Keystone (archivio)
STATI UNITI
22.01.2021 - 07:240

Bene Intel, male Ibm

Le due aziende informatiche hanno vissuto destini contrapposti: Ibm ha vissuto un crollo dell'utile nel quarto trimestre

Mentre da parte sua Intel ha registrato dei ricavi da record nel 2020.

LOS ANGELES - Destini opposti per due leader americani del settore informatico. Ibm ha avuto un quarto trimestre complicatissimo, mentre Intel ha chiuso il 2020 con ricavi da record. 

Crollo Ibm nell'ultimo semestre - Ibm chiude il quarto trimestre con un utile in calo a 1,36 miliardi di dollari rispetto a 3,67 miliardi dello stesso periodo dell'anno precedente. In calo anche i ricavi scesi a 20,37 miliardi di dollari. I risultati appesantiscono i titoli Ibm nelle contrattazioni after hours, dove arrivano a perdere il 6,6%.

Un anno da primato per Intel - Intel chiude il 2020 con ricavi record per 77,9 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 72 miliardi del 2019 e oltre le attese degli analisti. L'utile netto si è attestato a 20,9 miliardi. I titoli Intel calano nelle contrattazioni after hours, dove perdono il 3,70%.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 03:43:24 | 91.208.130.89