Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
1 ora
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
3 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
3 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
FOTO
MENDRISIO
15 ore
Tutto iniziò con una locomotiva...
La Galleria Baumgartner di Mendrisio festeggia i suoi primi vent'anni con una settimana di eventi e iniziative
BODIO
15 ore
Bodio sarà al 50% autosufficiente
Con altri due impianti fotovoltaici, ci sarà energia per 210 delle 400 economie domestiche presenti sul territorio
CANTONE / ZURIGO
17 ore
Il Premio Studer/Ganz alla ticinese Sabina Zanini
La premiazione si terrà nella primavera del 2022 presso la Casa della Letteratura per la Svizzera Italiana a Lugano
CANTONE
17 ore
Partecipazione digitale alla politica: Ticino quartultimo
Su una scala da 0 a 100 punti, il canton Ginevra raggiunge il podio con 55 punti. Il Ticino si ferma a 17.
CANTONE
28.09.2021 - 15:440
Aggiornamento : 16:05

«Gobbi troppo restrittivo sugli stranieri», la denuncia dei Verdi

«Leggi che, mal interpretate, hanno pesantemente leso le libertà personali di moltissimi cittadini»

BELLINZONA - Norman Gobbi e il suo Dipartimento delle Istituzioni hanno attuato la legge sugli stranieri in maniera troppo restrittiva. L’accusa arriva dai Verdi ticinesi ed è contenuta in un'interrogazione inoltrata oggi che prende spunto dalle recenti sentenze del Tribunale Federale che per quanto riguarda i permessi sugli stranieri ha abbracciato una prassi molto più liberale di quanto abbiano fatto i funzionari della Sezione della popolazione. «Con due sentenze emanate nel novembre del 2020, relative ad altrettanti casi ticinesi risalenti a 6 e 5 anni fa, la massima corte ha sonoramente bocciato la prassi restrittiva adottata dal Dipartimenti delle Istituzioni, obbligandolo a fare marcia indietro su una prassi ben consolidatasi negli anni» scrivono i Verdi, i quali ricordano lo stesso atteggiamento restrittivo adottato dalle autorità cantonali ticinesi nell’attuare la legge sulla canapa.  «Nel 2013 con una modifica legislativa federale  il consumo e possesso di canapa  da penale diventò amministrativo. In sintesi, dal 2013 il consumo fino a 10 grammi di stupefacente comporta una semplice contravvenzione di 100 franchi, mentre la detenzione o la preparazione non è punibile. Tuttavia in Ticino si è andati avanti fino al 2020 a punire in maniera iniqua chi deteneva canapa in quantitativi inferiori ai 10 grammi, andando così tra l'altro a caricare inutilmente le varie istanze giudiziarie cantonali e federali». 

Da qui la richiesta dei Verdi su come il Consiglio di Stato giudica e valuta l'atteggiamento restrittivo adottato per molto tempo dai funzionari del Dipartimento delle Istituzioni. 

Le domande dei Verdi

  • Come spiega il consiglio di stato che per anni, ai propri giuristi sfuggano cambiamenti legislativi, come avvenuto nel campo della canapa? 
  • Secondo il Consiglio di stato le leggi emanate da autorità superiori vanno applicate o interpretate? 
  • Secondo il Consiglio di stato ci sono altre leggi conosciute, oltre a quelle citate, non sufficientemente chiare da necessitare interpretazioni da parte dei funzionari cantonali? 
  • Se sì, chi controlla che le interpretazioni in questione siano corrette?
  • Per quali motivi i funzionari dell'ufficio ricorsi del consiglio di stato non hanno reagito tempestivamente per correggere lo sbaglio in cui erano incappati, soprattutto alla luce delle chiare indicazioni date dal TRAM, già a partire dal 2016? 
  • Quando il tribunale federale sancisce che il Consiglio di stato ticinese ha sbagliato per anni, le persone che hanno subito danni e ingiustizie a causa di questi sbagli, sono/saranno indennizzate?  Se sì, in che modo e in che tempi? Se no, perché?
  • Il Consiglio di stato può garantire che oggi, in altri uffici dell'amministrazione, non siano in essere situazioni quali quelle sopra descritte? 
  • Se no - per meglio capire per quale ragione in poco tempo il DI è stato sconfessato dal Tribunale Federale su leggi che, mal interpretate per anni, hanno pesantemente leso le libertà personali di moltissimi cittadini - il Consiglio di Stato non ritiene opportuno svolgere puntuali verifiche presso tutti gli uffici dell'Amministrazione?

Con due sentenze emanate nel novembre del 2020, relative ad altrettanti casi ticinesi risalenti a 6 e 5 anni fa, la massima corte ha sonoramente bocciato la prassi restrittiva adottata dal DI, obbligandolo a fare marcia indietro su una prassi ben consolidatasi negli anni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 09:48:08 | 91.208.130.87