Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Il «bellissimo gioco» che ti fa perdere 1300 franchi
Il meccanismo è quello del noto "schema Ponzi": piramidale e senza reale possibilità di vincere
CANTONE/CONFINE
3 ore
Senza peli sulla lingua: «Il Green Pass avrà un impatto»
La testimonianza di uno storico parrucchiere e il parere del sindaco Mastromarino
LUGANO
4 ore
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause e la dinamica dei fatti
BELLINZONA
6 ore
Cade dalla scala a chiocciola, operaio in fin di vita
Il 40enne italiano stava lavorando presso una casa in ristrutturazione in via Tamporì a Bellinzona.
CANTONE
8 ore
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
FOTO
CANTONE
8 ore
Provvedimenti coercitivi, ecco la nuova Giudice supplente (a tempo)
L'avvocatessa Krizia Kono-Genini è stata nominata oggi dal Consiglio di Stato. Resterà in carica fino al 31 marzo
CANTONE
9 ore
L’Ambasciatrice della Polonia fa visita al Ticino
Il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha ricevuto oggi a Palazzo delle Orsoline Iwona Kozlowska
LUGANO
10 ore
Nasce il Caffè Amélie, spazio di convivialità per adulti
Ogni venerdì verranno proposte diverse attività dalle 14 alle 16.30
LOCARNO
10 ore
Completato l’Ufficio presidenziale del PLR cittadino
Tre i neoeletti: Orlando Bianchetti, Franca Antognini e Daniel Mitric
CANTONE
10 ore
«Il Conservatorio è una scuola, non attività da tempo libero»
Una mozione chiede che gli over 16 possano accedere alle lezioni senza Certificato 2G
LUGANO
11 ore
Nuova sede per il SAS
Dal primo febbraio il Servizio accompagnamento sociale di Lugano verrà trasferito a Molino Nuovo.
CANTONE
15.10.2020 - 13:460
Aggiornamento : 18:19

Il Covid-19 nell’Amministrazione cantonale: «Non sono protetti»

La lamentela giunge da alcuni dipendenti all’MPS, che la rigira al Consiglio di Stato

«Edificio sovraffollato, niente mascherina, uffici con troppe persone, possibilità di telelavoro limitata, colleghi dei contagiati non informati»

BELLINZONA - Con così tanti nuovi casi ogni giorno, i contagi da coronavirus non risparmiano nessun ambiente. Ed è così che il virus è entrato anche nell’Amministrazione cantonale, in particolare al Centro sistemi informativi (CSI) di Bellinzona. La notizia di due collaboratori risultati positivi al Covid-19 è stata annunciata «informalmente» oggi ai colleghi, ai quali sarebbe stato chiesto però di «non divulgare la notizia per questioni di privacy e per non spargere il panico».

Qualcuno, ugualmente allarmato, si è rivolto al Movimento per il socialismo (MPS) segnalando diversi problemi. In particolare, la «non tutela del personale». Sembra infatti che uno dei contagiati sia a stretto contatto con molte persone, occupandosi tra le altre cose dell'accesso ai piani, di consegnare la posta interna, parlare con i fornitori. Inoltre, i colleghi che dividono l’ufficio con l’altro contagiato «non sono stati messi in quarantena né sono stati opportunamente avvisati/informati».

In generale, la segnalazione mette sotto la lente alcune caratteristiche del CSI che in periodo di pandemia sono diventate un problema: «L’edificio ospita 180 persone (i piani principali ne prevedevano 100), vi sono uffici di 50 mq con otto postazioni separate solo da paratie mobili, non vi è l’obbligo di indossare la mascherina, il datore di lavoro non le fornisce, il disinfettante è solo nei corridoi, le pulizie riguardano solo i pavimenti senza disinfezione delle scrivanie, non è possibile aerare adeguatamente tutti gli uffici».

Nonostante si tratti di una struttura cantonale, che fa capo al DFE, non sarebbe concesso il telelavoro, stando alla segnalazione che i collaboratori hanno fatto all’MPS. «Vi sono persone a rischio alle quali, nonostante i certificati medici, durante la prima ondata è stato concesso pochissimo telelavoro, solo uno o due giorni alla settimana». E dire che la maggior parte di loro sono informatici, «che potrebbero lavorare da casa senza problemi».

Da qui l’enorme preoccupazione di alcuni collaboratori e la segnalazione all’MPS, che all’attenzione del Consiglio di Stato sottopone ben dodici domande.

L’interpellanza del gruppo MPS-POP-Indipendenti

1. Quando intende Silvano Petrini e gli altri funzionari dirigenti del CSI, implementare il telelavoro data l’emergenza COVID, per i propri dipendenti?
2. A quante persone intende accordarlo? Per quanto tempo? Da quale data? Quali sono eventuali impedimenti all’attuazione immediata?
3. Quali particolari disposizioni intende la direzione mettere in atto per le persone a rischio (indicare tipo, modo e tempi).
4. La direzione è pronta ad assumere la responsabilità penale di eventuali contagi avvenuti in questo lasso di tempo su persone a rischio costrette ad andare in ufficio?
5. Quali misure sono state intraprese e con quale efficacia per prevenire la diffusione del COVID all’interno del CSI?
6. Il Medico Cantonale ha potuto verificare e confermare la bontà dei dispositivi finora messi in pratica? In che occasione? In che modo (visita, etc.).
7. Corrisponde al vero che lo stabile CSI è attualmente sovraffollato? Quante persone dovrebbe ospitare in condizioni normali?
8. La pulizia dello stabile è stata aumentata? Con che modalità (disinfezione, aumento dei turni del personale per le pulizie etc.)
9. I servizi igienici dello stabile sono adeguati? Quante persone servono? Ogni quanto è prevista la disinfezione?
10. Visto che ancora non è stato fatto quando verranno distribuiti, gratuitamente, disinfettanti e mascherine ad ogni collaboratore dello stabile? Cosa ha impedito finora tale distribuzione?
11. Come mai il telelavoro, molto indicato e fattibile in campo informatico, non è stato ancora preso in considerazione al CSI? Quali sono i parametri per i quali il telelavoro è concesso?
12. I casi di COVID tra i dipendenti sono tracciati? Non ritiene la direzione vi sia la necessità di mettere in quarantena perlomeno i colleghi di coloro che hanno contratto il COVID? (colleghi con cui sono venuti in contatto)

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 01:06:13 | 91.208.130.86