Imago/LasVegasEdizioni
Massimo Benvegnù e Mattia Bertoldi.
ULTIME NOTIZIE People
FOTO
CANTONE
3 ore
Una passeggiata (in schizzi e parole) lungo i sentieri del Ticino
"Tessiner Horizonte - Momenti ticinesi" è il lavoro a quattro mani di Fabio Andina e Lorenzo Custer
REGNO UNITO
12 ore
«Ho capito solo mesi fa che "f*****" è un insulto contro i gay da non utilizzare»
A far riflettere Matt Damon sul suo uso quantomeno disinvolto della parola è stata una delle figlie.
STATI UNITI
14 ore
Il «miglior video musicale di sempre» è di Beyoncé
Si tratta del videoclip di "Formation", secondo il magazine Rolling Stone
FINLANDIA
16 ore
Anche i "mostri" si vaccinano
Mr. Lordi ha preso parte alla giornata di porte aperte al centro vaccinale di Rovaniemi
ITALIA
18 ore
Laura Chiatti: smentita in tre mosse la crisi con Marco Bocci
L’attrice ha usato Instagram per negare le voci di “maretta” col marito
ITALIA
20 ore
Gregoraci-Briatore: ritorno di fiamma a Capri? 
Si accendono i sospetti sulla coppia, sull’isola per un evento di beneficenza
LOCARNO
22 ore
Un nuovo professore per il Locarno Film Festival
Lo statunitense Kevin B. Lee ha battuto la concorrenza di quasi 150 candidati
STREAMING
1 gior
Pioggia e grandine ad agosto? Ci pensano Netflix & co.
Le uscite più interessanti in arrivo questo mese sulle principali piattaforme di streaming video
ITALIA
1 gior
Gaetano Curreri è «in lento e graduale miglioramento»
Migliorano le condizioni del cantautore dopo l'infarto di venerdì sera
STATI UNITI
1 gior
"Jungle Cruise" debutta col botto (e Dwayne Johnson gongola)
Le stime degli incassi sono migliori delle attese della vigilia per il film Disney
CINA
1 gior
Superstar cinese arrestata con l'accusa di stupro
Sono due dozzine le donne che accusano Kris Wu. Lui nega tutte le accuse
STATI UNITI
1 gior
Scarlett Johansson attacca, Disney risponde
L'attrice ha fatto causa all'azienda, che ha risposto per le rime definendolo un attacco «triste e insensibile»
ITALIA
1 gior
Libero De Rienzo «era il Mozart degli attori»
Elio Germano ricorda l'amico e collega
STATI UNITI
2 gior
Le scene di sesso di "Grey's Anatomy"? Per il marito di Ellen Pompeo è stata «davvero dura»
Chris Ivery ha probabilmente tirato un sospiro di sollievo quando Patrick Dempsey ha lasciato la serie
REGNO UNITO
2 gior
Ecco la nuova Regina Elisabetta II di "The Crown"
Netflix ha svelato la prima immagine della nuova stagione
ITALIA
2 gior
Malore sul palco per Gaetano Curreri
Il cantante degli Stadio è stato ricoverato in cure intense: «Ora è stabile»
ITALIA
3 gior
Al Bano: «Loredana ha un’intelligenza superiore»
Il cantante elogia la compagna e racconta di come è iniziata la loro storia d’amore
CANTONE
17.06.2021 - 06:300

Quel liceo americano che è un po' anche il nostro

Lo “viviamo” da anni attraverso la tv, come mai ci piace così tanto? Ce lo spiega un libro firmato Bertoldi & Benvegnù

LUGANO - Passano gli anni e il cinema e le serie americane cambiano ma se c'è qualcosa che però resta più o meno sempre fedele a sé stesso è l'ecosistema liceo. Con i suoi armadietti, i corridoi, la mensa (l'habitat), i figaccioni sportivi, le cheerleader, gli sfigati e quelli così così (la fauna).

Ma se l'ambiente resta costante, quello che cambia sono le storie che saltano fuori e che malgrado la loro esoticità continuano ad appassionarci. Per tentare un po' di capire il fenomeno hanno unito le forze lo scrittore ticinese Mattia Bertoldi e il critico italiano Massimo “Max” Benvegnù.

Il risultato è una pubblicazione semi-scientifica: “Andare a scuola a Hollywood”, pubblicata per Las Vegas Edizioni. E noi, li abbiamo proprio voluti sottoporre a un'intervista doppia.

