Immobili
Veicoli
Tamedia
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
2 ore
Lanciata una petizione a sostegno dei driver di Divoora
Le richieste: riconoscimento del tempo di lavoro e remunerazione di ogni ora lavorata
MENDRISIO
4 ore
A.A.A, asini cercansi
Servono a mantenere viva la tradizione del Palio che quest'anno festeggia i quarant'anni.
CANTONE
5 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
5 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
7 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
MASSAGNO
8 ore
Nuova vettura di servizio per la Polizia Ceresio Nord
L'auto va ad ammodernare il parco veicoli ora composto da 8 vetture, 2 moto e 3 scooter.
CHIASSO
9 ore
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
10 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
CANTONE
11 ore
Anche alla Stampa c'è chi non vuole uscire
A Lugano ci sono detenuti che rinunciano ai congedi «per paura della recidiva». Parla il direttore Laffranchini
LUGANO
11 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE 
12.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 08:32

«Niente protesta di piazza. Ma un lockdown va pagato»

La voce dei piccoli imprenditori attraverso il fondatore di un gruppo che su Facebook raccoglie tremila indipendenti

Luca Moretti: «Quello degli aiuti è un ginepraio dove si fanno le pulci ai poveri cristi»

LUGANO - A Cesare, anzi a Luca Moretti, l’essere riuscito ad aggregare tremila persone in Facebook con un gruppo pubblico chiamato “Lavoratori Indipendenti e Piccole Imprese in Ticino”. La difficoltà che sta vivendo la categoria è tema di questi giorni e ci torniamo con chi ha avuto l’idea di dar vita a…

...possiamo chiamarla lobby, signor Moretti?
«La mia idea è che il gruppo continui anche dopo la pandemia. Per diventare una sorta di associazione di categoria. Chiamiamola lobby dei piccoli. Questo gruppo si è prefissato di aiutare gli indipendenti nella situazione del coronavirus. Dalla compilazione dei formulari, alla consulenza per gli aiuti a prezzi simbolici».

Qual è stata la scintilla?
«Direi una personale scottatura. Faccio il consulente finanziario e assicurativo per piccole aziende e due anni fa sono stato fregato da un cliente che mi ha causato una grossa perdita. In quell’occasione ho toccato con mano le lacune del sistema sociale con gli indipendenti».

Poi è arrivata la pandemia…
«La fragilità economica dei piccoli imprenditori è però qualcosa che si trascina da decenni. Il Covid l’ha purtroppo accentuata ed evidenziata. Siamo un cantone che non dà molto retta ai piccoli commercianti, dà più importanza al frontalierato e allo sfruttamento della manodopera a basso costo». 

È vero che la strada per gli aiuti è spesso in salita?
«Mi preme tornare sui nuovi imprenditori. A chi ha avviato l'attività nel 2020 invece di essere aiutato si è ritrovato penalizzato in un ginepraio. Aggiungiamoci che in generale gli aiuti sono lenti, macchinosi, complicati e per pochi grandi imprenditori. È tutto dire dover far capo a un revisore dei conti. Un mio cliente, un altro esempio, si è trovato senza aiuti soltanto perché lo scorso anno ha costituito una Sagl per gestire la stessa ristorazione che fa da vent’anni… È un’assurdità».

Altri aspetti critici?
«Prendiamo l’Indennità di perdita di guadagno, IPG, che è stata strutturata per aiutare soprattutto gli indipendenti. Soltanto che i cavilli sono assurdi… Occorre aver perso il 55% del fatturato. Una soglia che equivale alla morte dell’impresa, quando in realtà un danno per Covid del 20% è già pesante. Ho clienti che non prenderanno nulla perché hanno perso “solo” il 50%. Parliamo di aiuti contro la disperazione, non per guadagnarci».

D’accordo, però c’è anche se n’è approfittato...
«Vero, durante la prima ondata c’è stato chi ha usato questi soldi per comprarsi la Ferrari… Adesso però lo Stato esagera sul fronte opposto, facendo le pulci ai poveri cristi. Per poche mele marce stanno penalizzando tantissimi cittadini».

In diversi puntano il dito contro la politica. È davvero indifferente?
«Io ho parlato a nome del gruppo con sindaci, consiglieri di Stato e in particolare con il presidente del Governo, Norman Gobbi. Ho trovato disponibilità, sensibilità e ascolto. Non è però semplice contrastare decisioni che arrivano da Berna». 

Nel gruppo qualcuno spinge per manifestare il dissenso in piazza. Che ne pensa?
«Non sono d’accordo, perché non sono metodi tradizionali svizzeri. Non funzionerebbe».

Domanda finale secca: sono prioritari oggi gli aiuti o le riaperture?
«Con umiltà non mi arrogo conoscenze sanitarie che non ho e ascolto i medici. Ma la gravità della situazione deve essere direttamente proporzionale agli aiuti. Un lockdown va pagato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 17:22:56 | 91.208.130.85