Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
A corto di soft-drink per la riapertura delle terrazze
La decisione del Consiglio federale sta mettendo sotto pressione i fornitori della ristorazione
SONDAGGIO
CANTONE
6 ore
Elezioni comunali: il weekend decisivo
Con l'apertura dei seggi elettorali, sono scattati gli ultimi giorni per votare
CANTONE
9 ore
Ecco i radar della settimana in Ticino
Radar mobili in quattro degli otto distretti ticinesi tra il 19 e il 15 aprile.
CANTONE
10 ore
Gobbi in partenza per Roma
Tra gli obiettivi del viaggio c'è la sottoscrizione di un accordo per lo scambio d'informazioni sugli agenti privati
CANTONE
10 ore
Incidente nella galleria della Collina d'Oro
Il TCS segnala che in direzione sud si circola su una sola corsia
LUGANO
11 ore
Un fronte unito per i taxi ticinesi
Con l'addio luganese ai taxi B, cambia il nome dell'associazione dei tassisti
FOTO
LUGANO
11 ore
«Il dialogo? Fondamentale per un'Europa sana e funzionante»
Ha avuto luogo a Lugano un incontro tra i ministri degli esteri dei paesi europei in cui il tedesco è lingua ufficiale
FOTO
BALERNA
12 ore
In fuga dalle guardie di confine provoca il frontale
La polizia cantonale ha fatto chiarezza sull'incidente avvenuto oggi a Balerna: «Ferite serie per entrambi i conducenti»
LUGANO
13 ore
Il ritiro dei rifiuti a domicilio si estende in città
Le biciclette di Saetta Verde andranno a ritirare l'immondizia anche a Cassarate, Loreto e Pregassona
FOTO E VIDEO
BALERNA
14 ore
Frontale tra due auto a Balerna, due feriti
L'incidente è avvenuto attorno a mezzogiorno e mezzo all'incrocio tra viale Attilio Tarchini e via al Dosso.
FOTO
GAMBAROGNO
14 ore
Cade e batte la testa, ricoverata
Una donna anziana si è ferita attorno a mezzogiorno a Gerra Gambarogno.
FOTO E VIDEO
CADENAZZO
15 ore
Furgone sul fianco in autostrada
L'incidente è avvenuto attorno alle 11 in direzione nord. Lievi ferite per le due persone a bordo.
CHIASSO
15 ore
Spazi gratuiti per ristorazione e commercio locale
Per rilanciare l'economia, il Municipio condona l'affitto per l' occupazione del suolo pubblico.
CANTONE
15 ore
La produzione di vaccini sia in mani pubbliche
Lettera ad Alain Berset da parte del Partito comunista affinché la produzione del vaccino sia affidata allo Stato
CANTONE
15 ore
La campagna prosegue: è il turno del personale sanitario
Chi lavora nelle strutture ospedaliere sarà vaccinato direttamente sul posto; gli altri nei centri cantonali
CANTONE
16 ore
Perché le palestre sì, e le piscine no?
"È una discriminazione senza paragoni e del tutto incomprensibile". La denuncia di chi opera nel settore
MELIDE
16 ore
«I problemi della galleria non si possono risolvere a breve»
Il Consiglio di Stato, dopo avere consultato l'USTRA, risponde all'interrogazione sul tunnel del San Salvatore
CANTONE
17 ore
62 nuovi contagi in ventiquattro ore in Ticino
Sono 87 i pazienti malati di Covid-19 ricoverati nelle strutture del nostro cantone.
FOTO E VIDEO
LOCARNO
17 ore
Un altro passo verso il Museo di storia naturale al monastero
Il Municipio di Locarno ha dato il via libera alla nuova variante di piano regolatore per il Centro Storico.
LOSONE
19 ore
«In un anno 144 casi di cambio di nome e cognome»
L’ex pluriomicida Günther Tschanun aveva vissuto a lungo nel Locarnese. Senza mai svelare nulla sul suo passato.
CASLANO
21 ore
«Apriranno i lidi? Senza direttive navighiamo nell'incertezza»
Raffaele Gianola dello stabilimento balneare sul Ceresio fa gli scongiuri: «Una stagione come il 2020 sarebbe un incubo»
VIDEO: Quando eravamo molestatori
ITALIA
21 ore
Un fischio o uno sguardo, ed è già molestia per strada
Fischiare per strada una donna. Il fenomeno si chiama catcalling
CANTONE
08.04.2021 - 08:080
Aggiornamento : 12:21

Indipendenti nel limbo degli aiuti Corona: «Il Cantone con la sinistra non dà, ma con la destra prende»

