Immobili
Veicoli
Reuters
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
SPAGNA
23 min
Il congedo mestruale è realtà
È stata approvata dal governo una riforma che riconosce come invalidanti determinati cicli. «Permessi speciali e pagati»
MOLDAVIA
1 ora
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
INDIA
4 ore
«Sorvegliati a ogni passo, anche a far la spesa»
Kashmir: gli occhi del Governo hanno raggiunto tutte le attività commerciali, a spese dei negozianti
BIELORUSSIA
5 ore
Introdotta la pena di morte per chi «prepara» atti di «terrorismo»
Il presidente Alexander Lukashenko ha oggi firmato gli emendamenti relativi all'introduzione della pena
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Crimini di guerra in Ucraina: «Sì, sono colpevole»
Il 21enne è stato processato oggi a Kiev. Mosca sull'Azovstal: un migliaio di soldati ucraini si sono arresi.
REGNO UNITO
9 ore
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
REGNO UNITO
16 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
17 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
CINA
19 ore
Quello schianto aereo, non è stato un incidente
È emerso che il Boeing della China Eastern che trasportava 132 persone è stato fatto precipitare intenzionalmente
AFGHANISTAN
20 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
STATI UNITI
23 ore
Un proiettile vagante uccide una bimba di 11 anni
La tragedia è avvenuta nel Bronx, a New York
ITALIA
25.01.2022 - 09:150

Non "quirinabili" nell'urna: Signorini, Amadeus... fino a Vasco, Siffredi e Maradona

Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.

I nomi di Alfonso Signorini, Amadeus, Alberto Angela, Carlo Mazzone e Dino Zoff erano tutti nelle urne per la prima votazione per il Quirinale. Ma sono tanti i precedenti nelle elezioni avvenute dopo la caduta della cosiddetta Prima Repubblica.

ROMA - Nulla di fatto, esattamente come era stato pronosticato. La prima votazione per il presidente della Repubblica è stata una questione di schede bianche - ben 672, il numero esatto necessario a raggiungere il quorum dei due terzi per l'elezione del capo dello Stato italiano - e fumata nera. Ma nel grigiastro diffuso dell'impasse politica qualche barlume di colore, per non dire colorito, ha balenato nelle urne di Montecitorio.

Ve lo immaginate uno tra Alfonso Signorini, Amadeus o Carlo Mazzone salire al Quirinale? Ovviamente no. Eppure i loro nomi erano tutti presenti ieri tra quei voti dispersi che - in special modo nel corso dei primi scrutini, quando la tensione è ancora lungi dall'aver raggiunto il massimo voltaggio - finiscono per strappare una risata ai presenti in aula e a turbare l'aplomb istituzionale dei presidenti di Camera e Senato, "protetto" però in quest'occasione dalle mascherine indossate da Roberto Fico ed Elisabetta Casellati. Voti dispersi che si collocano su un ampio spettro di significati, dalla bravata da poter raccontare agli amici a un segnale di vera intolleranza rispetto ai binari tracciati dai rispettivi partiti.

Torniamo quindi nell'urna di Montecitorio, dove televisione e sport ieri si sono di fatto spartite una bella fetta dello spazio che nel frattempo non si era tinto di bianco. Oltre al nome del conduttore del Grande Fratello sono emersi pure quelli di Alberto Angela e Bruno Vespa, politicamente parlando già titolare della cosiddetta "terza Camera", come è stato ribattezzato negli anni il suo talk "Porta a porta". Voti anche per Claudio Lotito, presidente della squadra di calcio della Lazio, e Dino Zoff, leggendario portiere della nazionale azzurra e campione del mondo nel 1982.

La "giostra" della Seconda Repubblica
Quella dei voti dispersi è una "giostra" che ha iniziato a girare dopo la "caduta" di quella che viene ricordata come la Prima Repubblica, il periodo che va dal 1948 al 1994. In quell'arco temporale - retto dalla convivenza tra la Democrazia Cristiana, il Partito Socialista e il Partito Comunista prima; e dal Pentapartito poi - le schede disperse durante le tornate dell'elezione erano spesso poco più di una manciata. Ieri, per tracciare un parallelo immediato, ne sono state conteggiate 88.

Quello che il parlamento italiano eleggerà nei prossimi giorni sarà il tredicesimo presidente della Repubblica (se il nome che metterà tutti d'accordo non sarà alla fine quello di Sergio Mattarella). Il quarto (o terzo) eletto nel corso della Seconda Repubblica. E, per tornare al punto, se si ripercorrono a ritroso le ultime quattro elezioni per il Colle si inciampa sempre in qualche nome non "quirinabile", per utilizzare quel neologismo tanto caro alla vicina Penisola. Nel 2015 fu il caso di Sabrina Ferilli, Gigi Riva, Barbara D'Urso e Roberto Bettega. Da segnalare anche l'exploit di Ezio Greggio che raccolse ben tre voti al secondo scrutinio.

Nel 2013, per il Napolitano "bis", si ricordano Giovanni Trapattoni, Rocco Siffredi, Valeria Marini e Roberto Mancini; gli ultimi tre declassati da voto disperso a nullo per non aver ancora compiuto 50 anni. Nel 2006 voti anche per Ornella Vanoni, Vasco Rossi e Luciano Moggi, l'ex direttore generale della Juventus che in quei giorni (erano gli inizi del mese di maggio) occupava però le prime pagine dei quotidiani italiani per ben altri motivi. E si arriva infine al 1999. Carlo Azeglio Ciampi fu il primo presidente della Repubblica eletto dopo lo scossone politico del 1994. La sua fu l'elezione più rapida della storia italiana, al primo scrutinio in meno di tre ore. I voti dispersi furono pochi (25) ma anche in quel caso non mancò qualche elettore con il senso dell'umorismo. I nomi votati? Ne citiamo solo uno: Diego Armando Maradona.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 15:57:42 | 91.208.130.89