Immobili
Veicoli

UNIONE EUROPEA«Siamo la farmacia del mondo»

08.05.21 - 17:05
Lo ha dichiarato Ursula von der Leyen, a capo della Commissione europea
keystone-sda.ch / STR (Luis Vieira)
UNIONE EUROPEA
08.05.21 - 17:05
«Siamo la farmacia del mondo»
Lo ha dichiarato Ursula von der Leyen, a capo della Commissione europea
Il tema di vaccini e brevetti continua a far discutere

BRUXELLES - «L'Ue è la farmacia del mondo», ed è «aperta al mondo» sui vaccini: «abbiamo esportato 200 milioni di dosi, invitiamo altri a fare lo stesso, è il modo migliore per affrontare i colli di bottiglia».

È quanto ha dichiarato la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Sul certificato digitale Ue per i viaggi, «il lavoro tecnico e legale è in carreggiata», ha aggiunto, «il sistema operativo sarà operativo a giugno. E sul fronte politico possiamo puntare realisticamente all'obiettivo di raggiungere un accordo tra Consiglio e Parlamento europeo per fine maggio» ha affermato la politica.

Nel frattempo, sia Emmanuel Macron che Angela Merkel hanno ribadito la loro posizione contraria alla dichiarazione statunitense sulla sospensione dei brevetti per i vaccini anti-Covid.

Gli Stati Uniti «non possono rimproverare lentezza» e «mancanza di solidarietà» all'Ue, ha affermato il presidente francese, spiegando che «su 400 milioni di dosi di vaccino prodotte, ne abbiamo esportate 200 milioni. Siamo stati più lenti con le campagne di immunizzazione in Europa perché siamo stati aperti fin dall'inizio. Gli Stati Uniti per ora hanno esportato solo il 5% a Canada e Messico, che mettano fine alle restrizioni sull'export», ha aggiunto.

Dello stesso avviso anche Angela Merkel: «Vorrei che ora che gran parte della popolazione americana è stata vaccinata, possiamo avere un libero scambio di componenti e anche un'apertura del mercato dei vaccini», ha detto la cancelliera tedesca in una conferenza stampa dopo il vertice di Oporto.

Anche secondo Mario Draghi, come riporta il portale Corriere.it, prima della liberalizzazione dei brevetti bisognerebbe parlare della rimozione del blocco alle esportazioni. «Biden ha aperto una porta, ma la sua posizione deve essere ancora capita nella sua completezza» ha dichiarato il premier italiano.

«Ci sono milioni di persone nel mondo che stanno morendo. Ci sono case farmaceutiche che hanno ricevuto milioni su milioni. Ci si aspetta che diano qualcosa in cambio. Ma la questione è complessa». Infatti, secondo Draghi, la liberalizzazione dei vaccini non garantisce l'aumento della produzione, e nemmeno che i vaccini vengano realizzati in sicurezza.

COMMENTI
 
F/A-19 1 anno fa su tio
Alla Signora gli interessa solo la farsa del coronavaurus......
pillola rossa 1 anno fa su tio
"Ci sono milioni di persone nel mondo che stanno morendo", di fame, di cancro, di malattie cardiovascolari, di malattie sistemiche,...
Tato50 1 anno fa su tio
La "supposta" te l'ha fornita la Turchia però ;-))
Ti-72 1 anno fa su tio
io non capisco perché la svizzera che e famosa anche per la farmaceutica non fa qualcosa per produrre il vaccino qui in Svizzera non dico ora ma almeno in futuro se ci fosse di nuovo problemi per la popolazione svizzera potremmo avere i vaccini senza attendere che c'è li mandino dall' estero
volabas56 1 anno fa su tio
Questa è perfetta solo per il 6 di gennaio
seo56 1 anno fa su tio
Che idiozia!!
Tio1949 1 anno fa su tio
Se si producono armi,bisogna avere delle guerre! Se si producono farmaci,bisogna avere degli ammalati!! Vorrei incontrarti di persona!! Poi, te la darei io,la farmacia del mondo!
Ala 1 anno fa su tio
Qualcuno le tolga la sedia per favore!
Princi 1 anno fa su tio
forse sarebbe piu opportuno la vergogna del mondo
Heinz 1 anno fa su tio
Nulla di cui vergognarsi. P S brutta bestia l'ignoranza, senza i vaccini prodotti in Europa la Svizzera sarebbe alla canna del gas (ma questo i politicanti svizzeri non te lo dicono).
Tio1949 1 anno fa su tio
Infatti,non ti dicono neanche,che il periodo più sbagliato per vaccinarsi è in piena pandemia!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO