Cerca e trova immobili

SANREMOMengoni in testa a tutti. Infiammano i Maneskin

10.02.23 - 08:41
Paola Egonu all'Ariston: «Siamo tutti uguali oltre le apparenze»
Imago
Mengoni in testa a tutti. Infiammano i Maneskin
Paola Egonu all'Ariston: «Siamo tutti uguali oltre le apparenze»

SANREMO - Marco Mengoni resta primo. Dopo tre serate di Sanremo, il cantante risulta ancora al primo posto nella classifica provvisoria. Ieri sera la giuria demoscopica e il televoto hanno scelto ancora lui. Alle sue spalle si è posizionato Ultimo, e poi Mr.Rain. A seguire Lazza, Tananai, Madame, Rosa Chemical, Colapesce Dimartino, Elodie, Giorgia, Coma Cose, Gianluca Grignani, Modà, Paola e Chiara, LDA, Ariete, Articolo 31, Mara Sattei, Leo Gassmann, Colla Zio, Levante, Cugini di Campagna, gIANMARIA, Olly, Anna Oxa, Will, Shari, Sethu.

È toccato a Gianni Morandi aprire la serata prendendo subito in giro Amadeus: «Ho deciso di presentare da solo, altrimenti quello là inizia a sparare cifre, 'ci hanno visto 16 milioni di spettatori».

La serata è stata caratterizzato dalla presenza di Paola Egonu, elegante in un abito monospalla bianco firmato Emporio Armani: «Ho i brividi di paura, ho scelto questa canzone perché mi rappresenta perfettamente", dice dopo aver superato brillantemente la prova della scala». Al Festival Paola Egonu ha portato la sua esperienza di vita, puntando sul fatto che il razzismo c'è e va affrontato, ha parlato del suo orgoglio di sentirsi italiana, e che essere diversi vuol dire essere unici: «Siamo tutti uguali oltre le apparenze». 

«Questa sera - ha spiegato con visibile emozione - non sono qui a dare lezioni di vita, perché alla mia età sono più le cose che posso imparare di quelle che posso insegnare. Cerco di ricavare da ogni giorno un insegnamento e così è stato anche nelle settimane di avvicinamento al Festival. Spesso in passato sono stata definita ermetica, così nel tempo mi sono impegnata a raccontarmi di più, provando a ridurre al minimo lo spazio di interpretazione. Questo non ha evitato comunque che alcune frasi venissero strappate dal contesto, tagliate, incollate in senso casuale e fiondate sui giornali come titoli usati per far rumore».

La serata si è infiammata con l’arrivo dei Maneskin, che hanno regalato al pubblico un medley con alcuni dei loro successi: I wanna be your slave, Zitti e buoni (il brano con cui primeggiarono prima a Sanremo poi all'Eurovision Song Contest), The loneliest e l'ultimo singolo Gossip sulle cui note è salita sul palco anche la leggenda del rock Tom Morello. Prima di salutare, i Maneskin hanno ricevuto il Premio Città di Sanremo.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE