Quello struggente e poetico ritratto di un'America che vive su quattro ruote
Imago/ZumaWire
+3
CINEMA
02.03.2021 - 06:300
Aggiornamento : 13:12

Quello struggente e poetico ritratto di un'America che vive su quattro ruote

“Nomadland”, con una strepitosa Frances McDormand, è l'inedito ritratto di un popolo che segue le stagioni e il lavoro

LUGANO - Nell'immensità delle distese degli Stati Uniti, quelle che le telecamere di cinema e serie non riprendono mai, un giorno una miniera chiude e con essa scompare dalla faccia della terra un paesino. Niente più codice d'avviamento postale, niente più lavoro, niente più niente.

Per chi lì ci abitava è un esodo, c'è chi trova una nuova casa, una nuova carriera. E chi, come Fern, invece perde tutto. Anche il marito, che fra i sassi ci ha lavorato fino a morire del male del secolo.  Per lei inizia così una vita da nomade, fra gli Stati Uniti seguendo le stagioni in cerca di lavoro.

A dicembre si impacchetta da Amazon, in primavera i camping, l'estate allo Zoo e l'autunno a raccogliere sacchi di patate. Così, ciclicamente. Fern però non è sola, è un membro di una tribù enorme, un popolo di gente tagliata fuori da tutto che, in maniera dignitosa, semplicemente vive.

Questo è “Nomadland” della regista Chloé Zhao, per molti la pellicola più notevole di questa anomala annata cinematografica. Lo vedremo al cinema a partire dal 24 marzo, se saranno aperti e ce lo auguriamo, anche perché il film in questione merita di essere visto sul grande schermo.

«Sono una senzatetto, non una senzacasa», così si definisce Fern - interpretata da quel mostro sacro che ormai è Frances McDormand - e che viene ripresa durante i suoi 12 mesi di vita per la strada. «È stato un salto nel buio, l'atterraggio mi ha colpita duramente», ha confermato lei stessa nella conferenza stampa post-visione del film concessa a noi giornalisti, «ho letto il copione, ma l'impatto con la realtà del vivere per la strada è stato fortissimo».

Un anno, il suo e quello del suo personaggio, fra le pareti di lamiera di un van plasmato giorno dopo giorno per diventare un'abitazione. Visitando scorci mozzafiato - fra il gelido Nord e il torrido Sud - e incontrando quel popolo che bazzica per le strade di una nazione fra le più enormi al mondo.

Un nugolo di teste brizzolate e bianche, gente che - verso la fine della vita - per un motivo o per l'altro è restata senza lavoro, senza famiglia e senza casa. La pensione non basta, quindi bisogna spostarsi in cerca di lavoro, ma anche per placare una sorta d'irrequietezza esistenziale da chi si ferma è perduto.

“Nomadland” è un'opera poetica, legata alla semplicità e alla dignità del vivere senza giudizi e senza confini, ma è anche uno spietato saggio giornalistico - tratto da un libro d'inchiesta - che racconta un'America, fatta di lavori temporanei e carovane, che quasi nessuno conosce. La voglia di fare cronaca è il motore del copione, ma finisce per dissiparsi a contatto con l'umanità e con le immagini.

Quello che ne esce è un ritratto commosso e affezionato di un popolo di ultimi, i nomadi dell'era moderna, che procedono per la loro strada - perché la loro vita è la strada, e sulla strada si spegnerà - con umiltà, resilienza e un'inestinguibile solidarietà.

Imago/ZumaWire
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 19:39:12 | 91.208.130.87