Voci di chi da mesi aspetta il denaro promesso dallo Stato: «Intanto però arrivano i precetti per l'AVS»

Il direttore dello IAS Sergio Montorfani si scusa con gli affiliati per i disagi: «Il Parlamento ha stretto i paletti. Stiamo parlando di 4'000 pratiche da evadere ogni mese. Abbiamo rafforzato ulteriormente la squadra. Ciò permetterà di recuperare parte del ritardo»

BELLINZONA - «Sono uno di quelli che aspettano le Indennità di perdità di guadagno (IPG) Corona». Qui, si sfoga un’altra persona, «stiamo imbarcando acqua da tutte le parti, ma ai piani alti della nave se ne sono accorti?». Qualcun altro dà segnali di resa: «Sono proprio stanco di lottare». Un altro ancora si irrita: «Tutte le volte che ho chiamato mi hanno rimbalzato»…

Dante li avrebbe messi nel limbo dei condannati senza colpa, anche se in molti stanno dando prova di una pazienza santa. Sono le voci dei lavoratori indipendenti in attesa dei soldi promessi dallo Stato. Sebbene in Ticino siano diverse decine le Casse AVS incaricate di erogare gli IPG Corona, il grosso delle richieste arriva dagli affiliati alla Cassa cantonale di compensazione AVS. «È importante ricordare che stiamo parlando di circa 4’000 pratiche da verificare ed evadere ogni mese» rimarca Sergio Montorfani, direttore dell’Istituto delle Assicurazioni sociali. Per lo IAS si tratta di una vera sfida, che è stata irta di ostacoli, anche imprevisti, come spiegherà più sotto lo stesso alto funzionario.

Impotenza e frustrazione - Prima però diamo voce a chi è in snervante aspettativa. Grida di aiuto che si sono fatte più numerose da quando un’interrogazione dei Verdi ha evidenziato il problema dei “ritardi intollerabili” nell’erogazione degli aiuti a una delle categorie sociali più in sofferenza. Chi ha contattato la redazione mostra spesso frustrazione. Quasi sempre impotenza. Sovente rabbia. Raramente, per ora, minaccia.

La via dell’indipendenza - Gli indipendenti sono l’anello debole della crisi e sono tanti, come ricorda Nicola Schoenenberger, il deputato Verde che ha sollevato politicamente il problema: «Si tende a sottovalutare che il numero degli indipendenti in Ticino è ben più alto che nel resto della Svizzera. Il rapporto è del 17% contro il 13%». Tanti sono giovani, continua il granconsigliere, «ciò dipende anche dal fatto che nel cantone gli stipendi sono più bassi e tanti hanno lavori precari. A furia di non trovare impiego alla fine ci si mette in proprio». 

Malattia che si cura coi soldi - È sintomatico che le richieste d’aiuto degli indipendenti, con più di un piede fuori dal sistema economico, finiscano sotto l’ampio cappello del DSS. Non è ancora una malattia, ma in procinto di diventarlo se l’Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) non verrà messo nelle condizioni di erogare rapidamente gli aiuti. Ma il denaro dallo IAS non sta arrivando con la celerità richiesta, dicono in molti.  Ecco, qui, alcune testimonianze.

Gli aiuti in ritardo- «Ho ricevuto le indennità di novembre e dicembre a inizio febbraio. Sempre a febbraio - si lamenta Michela (nome noto alla redazione) - mi hanno detto che per un errore di compilazione del formulario non mi sarebbero state versate quelle di settembre e ottobre. Ho fatto ricorso e sto aspettando l’esito. Siamo ad aprile».

I precetti puntuali - «Da settembre attendo gli aiuti senza riceverli - racconta Carlo, anche lui libero professionista -. Invano! Intanto però ho ricevuto un bel precetto esecutivo da parte dell’AVS. L’assurdo di questa storia è che il Cantone mostra due mani, con la sinistra non dà, ma con l’altra prende».

Le forze al fronte - Nessuno mette in dubbio che lo IAS sia confrontato con una tempesta di richieste. Il fronte chiamato a rispondere, sembra sguarnito agli stessi richiedenti. «Trovo assurda la loro giustificazione che c’è solo un funzionario incaricato di valutare i ricorsi» racconta Alfredo. «Mi hanno risposto - aggiunge Franco - che sono in cinque a evadere duecento casi al giorno».

