Immobili
Veicoli
AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BRASILE
50 min
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
FOCUS
50 min
Quelle parole malate che rendono difficile curare
Il caso della schizofrenia, un nome che è un problema per chi ne soffre e per chi la cura. Vi raccontiamo come mai
RUSSIA / UCRAINA
8 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
10 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
FRANCIA
12 ore
Bimbo scomparso: trovato il suo cadavere in una valigia
La polizia è alla ricerca della madre, che era scomparsa insieme a lui
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Italia, calano i ricoverati nei reparti Covid e nelle terapie intensive
In Germania per la prima volta 200'000 casi. Vaccini per Omicron di Moderna e Pfizer in fase di test.
GIAPPONE
13 ore
Disastro di Fukushima: sviluppano un cancro e fanno causa alla Tepco
Per i querelanti, i tumori che hanno affrontato sono il risultato delle radiazioni a cui sono stati esposti da bambini
STATI UNITI
13 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
ITALIA
15 ore
Mattarella sale, ma la fumata è ancora nera
Nulla di fatto alla quarta votazione. In crescita il presidente uscente. Voti anche per Nino Di Matteo.
COSTA RICA
16 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
COREA DEL SUD
18 ore
Pyongyang ha testato altri due missili balistici
Il Consiglio di sicurezza nazionale di Seul ha definito il lancio «molto deplorevole»
MONDO
19.10.2021 - 06:000

Meno libertà d'espressione e più disinformazione: «L'impatto è pericoloso»

Amnesty International attacca i Governi e le aziende di social media: «Fermate l'attacco alla libertà d'espressione»

In particolare perché, non potendosi informare pienamente, «i cittadini non possono fare scelte consapevoli riguardo la loro salute»

LONDRA/BERNA - Censura e sanzioni. Due misure su cui alcuni Governi si sono appoggiati durante la crisi pandemica, riducendo notevolmente la qualità delle informazioni che arrivano ai loro cittadini. Un aspetto che combinato con la disinformazione dilagante presente sui social media mette tuttora in pericolo la salute delle persone, impossibilitate ad informarsi correttamente sul virus.

È quanto ha denunciato Amnesty International nel suo nuovo rapporto "Silenced and Misinformed: Freedom of Expression in Danger During Covid-19".

«Dall'inizio della pandemia, i governi hanno lanciato un attacco senza precedenti alla libertà di espressione, limitando gravemente i diritti delle persone. I canali di comunicazione sono stati presi di mira, censurati o chiusi, con un impatto disastroso sulla capacità del pubblico di accedere a informazioni vitali su come affrontare il Covid-19», ha dichiarato a riguardo Rajat Khosla, direttore senior di Amnesty International per la ricerca, la difesa e la politica. 

Il rapporto di Amnesty ha poi sottolineato il ruolo delle grandi aziende tecnologiche e di social media «nel facilitare la rapida diffusione della disinformazione intorno alla Covid-19». Secondo l'analisi, le Big Tech non hanno fatto abbastanza per prevenire la diffusione di informazioni false e fuorvianti.

L'origine, in Cina
Secondo l'Organizzazione non governativa, durante i primi giorni della pandemia operatori sanitari, giornalisti e blogger cinesi hanno tentato di lanciare l'allarme sulla «malattia sconosciuta», venendo però presi di mira dal Governo per «fabbricazione e divulgazione deliberata di informazioni false e dannose». Allora, agli onori della cronaca è salito in particolare il caso di Zhang Zhan, recatasi a Wuhan nel febbraio del 2020 per parlare della pandemia e scomparsa poco dopo, per essere poi arrestata e condannata a quattro anni di carcere.

Ma non solo la Cina: «Numerosi altri paesi hanno messo in atto leggi oppressive, limitando il diritto alla libertà di espressione e mettendo a tacere i critici con il pretesto o nel contesto della pandemia, tra cui Tanzania, Russia e Nicaragua» ha segnalato Amnesty.

«Limitare la libertà di espressione è pericoloso e non deve diventare la nuova normalità. I governi devono urgentemente eliminare tali restrizioni e garantire il libero flusso di informazioni per proteggere il diritto alla salute del pubblico», ha commentato Rajat Khosla.

Un mix pericoloso
«L'assalto della disinformazione», che sia attraverso i social media o persone in posizione di potere, «sta ponendo una seria minaccia ai diritti alla libertà di espressione e alla salute. Sta rendendo sempre più difficile per gli individui avere un'opinione pienamente informata e fare scelte consapevoli riguardo la loro salute, basate sui migliori fatti scientifici disponibili. Una varietà di fonti è fondamentale, così come la capacità di sfidare e discutere le informazioni disponibili».

«Come stiamo esortando i governi e le aziende farmaceutiche a garantire che i vaccini siano distribuiti e resi disponibili a tutti in tutto il mondo, gli stati e le aziende di social media devono anche garantire che il pubblico abbia accesso illimitato a informazioni accurate e tempestive. Questo è un passo cruciale per ridurre al minimo l'esitazione vaccinale guidata dalla disinformazione», ha concluso Khosla.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 3 mesi fa su tio
Da un indagine del 2018, dopo il suicidio di due collaboratori, una commissione d'inchiesta indipendente, (fatta su 475 persone) rilevo' che il lavoro all'interno di amnesty era "tossico", bullismo e abusi di potere erano all'ordine del giorno. Se da una parte l'intento era un aiuto umanitario, cosi come le nazioni unite, in realta' sono due associazioni macchiate di gravi errori di gestione e conduzione.
lollo68 3 mesi fa su tio
Stranamente l'appello del direttore dell'OMS che chiede ai paesi che stanno puntando a vaccinare più gente possibile di arrivare invece a livello mondiale al 40% di vaccinati dando la priorità alle persone a rischio non è trapelato dai media. Eppure esiste un video!
Coerenza 3 mesi fa su tio
Ma vah? Ci arrivano anche loro a vederlo... Però citano Cina, Tanzania, Russia e Nicaragua... Hahahaha che poveri. Ah certo dimenticavo, qualcuno li paga
Fkevin 3 mesi fa su tio
Però anche chi produce dia le informazioni corrette. Non sempre bisogna scoprire dai giornalisti investigativi. Quindi per voi quale è la giusta informazione o la giusta disinformazione?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-28 06:50:45 | 91.208.130.89