ULTIME NOTIZIE Finanza
PAESI BASSI
1 anno
Panasonic sposta il quartier generale ad Amsterdam
La decisione è stata presa per evitare potenziali noie fiscali dovute all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit
SVIZZERA
1 anno
Nel 2019 il prezzo dell'elettricità resterà stabile
Lo rivela un sondaggio dell'Aes su 31 fra i principali erogatori
ZURIGO
1 anno
Emmi, utile netto raddoppiato nel primo semestre
ll fatturato è rimasto praticamente stabile a 1,68 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
SVIZZERA
1 anno
I farmaci per la pressione con il Valtarsan non sono contaminati
Lo conferma in una nota Swissmedic, dopo un allarme emesso a luglio
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
SVIZZERA
1 anno
Gli svizzeri amano gli articoli elettronici
La tendenza è ad acquistare prodotti sempre più costosi
SVIZZERA
10.07.2016 - 10:490

Sanità, Mister Prezzi bacchetta l'Amministrazione federale

Stefan Meierhans è duro: «Ho notato che le autorità si lasciano condurre dall'industria farmaceutica piuttosto che tenere le redini»

BERNA - A fronte dell'aumento continuo dei premi delle assicurazioni malattia, il sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans giudica severamente la politica e l'Amministrazione federale.

Vorrebbe, tra le altre cose, che le sue raccomandazioni - ignorate da anni - siano più vincolanti.

I premi riflettono i costi della sanità, che sono raddoppiati dal 1996. Sulla base di ciò, Mister Prezzi afferma in un'intervista alla "SonntagsZeitung" che "le decisioni che provocano questi costi sono prese in seno ai cantoni e alla Confederazione, in particolare al ministero dell'interno. I responsabili sono là".

Questi non riescono a formare una maggioranza che inverta la tendenza. «Se si prosegue in questo modo, i premi continueranno a crescere freneticamente».

Delle contromisure saranno probabilmente prese solo quando i premi non saranno dolorosi solamente per le classi medie, come attualmente, ma per tutti. Allora «il tappo delle riforme salterà», spiega Meierhans.

Mister Prezzi ha stilato una lista di misure che sono state ignorate e che potrebbero portare a un contenimento dei costi: da anni fornisce raccomandazioni che «prendono polvere nei cassetti dell'Amministrazione». La questione dei farmaci generici e del materiale medico è un buon esempio. Meierhans ha chiesto nel 2009 e poi ancora nel 2011 un cambio di sistema, ma questi mutamenti sono previsti solo per il 2019.

Autorità gestite da industria farmaceutica - Mister Prezzi non nasconde una certa irritazione riguardo alla sospensione del riesame periodico delle tariffe dei medicamenti. Non è sufficiente dire che questa decisione risulta da una sentenza del Tribunale federale. Il Dipartimento federale della sanità non aveva nessun piano B in questa situazione, deplora.

«Ho notato che le autorità si lasciano condurre dall'industria farmaceutica piuttosto che tenere le redini», sostiene Meierhans. Un rimedio sarebbe, a suo avviso, che le casse malattia o le organizzazioni di difesa dei consumatori possano ricorrere contro i prezzi dei medicamenti. «In questo modo sarebbe possibile far passare degli accordi che abbasserebbero i prezzi».

A suo avviso, la situazione potrebbe migliorare se il suo servizio otterrebbe più margine di manovra. Propone quindi di instaurare delle «scadenze vincolanti», durante le quali le autorità devono reagire alle sue raccomandazioni. «Il Dipartimento della sanità non può più attendere dieci anni a discapito degli assicurati, come nel caso dei generici».

Tassa sistematica per visite mediche - I premi dell'assicurazione malattia dovrebbero aumentare in media del 4-5% l'anno prossimo in Svizzera, secondo l'associazione di categoria santésuisse. Sono già cresciuti del 4% in media negli ultimi due anni. L'incremento dei costi è dovuto tra le altre cose a visite mediche più frequenti e più care.

Mister Prezzi avrebbe una soluzione anche in questo caso: il Parlamento deve discutere dell'introduzione di una tassa sistematica. «Se un paziente deve sborsare cento franchi per ogni consultazione, vi si recherà meno spesso». Un'idea già proposta a suo tempo dall'ex ministro della sanità Pascal Couchepin.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-20 05:17:48 | 91.208.130.89