Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
11 ore
Marco Poloni dirigerà il CISA
Succederà a Domenico Lucchini, che ha guidato la scuola per 15 anni
CANTONE
13 ore
Antonini condannato solo per falsità in documenti
Una pena pecuniaria (sospesa) per l'ex comandante delle Guardie di confine. Cadute le altre accuse
FOTO
CHIASSO
13 ore
Cento candeline per Celestina
I festeggiamenti per la neo-centenaria questo pomeriggio alla Casa anziani Giardino di Chiasso
LUGANO
14 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
14 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
LUGANO
14 ore
La cartella ipotecaria introvabile e Grandini finisce nei guai
La vendita di una villa a Montagnola innesca un procedimento penale contro l'avvocato 68enne e contro un altro notaio
CANTONE
15 ore
Medico del traffico e IVA: «Domande da fare a lei»
Il Consiglio di Stato risponde all'interrogazione del deputato Massimiliano Robbiani.
BELLINZONA
16 ore
Rissa in stazione a Bellinzona, la polizia interviene
Cantonale e Comunale impegnate oggi pomeriggio per un alterco fra “soliti noti”
CANTONE
17 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
19 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
20 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
21 ore
Ponte Covid, il Governo propone il rinnovo
Il Messaggio prevede l'entrata in vigore (per almeno) sei mesi, retroattiva al 1° gennaio
CANTONE
21 ore
Altri 1'262 positivi, ma nessuna nuova vittima
Stabile il numero di ricoveri in ospedale causa Covid: 166. Ma si registra una persona in più in terapia intensiva.
CANTONE
22 ore
Un 2021 di conferme per la Città dei mestieri
Oltre 7'600 persone si sono rivolte alla struttura durante lo scorso anno
CANTONE
22.10.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:08

Postriboli: tra crisi, ragazze in fuga e controlli che spaventano

Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.

I più lamentano introiti ridotti del 50% e paura per il futuro. Anche a causa del Certificato Covid.

LUGANO - Per un lungo periodo, causa pandemia, le "lucciole" dei club per adulti ticinesi avevano smesso di illuminare le giornate degli avventori dei postriboli e centri massaggi sparsi sul territorio. Poi la tregua, arrivata con la riapertura attorno alla fine di aprile (anche se con qualche polemica).  

Da allora sono passati poco più di 5 mesi, ma c'è chi ancora si lecca le ferite. E pure chi non si è più rialzato (degli 11 postriboli in Ticino ne sono rimasti 8) o sta faticando a farlo. Persino in quello che è ormai il cuore delle luci rosse ticinesi, quel quadrilatero che comprende Oceano, Iceberg e Moulin Rouge, noto anche oltre i confini ticinesi e meta di numerosi italiani.

La fuga delle ragazze - Proprio il Moulin Rouge, ad esempio, non ha ancora riacceso le insegne. «Abbiamo chiuso con il Covid e per ora non riapriamo», ci spiega il gerente che si occupa anche del vicino Iceberg e del Jasmine di Arbedo Castione. Lo stesso, mesi fa ha presentato la domanda di costruzione per creare la passerella che collegherà i due postriboli a Grancia. «Siamo in attesa dell'approvazione, ma una spesa del genere sarà da valutare, alla luce della crisi che ci ha colpito».

A pesare sono diversi fattori. In primis la fuga delle ragazze: «Alcune sono tornate a casa, altre si sono spostate in appartamento o in Italia». C'è poi un altro problema, legato ai lavori autostradali sulla Como-Chiasso: «La chiusura notturna ha allontanato una grossa fetta della clientela. Anche qui si spera che il problema si risolva a breve, ormai sono due anni che si va avanti in questo modo».

Il certificato che frena - La situazione non è delle più rosee nemmeno dai vicini di casa. «Si sopravvive», ammette Bernhard Windler dell'Oceano. «Sicuramente pesa la chiusura autostradale, ma non solo. Attualmente abbiamo la metà delle ragazze rispetto al 2019 e non ne facciamo arrivare di più perché non lavorerebbero».

Anche la necessità di esibire il certificato Covid sembra essere responsabile del calo di avventori. «Un po' come per i ristoranti. Solo che noi non possiamo tamponare con servizi all'aperto», scherza. «Con 19 dipendenti - conclude -, riesco a coprire le spese. In questo momento dobbiamo pensare a sopravvivere».

«Le Autorità ci stanno addosso» - In quel di Chiasso, nonostante la prossimità con il confine, l’aria che si respira non sembra migliore, e lo smog non c’entra nulla. «L’attività si è ridotta del 50%», ammette il gerente del Maxim. Le ragioni di questo calo le attribuisce a diversi fattori: «Prima di tutto c’è paura. Si tratta di un’attività prevalentemente… di contatto. Credo poi ci sia la questione economica. La pandemia ha pescato nelle tasche della gente, che ora si trova meno soldi da spendere. Ci sono poi i problemi legati alla trasferta, con i lavori in corso e quelli relativi alla necessità di esibire il green pass».

Ma c’è dell’altro. E il dente avvelenato sembra avere due cause principali, legate entrambe al trattamento riservato al settore da parte delle Autorità ticinesi: «Abbiamo dovuto spendere decine di migliaia di franchi per sistemare i locali, ci hanno fatto chiudere sei mesi e non abbiamo visto un centesimo di quei soldi promessi per i casi di rigore». Il titolare del Maxim, infine, è critico nei confronti dei continui controlli da parte della Polizia: «Neanche una settimana dopo aver riaperto c’era già la Polizia. L’ultima retata risale a mercoledì scorso. Arrivano con sei o sette auto in piena serata, bloccano tutto, accendono le luci e ti costringono a restare chiuso per almeno un’ora. E per noi è una perdita di guadagno che nessuno ci restituisce. Come se non bastasse è anche un danno d’immagine. Sia i clienti che le ragazze iniziano a pensare che ci sia qualcosa che non va, e vanno altrove. D’altra parte diciamocelo, Milano è a due passi e l’offerta è ricchissima e pure più economica».

Offerte speciali per il cliente il Maxim non ne propone. Non più, almeno: «Offrivamo uno sconto con le partite di calcio, sono finito davanti al procuratore per sfruttamento della prostituzione. Credevano che costringessimo le ragazze a svendersi, in realtà avevamo solo abbassato il prezzo delle camere per permettere loro di lavorare un po’ di più».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 07:52:45 | 91.208.130.89