Immobili
Veicoli

UNIONE EUROPEAL'EMA conferma: possibile legame tra vaccino di Johnson & Johnson e trombosi

20.04.21 - 16:37
La constatazione si tradurrà in un avvertimento ai pazienti. I benefici continuano a superare i rischi.
Keystone
UNIONE EUROPEA
20.04.21 - 16:37
L'EMA conferma: possibile legame tra vaccino di Johnson & Johnson e trombosi
La constatazione si tradurrà in un avvertimento ai pazienti. I benefici continuano a superare i rischi.
I casi di coaguli inusuali sono stati otto negli Stati Uniti, uno dei quali con esito letale. I vaccinati: 7 milioni. Gli effetti collaterali di Johnson & Johnson ricordano le trombosi registrate con AstraZeneca.

AMSTERDAM - Con una presa di posizione molto attesa, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha confermato l'esistenza di un possibile legame tra la somministrazione del vaccino anti Covid di Johnson & Johnson e casi «molto rari» di trombosi.

«Un avvertimento in merito a coaguli di sangue inusuali con bassi livelli di piastrine dovrebbe essere aggiunto all'informazione sul prodotto», scrive l'agenzia in un comunicato odierno. Nel foglietto illustrativo il possibile effetto collaterale dovrà essere indicato come «molto raro».

Contestualmente alla diffusione dell'avvertimento, il Comitato di sicurezza dell'EMA (PRAC) ha ribadito che il bilancio rischi-benefici del siero di Johnson & Johnson resta positivo. «I benefici generali del vaccino Janssen nel prevenire il Covid-19 superano i rischi di effetti collaterali», fa sapere l'organismo che regola la commercializzazione dei medicamenti nell'Unione Europea. Contrarre la malattia provocata dal nuovo coronavirus, infatti, «è associato a rischio di ospedalizzazione e morte».  

L'EMA si esprimeva in merito a otto casi gravi di coaguli sanguigni registrati negli Stati Uniti di cui uno ha avuto esito mortale. Come tiene a sottolineare l'agenzia europea del farmaco per evidenziare la rarità di questi possibili effetti collaterali, fino al 13 aprile scorso ben 7 milioni di persone negli Stati Uniti avevano ricevuto il vaccino di Johnson & Johnson.  

Le trombosi sono state tutte registrate in persone di meno di 60 anni, in maggioranza donne. L'EMA non conferma, tuttavia, l'esistenza di fattori di rischio specifici. 

Il PRAC nota una similitudine fra gli eventi avversi gravi legati a Johnson & Johnson e quelli registrati con AstraZeneca. Gli uni e gli altri consistono infatti nella formazione di coaguli in luoghi «inusuali» come le vene del cervello (trombosi del seno venoso cerebrale), l'addome (trombosi venosa splancnica) e le arterie, associati a bassi livelli di piastrine.

«I professionisti della salute e le persone che riceveranno il vaccino dovrebbero essere consapevoli di casi molto rari di coaguli sanguigni combinati con bassi livelli di piastrine che occorrono entro tre settimane dalla vaccinazione», spiega l'EMA nel suo comunicato odierno. 

COMMENTI
 
pillola rossa 1 anno fa su tio
Ci pisciano in testa, ci dicono che ci pisciano in testa, ma noi diciamo che piove, non siamo mica complottisti
Ro 1 anno fa su tio
Ora sta a chi desidera farsi vaccinare di decidere con quale vaccino.. Personalmente sono disposto a pagare la vaccinazione ma solo se posso scegliere il vaccino e cioè Pfizer o Moderna. Astrazeneca e J & J per me non esistono.
Ro 1 anno fa su tio
Questa è la vera scienza, responsabile e da rispettare.
P63 1 anno fa su tio
Bene... Morire di Covid o di vaccino? Questo è il dilemma. Gente a voi la scelta. Lo so cosa pensate... Dai non sarò mica io lo sfortunato"trombato"
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO