle parole...che ormai sanno già tutti ben prima di Pierre-Yves Maillard...e tranquillo: chi ha realizzato profitti colossali col cavolo che si dimostrerà solidale....
francox 1 anno fa su tio
Molti si stanno facendo soldi, ovviamente gente già ricca. Basti pensare che le azioni Swisscom hanno raggiunto durante la pandemia il loro massimo da sei anni a questa parte, per crollare subito dopo. Se non è orchestrata questa....
tip75 1 anno fa su tio
create posti di lavoro e paghe dignitose per i residenti, assumere personale residente rovesciando la dipendenza dall estero che vi siete creati su misura , vedrete che così si risolleverà l economia
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-09 18:46:29 | 91.208.130.86