Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
21 min
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
41 min
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
SVIZZERA
1 ora
Lascia il capogruppo dei Verdi in Parlamento
Lo zurighese Balthasar Glättli aspira a prendere il posto della presidente Regula Rytz
GRIGIONI
1 ora
Bimbo di quattro anni investito
Un bambino di soli quattro anni è rimasto ferito in un incidente avvenuto ieri sera a Malans.
BERNA
3 ore
Covid in Svizzera, 20 nuovi positivi e 6 morti
Il totale dei positivi sale così a quota 30'796, mentre quello delle vittime a 1'655
SVIZZERA
3 ore
Ecco quanti saremo nel 2050
Nei prossimi trent'anni ci sarà una crescita demografica marcata nel nostro Paese.
SVIZZERA
5 ore
«Recessione di proporzioni storiche»
Il capo economista di Raiffeisen Martin Neff prevede un periodo molto duro per l'economia elvetica con il crollo del PIL
SVIZZERA
5 ore
Scorte della Confederazione intatte nonostante l'assalto ai supermercati
La Svizzera rimarrà comunque dipendente dall'estero anche nel settore agroalimentare
SVIZZERA
6 ore
Il Consiglio federale non vuole correre ciber-rischi
Il Governo ha deciso di istituire un centro di competenze per la protezione della Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Quando i ristoratori applicano un "supplemento corona"
C'è chi preferisce aggiungere al conto due franchi per coprire i costi aggiuntivi, e chi aumenta i prezzi sul menù.
SVIZZERA
6 ore
Ambiente e comunicazioni, due importanti nomine a Berna
I rispettivi Uffici federali avranno due nuovi direttori.
SVIZZERA
6 ore
Coronavirus, «Non ci sarà una seconda ondata in Svizzera»
Solo ripetuti focolai di infezione, secondo Marcel Tanner, della task force della Confederazione sull'epidemia
SVIZZERA
17 ore
Si dimette il presidente della Chiesa evangelica riformata
Ci sarebbero seri indizi di violazioni delle sue competenze in un affare del Consiglio della CERS
GINEVRA
21 ore
Un aiuto svizzero per l'OMS
Una fondazione elvetica intende raccogliere fondi per supplire al mancato contributo americano.
SVIZZERA
21 ore
Più soldi per promuovere distribuzione mattutina dei giornali
La Commissione delle telecomunicazioni propone lo stanziamento di altri 40 milioni a sostegno della stampa
URI
21 ore
Venerdì si torna a circolare (anche) sul Furka
Si tratta del quarto passo urano a riaprire dopo Klausen, Oberalp e San Gottardo.
BERNA
31.12.2019 - 14:290

Funzionari che lavorano nel tragitto casa-ufficio: «Controllarli non è possibile, serve fiducia»

Jens O. Meissner, professore di Progettazione dell’organizzazione, risponde alle perplessità dei lettori rispetto alle nuove disposizioni introdotte dalla Confederazione

di Redazione
Daw/Do

BERNA - Dal 1. gennaio 2020 i dipendenti della Confederazione potranno sistematicamente timbrare già nel tragitto casa-lavoro in treno. Una novità che ha diviso i lettori di 20 Minuten. I detrattori, in particolare, hanno sollevato delle perplessità rispetto a questa modalità di lavoro in mobilità. Jens O. Meissner, professore di Progettazione dell’organizzazione alla Scuola universitaria di Lucerna (HSLU), fornisce qualche risposta.

“Chi controlla che gli impiegati lavorino davvero in treno?”
«Controllare non è possibile. Lavoro in mobilità significa fiducia nei collaboratori e dare loro chiare indicazioni di quali mansioni svolgere in quali orari. Per i capi-team si tratta di una sfida: se nel gruppo si diffonde l’impressione che qualcuno se la prenda comoda nel tragitto casa-lavoro si crea rapidamente una brutta atmosfera».

“Anche nella nostra azienda gli impiegati d’ufficio possono timbrare nel tragitto casa-lavoro: guardano Netflix in treno e conteggiano tutto il viaggio come tempo di lavoro.”
«Se un dipendente in treno guarda Netflix e il lavoro lo sbriga a casa non fa differenza. La condizione è che completi puntualmente delle porzioni di lavoro e segni il tempo impiegato in maniera corretta».

“Incredibile: non ci sono soldi per niente, ma i funzionari ricevono un ulteriore trattamento speciale. Sembra che tutti facciano lavori d’ufficio e possano fare soldi stando seduti: uno schiaffo in faccia a chi fa lavori manuali.”
«Si tratta semplicemente di un’altra realtà lavorativa. Chi fa lavori manuali deve organizzarsi molto meno da solo. Il fatto che lavori dalle 7 alle 5 non dice niente sulla qualità di ciò che fa. Solo se quest’ultima è buona dovrebbero essere possibili sistemi di gestione dei tempi di lavoro più liberi.»

“È una forma di lavoro moderna e più produttiva che ciondolare sul treno.”
«Effettivamente il lavoro flessibile è assolutamente di moda anche nell’economia privata. La Confederazione non può sottrarsi a questa evoluzione: nella lotta per accaparrarsi i collaboratori migliori servono anche questi margini di libertà. Gli studi sull’“home office”, il lavoro da casa, mostrano che grazie alla condivisione degli spazi di lavoro (scrivanie condivise) i costi si riducono del 20%. Anche le emissioni di CO2 scendono della stessa percentuale. Se si lavora davvero in mobilità si può anche prendere un treno più tardi rendendo possibile un migliore sfruttamento dei posti disponibili sui convogli.»

“In treno non si può ottenere la stessa qualità di lavoro che in ufficio.”
«È una questione soggettiva. Ad alcuni il treno piace per svolgere attività creative. Orde di studenti e scolari studiano e lavorano in treno. Interi libri sono stati scritti in treno.»

“E la protezione dei dati? Altri possono facilmente leggere quello di cui ci si sta occupando.”
«È un’obiezione legittima. In treno si dovrebbero evitare conversazioni su temi sensibili, ma la maggior parte delle attività di un impiegato sono scritte, non serve fare telefonate. E, per quanto riguarda il display, se davvero serve ci sono dei filtri apposta.»

“Sul treno c’è un funzionario. Chi lavora? L’aria condizionata.”
«Questo è un commento diffamatorio e fastidioso! L’obiettivo degli impiegati statali non è la competitività, ma il buon funzionamento dello Stato. Essere produttivi può anche voler dire che per un paio d’ore non ci si concentra tanto sul risultato quanto per esempio sulla correttezza e l’idoneità di una procedura.»

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 4 mesi fa su tio
Hahaha... pensavo che era un pesce d’aprile...
Rox Bruno 4 mesi fa su fb
Giusto!
Damir Svagusa 4 mesi fa su fb
Certo che sì può
Cico Malcantone 4 mesi fa su fb
Completamente d'accordo, più flessibilità e fiducia.
Nmemo 4 mesi fa su tio
Un funzionario che correntemente porta lavoro a casa, andrebbe controllato per principio, c'è qualcosa che non quadra. Poco regge la tesi del professore, anche poiché il lavoro di funzionari deve sottostare a garanzie di discrezionalità e di sicurezza; non può essere trasferito sic et simpliciter su PC che escono dalla dovuta protezione dei dati. Per quelli cantonali e comunali è meglio non aprire il discorso.
Libero pensatore 4 mesi fa su tio
Spero che piano piano il mito di controllare i dipendenti sparisca definitivamente. Non è controllando che si ottengono risultati. Ci vuole fiducia. Il dipendente deve avere la percezione che il proprio superiore si fidi di lui. Se la fiducia viene tradita il dipendente deve essere mandato a casa senza se e senza ma.
Andrea Weber 4 mesi fa su fb
Controllare si può, basta un account.
comp61 4 mesi fa su tio
Già non rispondo mai al telefono, pensa te se lo faranno dal treno....
Kepey Antares 4 mesi fa su fb
se si VUOLE si può controllare tutto, di sistemi ce ne sono dai più semplici, ( "la resa" ore lavori fatti ) , lo vedi coi resoconti a fine mese/ semestre/ anno... o a un controllo elettronico quando si accede a determinati programmi....se ce FIDUCIA da un lato e SERIETÀ dall' altro non serve controllare.
Meck1970 4 mesi fa su tio
Mentre si viaggia ... non è meglio rilassarsi e godersi il paesaggio? Almeno in ufficio si arriva belli rilassati e con la mente libera????
Tato50 4 mesi fa su tio
Gli statali nel Canton Ticino devono timbrare se escono a fumare una sigaretta. Se sono in malattia, ma con il certificato medico che li autorizza a lavorare al 50%, con una nuova invenzione del solito "testina" viene conteggiata assenza al 100 %. Quindi se io vado dal Medico e mi dice può cominciare al 50% gli rispondo : Col c...o che ci vado tanto mi conteggiano assenza totale quindi rimango a casa !!!!!!!! Complimenti a quello che ha inventato questa direttiva, se tutto va bene illegale , e a Raul Ghisletta che difende gli impiegati statali quando non viene preso a spintoni mentre raccoglie firme per altre cose ;-((((
MrBlack 4 mesi fa su tio
Ma poi io tragitto a piedi o altri mezzi dalla stazione all’ufficio viene pure conteggiato come tempo di lavoro? Mah...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 15:16:48 | 91.208.130.86