keystone-sda.ch / STF (Alexander Zemlianichenko)
RUSSIA
22.01.2021 - 09:280
Aggiornamento : 11:54

Navalny, lettere «vietate» in cella

L'oppositore russo si trova agli arresti da domenica scorsa, giorno in cui ha fatto ritorno a Mosca

MOSCA - All'oppositore russo Alexei Navalny non vengono consegnate lettere nel carcere Matrosskaya Tishina, dove è rinchiuso dal 18 gennaio: lo ha detto la sua avvocata, Olga Mikhailova, alla testata online Meduza, che ha recentemente incontrato il dissidente.

«Non ha ricevuto nessuna lettera, nessuna, sono vietati gli incontri coi familiari e le consegne di oggetti, questo a causa della pandemia», ha spiegato la legale, secondo cui Navalny «si trova in un vuoto informativo».

Il 20 gennaio è stato annunciato che «per motivi tecnici» nel carcere dove si trova Navalny avevano smesso di accettare corrispondenza per i detenuti. Lo stesso giorno, la moglie di Navalny, Yulia Navalnaya, aveva fatto sapere su Instagram che il 19 gennaio le era stato comunicato che una sua lettera era stata data al marito ma che successivamente il servizio penitenziario le aveva fatto sapere che in realtà la missiva non era stata consegnata ed era «in fase di elaborazione».

Michel chiama Putin - «Oggi, nella mia telefonata col presidente Vladimir Putin ho ribadito che l'Ue è unita nella sua condanna per la detenzione di Alexei Navalny e ne chiede l'immediata scarcerazione». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, su Twitter. «La Russia deve fare immediatamente un'indagine completa e trasparente sul tentativo di uccidere» l'oppositore, aggiunge.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Il nano criminale ha paura di chi non la pensa come lui. É Putin da sbattere in galera e non Navalny
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 07:12:15 | 91.208.130.85