ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
6 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
7 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
8 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
9 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
9 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
10 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
10 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
11 ore
«Altro che allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
12 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
12 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
13 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
13 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
13 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
13 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
CANTONE
22.05.2019 - 15:440
Aggiornamento : 18:14

«Le strutture logistiche resteranno, ma saranno ridimensionate»

Arriva la conferma di Kering: «Attività logistiche centralizzate in Italia, in un polo dimensionato per la crescita futura»

1 mese fa «Il caso Kering faccia scuola, servono condizioni quadro»
1 mese fa Kering, previsti 400 trasferimenti: «Il morale crollerà»
1 mese fa Gruppo Kering, «il gioco è finito e a noi rimangono i cocci»

LUGANO - Vi è la necessità di un «nuovo e più capiente deposito» e di «riorganizzazione e semplificazione dell’attuale struttura logistica» dietro la scelta di Kering di centralizzare queste ultime in Italia.

Dalla direzione della maison del lusso arrivano in sostanza le conferme di quanto preannunciato questa mattina da Giovanni Scolari, segretario regionale OCST.

«Kering - scrive il gruppo in una nota stampa - , negli ultimi anni, ha avuto una significativa crescita, performando oltre il mercato, a conferma della solidità della strategia del Gruppo e della capacità di adattare il modello di business ai trend di un settore che cambia a ritmi sempre più accelerati». «Oggi più che mai - prosegue - siamo chiamati ad assicurare ai marchi livelli sempre più sfidanti di flessibilità e reattività, per garantire consegne sempre più rapide e rispondere all’evoluzione dei diversi canali di vendita in direzione omni-channel, anche in considerazione dell’internalizzazione dell’e-commerce».

La scelta di trasferirsi - Da oltre 20 anni, Kering ha sviluppato e ampliato la propria piattaforma logistica in Svizzera «per sostenere l'evoluzione del Gruppo e la sua crescita», afferma ancora il primo contribuente del Cantone. «Nel 2014, l'inaugurazione del magazzino di Sant'Antonino ha risposto strategicamente alla necessità di maggiore spazio. Tuttavia, la crescita sostenuta del Gruppo ha reso anche questo nuovo deposito saturo, innescando una sfida quotidiana per far fronte ai volumi, con la conseguente necessità di una progressiva aggiunta di numerosi magazzini satellite».

Oggi, il Gruppo conta circa 20 magazzini diversi in tutto il Ticino, «la maggior parte dei quali con capacità medio-piccole, aggiunti negli anni per far fronte alla crescente domanda». Nel contesto di «una riflessione più approfondita sull'adeguatezza della rete logistica mondiale», il Gruppo ha deciso di introdurre un nuovo modello operativo, «con una sostanziale riorganizzazione e semplificazione dell’attuale struttura logistica, con nuovi investimenti negli Stati Uniti, Asia e Italia».

Come conseguenza delle considerazioni di cui sopra, la maggior parte delle attività logistiche svizzere,come già accennato, sarà centralizzata in un unico polo in Italia, «che sarà dimensionato per la crescita futura».

Viene quindi confermata la sede a Trecate, vicino a Novara. «Consentirà una maggiore capacità di stoccaggio e scalabilità, in linea con la crescita dei volumi, e soddisferà la crescente domanda di interconnessione con i principali hub di trasporto».

Le strutture logistiche in Ticino resteranno - Il progetto sarà attuato gradualmente nei prossimi tre anni, a partire dal 2020 sino al 2022. Le strutture logistiche oggi presenti in Ticino continueranno ad operare, «seppur con una sostanziale riduzione delle attività con conseguente ridimensionamento del personale impiegato».

Il Gruppo, in collaborazione con tutte le parti interessate, assicura di stare lavorando per «mitigare le conseguenze sui dipendenti coinvolti in modo responsabile».

1 mese fa Kering è pronta ad andarsene. Via 300 posti di lavoro
La ‘Fashion Valley’ è arrivata alla fine?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 01:03:08 | 91.208.130.85