Keystone
Il 33enne era ricercato in Italia
ITALIA / SVIZZERA
17.12.2020 - 17:140

Coppia fatta a pezzi a Firenze: il figlio è detenuto in Svizzera

Lo hanno reso noto i carabinieri del capoluogo toscano. In Italia, il 33enne risultava irreperibile dal 2016.

FIRENZE / BERNA - Il figlio 33enne dei due coniugi i cui cadaveri mutilati sono stati trovati nei giorni scorsi lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno all'interno di alcune valigie è detenuto in un carcere svizzero. Lo confermano, come riferisce l'agenzia Adn, gli investigatori dell'Arma dei Carabinieri di Firenze, che avevano avviato ricerche internazionali.

L'uomo è al centro di una serie di accertamenti e verifiche da parte degli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Ornella Galeotti. L'inchiesta sta ricostruendo tutta la vicenda della misteriosa scomparsa della coppia albanese di 54 e 52 anni e del macabro ritrovamento dei loro resti. I due sono stati uccisi in circostanze ancora tutte da chiarire, fatti a pezzi e riposti in quattro valigie.

Il 33enne si è reso irreperibile dal novembre 2016, quando è evaso dagli arresti domiciliari, dove si trovava per reati di droga, per rendersi latitante. I suoi genitori erano scomparsi il 2 novembre 2015, lo stesso giorno in cui il figlio era uscito dal carcere di Sollicciano, dove era finito per droga.

Al momento non è noto in quale struttura il figlio della coppia sia detenuto in Svizzera. Secondo quanto riferisce La Nazione, anche nel nostro Paese il 33enne è in carcere per questioni di droga. 

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-24 01:34:26 | 91.208.130.89