Cerca e trova immobili
Pienone ieri sera e standing ovation per Teresa Mannino

LUGANOPienone ieri sera e standing ovation per Teresa Mannino

29.01.23 - 11:27
La comica siciliana ha portato al Lac "Il giaguaro mi guarda storto". Un'ora e mezza di monologhi e risate.
Tio/20 minuti
Pienone ieri sera e standing ovation per Teresa Mannino
La comica siciliana ha portato al Lac "Il giaguaro mi guarda storto". Un'ora e mezza di monologhi e risate.

È un’attenta osservatrice della realtà che ci sta attorno. È frizzante. Graffiante. Ironica. Dalla vis comica irresistibile. Conosce perfettamente i tempi attoriali. Ieri sera Teresa Mannino non si è smentita al Lac dove ha portato in scena la sua nuova fatica teatrale “Il giaguaro mi guarda storto”. Spettacolo non all’altezza dei precedenti capolavori come “Terrybilmente divagante”  o “Sono nata il ventitrè”, ma che ha tenuto banco per oltre un’ora e mezza divertendo il pubblico che le ha riservato sul finale una standing ovation.

Teresa Mannino è tornata a teatro dopo tre anni di assenza dalle scene. A Milano tutte le date degli scorsi giorni erano sold out e anche ieri sera a Lugano c’è stato il tutto esaurito. L’obiettivo di far riflettere sulla vita attraverso la luce del sorriso è stato centrato. La comica palermitana ci è riuscita conquistando con le sue battute in siciliano, con momenti di convinta comicità quando alterna ricordi del passato e momenti di vita quotidiana reale. Le gite scolastiche passate a vomitare, il primo bacio, il primo viaggio a Milano dove arriva a incontrare Ridge di Beautiful, le formiche tagliafoglie, e più in generale i parallelismi tra l’entrata nell’adolescenza e l’entrata in menopausa. C'è perfino il divertentissimo modo di salutarsi dei babbuini. È un mondo folle ma divertente quello di Teresa Mannino, e le si perdona tutto: anche qualche luogo comune sulla Svizzera (“ma come fate a vivere qui, fa troppo freddo”) e qualche caduta nella banalità della dicotomia tra uomini e donne. Le si perdona tutto perché resta la sincerità di un pensiero onesto: quello di tornare a desiderare dopo due anni di pandemia (“il desiderio è stato ucciso dalla paura”), che il terrore fa perdere la ragione, che l’attesa è bellissima e che dobbiamo tornare a guardare il mondo. Il senso della vita raccontato con una risata.

Si replica stasera al Lac alle 18.00

COMMENTI
 

ElleElle62 1 anno fa su tio
Quell' enfatizzare l' accento siciliano non mi piace per nulla. Brava è brava, magari un corso di dizione

italo luigi 1 anno fa su tio
Sarà brava, ma quell'accento siciliano proprio non mi piace. Purtroppo, però!!!!

UtenteTio 1 anno fa su tio
Bellissimo spettacolo, mi spiace tanto, ma il prezzo dei biglietti per uno spettacolo in Svizzera a volte, molte volte è proibitivo, quando a 50km a sud, conta meno della metà e sei in 1a fila, da noi ci marciano fin troppo!
NOTIZIE PIÙ LETTE