Keystone
STATI UNITI
15.03.2020 - 15:180

Nike ha deciso di chiudere i propri punti vendita in Europa, Stati Uniti e Australia

Il provvedimento è al momento valido fino al 27 marzo

Non è la prima multinazionale ad intraprendere un simile passo a causa della pandemia

BEAVERTON - Serrande chiuse fino al 27 marzo. In tutta l'Europa occidentale, negli Stati Uniti e anche in Australia. Lo ha deciso la multinazionale Nike, per limitare la diffusione del coronavirus.

Il gigante statunitense ha annunciato oggi la misura in un comunicato. Al momento, gli store Nike in Corea del Sud, Giappone e in buona parte della Cina resteranno invece aperti. I dipendenti dei punti vendita saranno pagati per intero durante questo periodo, ha confermato un portavoce dell'azienda alla CNBC.

L'azienda ha dichiarato che la sicurezza e la salute dei dipendenti e dei consumatori è la massima priorità, e per questo è stato deciso di chiudere i negozi in diversi paesi del mondo, per limitare la diffusione del coronavirus (COVID-19). Queste chiusure entreranno in vigore da lunedì 16 marzo a venerdì 27 marzo. Nike ha comunque assicurato che i clienti possono continuare a fare acquisti su Nike.com e sulle applicazioni Nike.

La decisione arriva dopo che ieri Apple ha annunciato la chiusura dei propri store in (quasi) tutto il mondo. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 14:30:54 | 91.208.130.89