Un libro su questo tema deve avere di sicuro radici (e traumi) profondi, come sono stati i vostri anni liceali?

Max: «Un triste liceo di provincia, una cattivissima prof di latino con l'anca artificiale soprannominata "Robocop", mentre l'ottuagenario prof. di matematica era "Highlander".
L'audiocassetta di "The Wall" nel walkman, una Gibson rossa come Marty McFly».

Mattia: «Mi piacerebbe dirti che sono stati turbolenti e scatenati, invece sono stati piuttosto... ordinari. Il primo giorno mi sono offerto come capoclasse e sono rimasto incastrato nel ruolo per quattro anni. Ero quello che invece di bigiare marcava le assenze degli altri, ma ho comunque avuto modo di osservare un bel po' di cose.


Perché secondo voi le fiction ambientate nei licei americani "parlano" a così tanti e continuano a funzionare?

Max: «Trattano temi universali come l'amore e l'amicizia in maniera non banale, e poi basta una sufficienza in pagella e scatta l'azione drammatica».

Mattia: «È il micromondo ideale, quello da dove sono passati (quasi) tutti gli statunitensi e dove puoi ricreare quasi ogni situazione: dal conflitto tra giovani e adulti al racconto sportivo».

Ma com'è che nessuno si accorge che gli attori sono evidentemente molto più vecchi?

Max: «Forse pensavamo che gli americani si sviluppassero più velocemente: colpa del bacon a colazione?».

Mattia: «Questo è il motivo per cui oggi faccio fatica a riguardare le serie TV della mia adolescenza: ho paura che mi manchi quello sguardo trasognato che ti permetteva di non notare il 23enne che si atteggia a 17enne».

Se doveste scegliere un liceo fittizio da serie o film, fra tutti quelli che avete visto, in quale vi sarebbe piaciuto andare?

Max: «Alla Sunnydale High con Buffy – mai un momento di noia!».

Mattia: «Andrei dritto dritto alla Capeside High School, quella di "Dawson's Creek". La serie TV è andata per la prima volta in onda sui canali italiani quando avevo 14 anni, l'età in cui si inizia il liceo negli USA, ed è andata avanti per cinque stagioni. Quel liceo è il mio liceo».

E quale docente di classe scegliereste?

Max: «Anche dopo trent'anni, il professor Keating de "L'attimo fuggente" rimane un personaggio intrigante e stimolante».

Mattia: «Faccio una scelta più atipica: Max Bruner, un professore piuttosto spigoloso ma dal cuore grande interpretato da Woody Harrelson in "17 anni (e come uscirne vivi)"».


E il migliore compagno di banco possibile?

Max: «Andrea Zuckerman, la secchiona di "Beverly Hills 90210", sperando che mi facesse copiare».

Mattia: «Ritorno su "Dawson's Creek" e scelgo Pacey Witter (interpretato da Joshua Jackson).
Casinaro e sognatore, al punto giusto».

Il peggiore, invece?

Max: «Biff di Ritorno al futuro, il peggiore dei bulli. Non ho ancora capito come abbia fatto a diventare presidente!»

Mattia: «Steve Stifler (Sean William Scott) di American Pie. Troppo fastidioso».


In quale tavolo vi sareste seduti in mensa?

Max: «Da solo in un angolo con il vassoio pieno, aspettando il grido di battaglia di John
"lanciacibo" Belushi».

Mattia: «In un angolo pure io. Spalle coperte e ottimo punto di osservazione».

E di chi vi sareste innamorati?

Max: «Nora in Pump Up The Volume, Joey Potter in Dawson's Creek».

Mattia: «Di qualcuna della banda o del gruppo di scienze. Oppure una ragazza atipica come Olive
Penderghast (Emma Stone) in "Easy Girl". Ma per conformismo, avrei giurato a tutti di aver perso la testa per la capocheerleader».

Venerdì sera alla partita di football della scuola sì, oppure no?

Max: «Sì, ma anche per guardare le cheerleader e stare in compagnia».

Mattia: «Certo che sì! Fisso sugli spalti fino all'ultimo, anche se i tuoi perdono per 42 a 0. La squadra del liceo si rispetta, sempre!».

LasVegasEdizioni
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 10:19:33 | 91.208.130.87