deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
STABIO
1 ora
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
BELLINZONA
1 ora
Valascia, Tuto Rossi contro Branda: «Blocchiamo il versamento»
Secondo il consigliere comunale del gruppo Lega-Udc, il Sindaco sapeva ma ha taciuto riguardo ai problemi della società.
BELLINZONA
1 ora
Il premio Robert Wenner assegnato a Davide Rossi
Le scoperte del ricercatore di IOSI e IOR contribuiscono a migliorare la diagnosi e la terapia in ambito oncologico.
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
BLENIO
3 ore
A Campra riapre la pista di fondo
Da mercoledì si potranno percorrere circa 2,5 km, ma già nel fine settimana le piste potrebbero essere allungate.
FAIDO
7 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE / GRIGIONI
7 ore
Otto incidenti in quattro anni, ma è sicura
Positivo l'esito dello studio sulla sicurezza nonostante l’incidentalità registrata dall’apertura.
CANTONE
8 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
8 ore
Mercatini, tra Covid e rinvii
Mascherina obbligatoria a Chiasso. Posticipo causa neve a Tesserete
CANTONE
9 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
9 ore
LAMal, l'autorizzazione a esercitare passa al Cantone
Il Consiglio di Stato ha approvato la modifica dell'ordinanza sull'assicurazione malattie.
CANTONE
9 ore
Festeggiati 440 neolaureati della SUPSI
Sono quindi 791 in totale i titoli Bachelor rilasciati dalla SUPSI nel 2021, ai quali si aggiungono 268 Master.
CANTONE
9 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CHIASSO
02.07.2020 - 06:300
Aggiornamento : 11:51

Aggredito dal capo, resta senza disoccupazione

È successo a un aiuto-cuoco in un ristorante del Sottoceneri. I sindacati: «Fatti gravi, da denunciare»

L'aggressività sul lavoro è un problema meno raro di quanto si pensi. Il caso di un 30enne frontaliere

CHIASSO - Aggredito, e disoccupato. Un 30enne frontaliere di recente si è rivolto ai sindacati e alla polizia, dopo essere stato aggredito dal proprio datore di lavoro. La vicenda è meno rara di quanto si pensi (abbiamo riferito casi simili in passato): ma come conviene comportarsi in queste situazioni? 

I fatti risalgono ad alcuni giorni fa, e sono stati raccontati dallo stesso protagonista sul gruppo Facebook "Frontalieri Ticino". «Tutto è iniziato da un diverbio per motivi futili» ha raccontato a tio.ch/20minuti l'uomo, che da gennaio a giugno ha lavorato come aiuto-cuoco in un ristorante del Sottoceneri.

Il rimprovero verbale – racconta il lavoratore – sarebbe degenerato in un'aggressione fisica, con mani addosso e spintoni. La reazione del dipendente? «Me ne sono andato sconvolto, e mi sono recato in polizia». La vicenda viene segnalata dall'interessato ai commissariati di Chiasso e Lugano, ma non è sfociata in una denuncia per aggressione. 

«In casi simili consigliamo sempre di aprire una vertenza, anche in assenza di testimoni» spiegano dal sindacato Ocst di Chiasso, a cui il 30enne si è rivolto in cerca di consiglio. «Un'aggressione sul lavoro è un fatto grave e va sempre denunciata». Nella fattispecie le cose finiscono diversamente: l'aiuto-cuoco rassegna le dimissioni. «Non ho voluto imbarcarmi in una causa dall'esito incerto» spiega. «E non volevo recarmi al lavoro un giorno di più». 

Una decisione comprensibile, ma sbagliata. «In questo modo il lavoratore ha perso il diritto alla disoccupazione» spiega Nenad Iovanovic dell'Ocst. «Così è doppiamente penalizzato». Ma il dilemma è meno raro di quanto si potrebbe pensare, sottolinea Giangiorgio Gargantini di Unia: «Non capita tutti i giorni, ma abbiamo avuto diversi casi. Specie nei settori più sotto pressione, le tensioni possono esprimersi in episodi di aggressività, sia fisica che verbale e psicologica». Il consiglio in casi simili: primo, diffidare il datore di lavoro – formalmente – dai comportamenti aggressivi. Secondo, aprire una vertenza per ottenere una disdetta consensuale. Ed eventualmente chiedere un risarcimento. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Pongo 1 anno fa su tio
sembrano quelle storie degli studenti che prendono una sberla dal docente e vanno a piangere dalla mamma
centauro 1 anno fa su tio
@Pongo Se permetti le mani addosso a un dipendente non si mettono per nessun motivo, se questo dopo una spintonata cadeva magari sulle piastre roventi o su una pentola piena di acqua bollente con conseguenze gravi andavi tu a giustificare il suo capo? ma per favore non scrivere cretinate!!!
miba 1 anno fa su tio
Era il commento al post di seo56
Heinz 1 anno fa su tio
Tutta la storia non la sappiamo, ma basta con ste menate (frontaliere, ticinese, africano, svizzero etcetc) : sul posto di lavoro il primo che alza le mani ha torto, chiunque sia, il rispetto reciproco è dovuto. Il resto è politica avariata...
MIM 1 anno fa su tio
@Heinz concordo
Pongo 1 anno fa su tio
@MIM rimane il fatto che non puoi non presentarti più al lavoro da un giorno all'altro e pretendere la disoccupazione
miba 1 anno fa su tio
Breve e chiaro. Pienamente d'accordo!
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Tanto can can perché è un frontaliere! Adesso aiutato dal sindacato e eretto a martire troverà un posto di lavoro a livello cantonale.
centauro 1 anno fa su tio
@VECCHIOTTO Ma glielo auguro.....se non fosse stato un frontaliere non sarebbe cambiato nulla.
seo56 1 anno fa su tio
Prima sempre sentire le due campane. Questi sono pettegolezzi non giornalismo!
Heinz 1 anno fa su tio
@seo56 100% d'accordo
centauro 1 anno fa su tio
@seo56 In ogni caso non si aggredisce una persona con spintonate, a torto o a ragione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 19:55:20 | 91.208.130.85