Immobili
Veicoli

CANTONECovid, il Ticino è ancora messo male

07.01.21 - 16:13
L'incidenza è di 456 casi ogni 100mila abitanti. Il confronto con gli altri Cantoni, nel rapporto dell'UFSP
tipress
Fonte ATS
Covid, il Ticino è ancora messo male
L'incidenza è di 456 casi ogni 100mila abitanti. Il confronto con gli altri Cantoni, nel rapporto dell'UFSP

BELLINZONA - I numeri dell'Ufficio federale di sanità pubblica non arridono al Ticino. I test positivi al coronavius in Svizzera e nel Liechtenstein sono diminuiti del 2,9% nella settimana fra il 28 dicembre e il 3 gennaio rispetto ai sette giorni precedenti. Ma il nostro è ancora il cantone dove il tasso di incidenza della malattia è più elevato: 456 casi ogni 100'000 abitanti. Nei Grigioni il tasso è risultato invariato a 263,3 casi ogni 100'000 abitanti.

Nella settimana in esame (la 53esima dell'anno) i casi confermati in laboratorio sono stati 23'488, contro 29'441 la settimana prima. Rispetto alla settimana 52, l'incidenza è aumentata di oltre il 10% in 9 cantoni, mentre in altri sei e nel principato del Liechtenstein è diminuita di oltre il 10%. Negli 11 cantoni restanti le variazioni sono state inferiori a questa soglia.

Nei sette giorni presi in considerazione sono stati eseguiti 149'703 tamponi (69% PCR e 31% test antigenici rapidi), il 27,5% in meno rispetto alla settimana precedente. A livello nazionale la percentuale di test positivi è stata del 16,8 %, in aumento se paragonata ai sette giorni precedenti (12,6%).

Questa quota è cresciuta in tutti i cantoni, ad eccezione di Sciaffusa e Obvaldo, e nel Liechtenstein. In Ticino è passata in una settimana dal 18,7% al 21,6% e nei Grigioni dall'11,3% al 13,3%. La quota più bassa di test positivi è stata registrata a Ginevra con il 9,9%, quella più alta ad Appenzello interno con il 34,3%.

Due terzi dei casi riguardavano persone di età compresa fra i 20 e i 59 anni. L'età mediana è costantemente aumentata da inizio settembre, passando da 33 a 45 anni.

Nella settimana 53 sono stati annunciati 824 ricoveri, ma l'UFSP prevede più annunci tardivi a causa delle festività. Il numero di pazienti nei reparti di cure intense è leggermente diminuito a 428. In calo anche il numero dei decessi, passato da 543 a 427.

La mortalità rispetto alla popolazione varia molto a seconda dei cantoni: Giura, Appenzello interno, Obvaldo e Nidvaldo non hanno registrato nessuna vittima, mentre a Svitto la percentuale è stata di 10 morti ogni 100'000 abitanti. In Ticino questo indicatore si è attestato a 7,1 decessi su 100'000 abitanti e nei Grigioni a 2,5.

Circa il 60% dei pazienti ricoverati aveva 70 anni o più e il 29% fra i 50 e i 69 anni. Rispetto alla loro percentuale sul totale della popolazione, gli ultraottantenni sono sovrarappresentati negli ospedali. Gli uomini vengono più spesso ricoverati rispetto alle donne.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO