Imago
STATI UNITI
06.07.2021 - 19:000

Gigi Hadid ai paparazzi: «Per favore, pixelate il volto della nostra bambina»

La modella ha chiesto di aiutarla a proteggere la piccola: «Lei non ha mai scelto di essere un personaggio pubblico».

NEW YORK - È un lungo e accorato appello quello che Gigi Hadid ha condiviso su Instagram per chiedere ai paparazzi, alla stampa e agli account dei fan sui social di pixelare il volto di sua figlia di 9 mesi quando pubblicano foto che ritraggono anche lei. La modella americana e il compagno, il cantante britannico Zayn Malik, vorrebbero infatti poterle far vedere «il mondo» senza che la piccola diventi un personaggio pubblico senza averlo mai scelto. 

«La nostra bambina sta crescendo e noi abbiamo capito che non possiamo proteggerla da tutto nella maniera in cui volevamo e potevamo quando era più piccola», ha scritto la 26enne in una storia. «Nella nostra ultima visita a New York ha iniziato a volere il parasole (del passeggino, ndr) alzato, una cosa a cui è abituata a casa, e se lo alza da sola!», ha continuato aggiungendo una faccina che ride.

Normalmente, Gigi e Zayn vivono in una fattoria, dove possono far stare la loro figlia Khai all'aria aperta senza paura dei paparazzi. La piccola, però, «ama vedere il mondo», ha spiegato la modella, e, quando sono a New York, Gigi vorrebbe che potesse «vedere la città più straordinaria del pianeta» senza che il suo volto diventasse noto a tutti: «Scrivo tutto questo per dire ai paparazzi, alla stampa e ai cari account dei fan: sapete che non abbiamo mai condiviso intenzionalmente il volto di nostra figlia sui social media», ha fatto notare la mamma 26enne. «Il nostro desiderio è che lei possa scegliere come condividere se stessa con il mondo quando crescerà e che possa vivere un'infanzia il più normale possibile senza preoccuparsi di un'immagine pubblica che non ha mai scelto» di avere, ha continuato.

Gigi ha quindi chiesto «per favore, per favore, per favore» a fotografi, giornalisti e account dei fan di pixelare il volto della figlia se e quando finisce in un'immagine. «So che è uno sforzo aggiuntivo, ma come neomamma voglio solo il meglio per la mia bambina, come tutti i genitori... - ha ammesso -. E spero che questo possa contribuire al dibattito sulla protezione dei minori nei media, persino se appartengono a una famiglia pubblica».

La modella non ha del resto mancato di ringraziare i fotografi che già dimostrano una particolare sensibilità sul tema. «Vorrei trasmettere un grosso "grazie" a quei paparazzi che sono stati così rispettosi da quando ho chiesto loro di tenere una certa distanza mentre vado in giro con il passeggino dopo il mio primo viaggio a New York con Khai», ha scritto. «Vi vedo e lo apprezzo - ha continuato -. Per un bambino, posso immaginare che la frenesia ravvicinata e plateale dei paparazzi possa travolgere e disorientare... Continua a fare quell'effetto anche a un adulto che capisce e vi ha a che fare spesso».

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 04:38:14 | 91.208.130.87