Domani andrà meglio - «Mi è stato detto di non aver fretta - si sfoga Antonella - che c’è gente che sta ancora aspettando le indennità di settembre e ottobre, ma che stanno cambiando il sistema informatico e che poi le cose dovrebbero andare meglio». E nell’attesa, l’invito è ad arrangiarsi: «Ho fatto notare all’ufficio preposto dello IAS che rischio di ricevere dei precetti esecutivi per fatture scoperte, e quello è rimasto zitto. Gli ho chiesto se mi dovrei indebitare aspettando le loro indennità. “Se non ha un’altra soluzione direi di sì” è stata la sua risposta».

I sospettosi - I mesi di attesa fanno nascere anche il sospetto in alcuni: «È tutto “scientificamente” pensato. Sono lungaggini volute per non erogare gli aiuti. Tanto non tutti ricorreranno all’assistenza». Qualcuno ha scritto anche di peggio, a testimonianza dell’esasperazione. Perché l’IPG, se volessimo chiudere con una citazione da un'opera poco buffa, “che vi sia, ciascun lo dice. Dove sia nessun lo sa”. Questa l’aria che tira oggi.

Lo IAS risponde: «Prioritario riassorbire il lavoro accumulato, ma nella piena correttezza delle procedure»  
Cosa sta facendo la Cassa cantonale di compensazione AVS per rispondere alle «legittime aspettative della popolazione», lo spiega a Tio/20Minuti, lo stesso direttore dello IAS, Sergio Montorfani.  La premessa è che Berna ha cambiato, strada facendo, le "regole" per le richieste: «Da metà settembre 2020, dopo un semestre in cui le procedure di erogazione erano estremamente semplificate – cosa che ci permetteva di evadere le richieste molto celermente – il Parlamento federale ha deciso di porre dei paletti più stretti per il rilascio di queste indennità. Oltre a criteri più rigorosi per l'ottenimento del sussidio, che richiedono quindi un maggiore lavoro di verifica, è stato posto l'obbligo di ripresentare la domanda ogni mese. Questi due fattori hanno notevolmente incrementato la mole di lavoro, sia per i richiedenti sia per i nostri collaboratori. È importante ricordare che stiamo parlando di circa 4'000 pratiche da verificare ed evadere ogni mese».

Lo IAS potenzia, ma... «Già durante lo scorso autunno, proprio per far fronte a questa sfida, abbiamo assunto una decina di nuovi collaboratori, ma - spiega Montorfani - complici diverse malattie e altre difficoltà, anche di natura informatica, la nostra capacità operativa è stata purtroppo ostacolata. Nel frattempo abbiamo implementato nuovi processi operativi più snelli e abbiamo proceduto a rafforzare ulteriormente la squadra anche con collaboratori provenienti da altri uffici. Questo ci permetterà di recuperare parte del ritardo. La nostra priorità rimane quella di rispondere alle richieste dei nostri affiliati e riassorbire al più presto il lavoro accumulato. Da parte nostra è però anche fondamentale garantire che tutto venga svolto nella piena correttezza delle procedure necessarie all’erogazione di questi sussidi». Le ultime parole sono per chi è in attesa: «Cogliamo l'occasione per scusarci con i nostri affiliati per questi disagi e ringraziarli per la comprensione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 sett fa su tio
Ci sono tanti impiegati , forse oltre il necessario nell'amministrazione cantonale. Non sarebbe molto pratico ,recuperare tutto il personale possibile ,non indispenabile in tutti i dipartimenti e convogliarli su queste procedure? Non penso siano necessarie formazioni universitarie per esaminare dati e formulari. Ma tantè si sa , possiamo ben dire che abbiamo almeno 5 governi in Ticino. È una vergogna. Nel privato sarebbero già in strada da molto tempo, certi dirigenti e politici.
adri57 1 sett fa su tio
Purtroppo chi necessita dei servizi IAS, conosce la problematica. La pandemia non ha facilitato i contatti con i collaboratori. I direttori e il CdS conoscono realmente quanto avviene ai piani inferiori?
TheOsage 1 sett fa su tio
@adri57 La grossa questione è che 2020 gli indennizzi agli indipendenti erano semplici da erogare, tot franchi al giorni in base a quanto pagato di AVS nell'anno precedente. Mentre nella seconda parte sono cambiate in maniera drastica le regole, questo ha complicato per chi fa la richiesta, e anche per chi sbriga le pratiche.
Mirketto 1 sett fa su tio
Come sempre si grida al lupo quando è troppo tardi. Era da prevedere una grande affluenza di incarti, perciò potenziare il personale subito?? Tanto i statali hanno il sederino al caldo e se ne fregano di chi è a casa senza soldi. Le scuse del Sig. Montorfani valgono poco.
Leonardo-P 1 sett fa su tio
@Mirketto 👏👏👏
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-17 03:40:06 | 91.208.130.85