Cerca e trova immobili

NYONVisions du Réel: Grand Prix a Peter Mettler

28.04.23 - 21:01
È la seconda volta che il regista svizzero-canadese riceve questo premio.
VDR Marine Pierre
Visions du Réel: Grand Prix a Peter Mettler
È la seconda volta che il regista svizzero-canadese riceve questo premio.

NYON (VD) -  Peter Mettler si è aggiudicato il Grand Prix della 54esima edizione del festival del cinema Visions du Réel di Nyon con il suo film "While the Green Grass Grows". È la seconda volta che il regista svizzero-canadese riceve questo premio.

Una volta completato, il suo progetto fuori dal comune sarà composto di sette parti. All'edizione di quest'anno della rassegna vodese sono state proiettate le prime due.

In While the Green Grass Grows (mentre cresce l'erba verde), il regista filma la sua vita quotidiana in una sorta di diario o meditazione visivi. Gli eventi sono relativamente recenti: la morte della madre nel 2019, accompagnata da immagini della natura e delle montagne appenzellesi. Il periodo della pandemia lo riporta poi in Canada, dove cerca di godersi gli ultimi momenti di vita con il padre.

Nel 2002, Mettler aveva già ricevuto il Grand Prix per "Gambling, Gods and LSD", un film documentario sulla ricerca dell'estasi.

Premi per film d'esordio

"Chagrin Valley", il film d'esordio della regista zurighese Nathalie Berger, ha vinto il concorso nazionale. L'autrice immerge il pubblico in un villaggio artificiale creato in un magazzino in un sobborgo di Cleveland (Ohio, Usa), dove vivono i residenti di una casa di riposo affetti da demenza.

Il premio speciale della giuria va a "The Wonder Way" di Emmanuelle Antille. L'artista di Losanna presenta un viaggio che parte dal giardino di sua nonna e attraversa territori insoliti in ogni angolo del mondo e dello spazio.

963 ore da qualche parte in internet

Il concorso Burning Lights, dedicato alle nuove forme di cinema, premia "Knit's Island" di Ekiem Barbier, Guilhem Causse e Quentin L'helgoualc'h (Francia). La trama: da qualche parte su internet c'è uno spazio in cui le comunità simulano una fiction di sopravvivenza. Gli avatar dei registi vi hanno trascorso 963 ore.

Il premio speciale della giuria in questa categoria va a "This Woman" di Alan Zhang (Cina). Il film tratta del ruolo della donna nella società cinese contemporanea.

Il premio interreligioso è andato a "Sconosciuti puri", documentario di Valentina Cicogna e Mattia Colombo.

Tutti i film premiati sono stati proiettati in anteprima mondiale. Domani verrà ancora assegnato il premio del pubblico. Il festival chiuderà i battenti dopodomani con la proiezione dei film premiati.

 

NOTIZIE PIÙ LETTE