Rescue Media
GIUBIASCO
17.05.2020 - 18:070
Aggiornamento : 18.05.2020 - 09:08

Tragedia della gelosia: «Siamo sconvolti»

Una delle vittime è un personaggio noto a Giubiasco. Il ricordo del vicesindaco Bersani

Ucciso assieme alla compagna, cameriera dell'osteria dove è avvenuta la sparatoria. A sparare un poliziotto in pensione, ex marito della donna

GIUBIASCO - Lui, lei e l'altro. Armato di pistola. Ci sarebbe un movente passionale dietro alla sparatoria avvenuta oggi in Piazza Grande a Giubiasco, in pieno giorno e sotto gli occhi basiti dei passanti. 

A premere il grilletto è stato un 64enne locarnese, poliziotto in pensione. È entrato nell'Osteria degli Amici armato di pistola e ha sparato diversi colpi: testimoni riferiscono di 3-4 spari forti, uditi attorno alle 14.15. 

Nel mirino dell'uomo la ex moglie, che lavorava nel ristorante come cameriera, e il nuovo compagno di lei. La donna - una 47enne residente nel Bellinzonese - è deceduta sul posto. Stessa sorte per il compagno - un 60enne bellinzonese - che si trovava in quel momento ai tavolini del ristorante. Infine l'aggressore ha rivolto la pistola contro sé stesso. È deceduto di lì a poco.

La dinamica è ancora in corso d'accertamento ma - a quanto si evince dal comunicato diffuso dalla Polizia - dietro al folle gesto ci sarebbe la gelosia dell'ex poliziotto per la nuova relazione della donna. Un dramma consumatosi in pochi istanti.

La seconda vittima è un personaggio noto nel Bellinzonese. Direttore della Cantina Sociale di Giubiasco, stimato enologo. «Un professionista serio e competente» lo ricorda il vicesindaco Andrea Bersani, membro del Cda della Cantina. «Negli ultimi anni ha gestito l'azienda con capacità e facendosi benvolere da tutti. Siamo sconvolti per quanto accaduto». 

Anche l'assalitore non è un signor nessuno. Pensionato da ottobre, aveva prestato servizio nell'anti-terrorismo e nella Gendarmeria, collaborando in attività di intelligence con la Polizia federale. Da agente scelto, il 64enne aveva un'alta padronanza delle armi. «Un poliziotto esemplare, molto competente» ricorda l'ex collega e oggi deputato Giorgio Galusero. «Quanto è accaduto è un dramma umano, che non scalfisce l'immagine della polizia». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 06:59:19 | 91.208.130.85