Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
5 ore
L'altra faccia del Regno Unito, proteste contro Johnson
Diverse centinaia di persone hanno espresso il loro disappunto a Londra e a Glasgow. Tensioni anche con la Polizia
CINA / STATI UNITI
10 ore
L'accordo prevede una rimozione «graduale» dei dazi
La fase uno dell'accordo tra Cina e Stati Uniti ha congelato i dazi che avrebbero dovuto scattare il 15 dicembre. Trump: «Inizieremo immediatamente le trattative per la fase due»
STATI UNITI
10 ore
La Commissione della Camera dice sì all'Impeachment di Trump
Il presidente è ritenuto responsabile di abuso di potere e ostruzione al Congresso
REGNO UNITO
11 ore
La regina incorona Johnson. Risultati definitivi, ai Tory 365 seggi
Il premier della Brexit è il quattordicesimo capo di governo a ricevere l'incarico da Elisabetta II nei suoi 66 anni di regno
STATI UNITI
11 ore
Apple punta sulle foto, compra Spectral Edge
L'azienda ha sviluppato una tecnologia di fotografia computazionale in grado di fondere i dati catturati da un normale obiettivo con quelli raccolti da un sensore a infrarossi
AUSTRIA
12 ore
L'Fpoe espelle Strache
L'ex leader del partito di estrema destra paga l'Ibizagate e lo scandalo sulle spese pazze. Il suo successore: «È una liberazione»
ITALIA
12 ore
Danni milionari alla Basilica di San Marco
L'acqua alta che ha colpito Venezia il mese scorso ha lasciato segni indelebili sullo storico monumento
REGNO UNITO
12 ore
«Mi dimetterò a inizio 2020»
Dopo la débâcle di ieri, Jeremy Corbyn ha annunciato che lascerà la testa del partito laburista
RUSSIA
13 ore
Fermati cinque terroristi dell'Isis: pianificavano attentati
Le forze dell'ordine hanno arrestato due cittadini russi e tre persone originarie dei Paesi dell'Asia centrale
STATI UNITI
03.01.2019 - 18:040
Aggiornamento : 19:56

Apple ha bruciato 446 miliardi di dollari

Al momento la Mela vale intorno ai 682 miliardi

NEW YORK -Apple taglia le stime sui ricavi per la prima volta in 16 anni e crolla in Borsa, arrivando a perdere il 10% e a bruciare 446 miliardi di dollari dal picco del 3 ottobre scorso, ovvero più del valore dell'intera Facebook.

L'azienda di Cupertino spiega la revisione con il rallentamento dell'economia cinese, penalizzata anche dalla guerra dei dazi di Donald Trump, e la debole domanda di iPhone nel paese.

Il tonfo di Apple a Wall Street affonda le piazze finanziarie mondiali: dal Giappone all'Europa sono tutte in rosso, con Milano che tiene contenendo le perdite allo 0,61% (ma lo spread sale a 270 punti) mentre Parigi perde l'1,6% e Francoforte l'1,55%. La più penalizzata è Wall Street, con gli indici che arretrano del 2%.

L'annuncio a sorpresa di Apple arriva come un'ulteriore conferma dei peggiori timori degli investitori: il taglio delle stime di Cupertino certifica la frenata del Dragone cinese che risente delle tensioni commerciali con gli Stati Uniti e lascia intravedere un effetto a macchia d'olio sia sulle aziende sia sull'economia globale.

Lo ammette anche la Casa Bianca con Kevin Hassett, il presidente del consiglio degli advisor economici. «Non sarà solo Apple. Molte altre aziende americane che realizzano vendite in Cina» saranno costrette e rivedere al ribasso le loro stime «almeno fino a quando non avremo un accordo commerciale con la Cina» dice Hassett in un'intervista alla CNN.

L'amministratore delegato del colosso cinese Baidu, Robin Li, ricorre alla metafora dell'«inverno che arriva» per descrivere la «gelata» dell'economia cinese.

Apple taglia a 84 miliardi di dollari le stime per i ricavi del primo trimestre dell'esercizio fiscale, quello che si è chiuso il 29 dicembre. Si tratta di una cifra decisamente inferiore ai 91 miliardi di dollari attesi dagli analisti e ai 89-93 miliardi stimati da Cupertino solo 60 giorni fa.

«Avevamo anticipato alcune difficoltà su mercati emergenti chiave, ma non avevamo previsto la portata della decelerazione economica, soprattutto in Cina», spiega l'amministratore delegato di Apple, Tim Cook. La Cina rappresenta circa il 15% dei ricavi di Cupertino.

L'annuncio shock innesca una serie di downgrade di Apple, con molti analisti che rivedono al ribasso il prezzo di riferimento. Goldman Sachs si spinge anche oltre: non escludendo la possibilità di una revisione al ribasso delle stime per l'intero esercizio fiscale 2019, paragona Apple a Nokia. Cupertino, così come l'ex colosso dei cellulari, è fortemente dipendente dagli upgrade dei suoi dispositivi e più l'economia rallenta meno i consumatori sono disponibili a cambiare il loro smartphone per un modello nuovo fiammante.

Toni Sacconaghi, uno dei principali analisti che segue Apple, spiega come a suo avviso Cupertino è rimasta indietro nella ricerca e nello sviluppo e nelle acquisizioni, oltre a non aver considerato la possibilità di un prezzo troppo alto per l'iPhone e non aver ammesso che il mercato degli smartphone si è contratto per la prima volta nel 2018.

Con la revisione Apple torna alla "realtà" dopo essere stata considerata per anni l'esempio da seguire ed essersi affermata come la prima a sfondare quota 1000 miliardi di dollari di valore.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 03:21:59 | 91.208.130.87