Immobili
Veicoli
Confini aperti e valigie chiuse, i primi rifugiati arrivano a Varsavia

UCRAINAConfini aperti e valigie chiuse, i primi rifugiati arrivano a Varsavia

24.02.22 - 17:32
Migliaia di persone hanno abbandonato le proprie abitazioni e stanno cercando di raggiungere territori più tranquilli
Getty images
Confini aperti e valigie chiuse, i primi rifugiati arrivano a Varsavia
Migliaia di persone hanno abbandonato le proprie abitazioni e stanno cercando di raggiungere territori più tranquilli
A chi si trova ancora a Kiev è stato chiesto di trovare un rifugio velocemente, c'è il rischio di un attacco aereo imminente

KIEV - All'invito alla calma è seguito il panico. Kiev giovedì mattina si è svegliata con gli allarmi che suonavano e il rumore sordo di bombe che piovevano dal cielo. Con la fretta nelle mani e il sonno negli occhi, i cittadini hanno chiuso le valigie e sono scappati. Alcuni erano già fuori dai confini ucraini, arrivati a Varsavia con un treno i cui biglietti sono andati esauriti tre giorni fa.

Molte famiglie che vivono nella capitale polacca stanno cercando di portare in salvo amici e familiari. In treno, da Kiev, è un viaggio di 15 ore. C'è chi, arrivato con il notturno partito dalla capitale ucraina alle 18 di mercoledì sera, ha portato con sé tutta la sua famiglia e chi, come una donna che tiene in braccio suo figlio, si guarda indietro con apprensione. «Il maggiore vuole entrare nell'esercito e mia madre non voleva venire».

Altri, come una coppia con un bambino, raccontano ai giornalisti polacchi che avrebbero voluto essere in Polonia già giorni prima, ma hanno rimandato finché non sono stati sicuri che la guerra sarebbe scoppiata davvero. Perciò si sono assicurati alcuni degli ultimi biglietti per uscire dall'Ucraina in direzione di Varsavia, tre giorni prima. Ora cercano una scheda telefonica per potersi mettere in contatto con gli amici rimasti in patria e sono decisi a chiedere un visto non appena sarà ragionevolmente sicuro.

Non manca chi non ha mezzi e ha come meta un luogo ben più lontano di Varsavia. Un uomo con la moglie e il figlio piccolo ha raccontano ai reporter dell'Independent che è fuggito da Mariupol, una città da mezzo milione di abitanti nell'Ucraina orientale. «L'unica cosa che provo è la paura. Voglio andare in Spagna, da mio padre, ma non ho soldi. Non so come faremo».

E infine, c'è chi vuole mettere in salvo i suoi cari e poi tornare e imbracciare le armi. «Porterò mio nipote fuori città e poi tornerò». Così un uomo ha raccontato le sue intenzioni al Guardian. «Non ho armi ma sono pronto a difendere il mio Paese. Forse la guardia nazionale mi aiuterà».

Chi è rimasto indietro e ha chiuso le valigie solo quando il rumore delle bombe si è fatto più vicino, è partito a piedi, ha preso la metro, ha acceso l'auto e si è messo in colonna, cercando di scappare da un conflitto continuamente scongiurato da quasi dieci anni. Intanto, l'amministrazione comunale di Kiev ha chiesto ai propri abitanti di trovare un rifugio il più velocemente possibile, in quanto c'è il rischio di un attacco aereo imminente.

Diverse nazioni ed enti, dalla Svizzera, all’Ungheria, all'Onu, stanno stanziando fondi in aiuto per i rifugiati. In Moldavia oggi ne sono arrivati quattromila. In un tweet del governo si legge che centri di accoglienza temporanea sono stati preparati vicino alle località di Palanca e Ocnita. «I nostri confini sono aperti». Dato l'inizio di un'invasione su larga scala, si attendono fino a cinque milioni di ucraini in fuga.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO