Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
33 min
Iniziativa sugli alloggi a rischio bocciatura
Resta invece alto il consenso per la norma anti-omofobia. Ecco i risultati del terzo sondaggio 20 minuti/Tamedia
FRIBURGO
6 ore
«C'è il coronavirus a scuola», ma era uno scherzo
Uno studente ha mandato una mail a tutto l'istituto fingendosi il preside. Ora rischia anche l'espulsione
SVIZZERA
13 ore
Stop di un anno per i soldati che vogliono passare al servizio civile
Questa misura, arenatasi in precedenza al Nazionale, è stata nuovamente riproposta dalla Commissione della politica di sicurezza degli Stati
SVIZZERA
14 ore
UBS a caccia di una ventina di quadri per l'investment banking
Il numero uno bancario, secondo Bloomberg, guarda soprattutto agli Stati Uniti
SAN GALLO
14 ore
Addescava i minori sui social, condannato a cinque anni
Il 44enne è stato ritenuto colpevole per atti sessuali con fanciulli, coazione sessuale e pornografia
SVIZZERA / AUSTRIA
15 ore
Simonetta Sommaruga va in Austria
La presidente della Confederazione incontrerà dopodomani il cancelliere Kurz, il presidente Van der Bellen e la ministra dell'ambiente Gewessler
SVIZZERA
15 ore
Alfred Heer nuovo presidente dell'UDC?
Il consigliere nazionale zurighese potrebbe essere scelto quale successore di Albert Rösti il prossimo 28 marzo
GINEVRA / ITALIA
15 ore
Fermato a Milano, avrebbe ucciso una donna a Ginevra
L'uomo era oggetto di un ordine d'arresto internazionale dopo il ritrovamento, domenica scorsa, del cadavere di una 55enne a Plainpalais
SVIZZERA
16 ore
Berna rassicura: «Finora tutti i casi sospetti sono negativi»
L'UFSP hanno fatto il punto della situazione. Nessuna raccomandazione particolare, ma si lavora a pieno regime per essere pronti
SVIZZERA
29.10.2019 - 12:370

«Ridurre le ammissioni al servizio civile»

La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale, così come il Governo, intende renderlo meno attrattivo in modo da ripristinare una certa equivalenza fra servizio civile e militare

BERNA - Il servizio civile va reso meno attrattivo e le ammissioni vanno ridotte. È l'opinione della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-N), che suggerisce di approvare punto per punto la riforma studiata dal governo. Tutte le proposte di sospensione, non entrata in materia e stralcio delle misure sono state respinte.

Il progetto di revisione di legge è già stato approvato nel suo insieme dal Consiglio degli Stati lo scorso settembre. L'obiettivo è quello di ripristinare una certa equivalenza fra servizio civile e militare, sottolinea una nota odierna dei servizi parlamentari.

Per la CPS-N, le misure proposte dall'esecutivo vanno nella giusta direzione e permetteranno di ridurre drasticamente i passaggi al servizio civile, soprattutto da parte di militari che hanno assolto la scuola reclute e di specialisti e quadri.

Al contrario degli Stati, la commissione chiede di approvare - con 15 voti contro 8 - anche la proposta di abolire gli impieghi all'estero. La maggioranza fa notare che nell'esercito non esiste questa possibilità così come viene offerta ai "civilisti". Lavori fuori dai confini nazionali causerebbero pure un onere amministrativo eccessivo. Per contro, una minoranza li ritiene preziosi, sottolineando che la cooperazione allo sviluppo rappresenta una priorità di politica estera della Svizzera.

Anche tutte le altre sette misure avanzate dal Consiglio federale hanno ricevuto il via libera senza patemi d'animo. Fra queste vi sono il numero minimo di giorni di servizio portato a quota 150, l'attesa di 12 mesi per i militari incorporati prima di essere liberati dall'esercito e l'applicazione pure a sottufficiali e ufficiali del fattore 1,5 (vanno svolti una volta e mezzo i giorni di servizio militare).

Nella votazione sul complesso, la commissione ha approvato la revisione di legge con 16 voti contro 8. La maggioranza ritiene infatti insostenibile l'attuale situazione: le domande di ammissione al servizio civile sono aumentate a dismisura grazie all'abolizione dell'esame di coscienza.

Una minoranza invece non vede alcun pericolo per gli effettivi dell'esercito e ritiene inutile la riforma. Le limitazioni delle ammissioni avrebbero unicamente quale scopo l'inaccettabile indebolimento del servizio civile. Alcuni provvedimenti del Consiglio federale sarebbero inoltre di carattere punitivo, mentre altri sarebbero arbitrari o sproporzionati.

Un'altra minoranza ritiene la revisione prematura, ma la proposta di sospensione è stata respinta per 15 voti contro 9. Il Nazionale si occuperà del dossier durante la prossima sessione invernale.

Verso il referendum? - La decisione odierna è stata accolta negativamente dalla Federazione svizzera del servizio civile (CIVIVA) che ha parlato di un «attacco» come «regalo di addio».

«La commissione non si è privata di concludere la sua ultima riunione con un attacco massiccio contro il servizio civile», si legge in una nota. Lisa Mazzone, copresidente di CIVIVA e membro della CPS-N ha affermato in particolare che «la maggioranza dei membri della commissione non riconosce il grande impegno degli astretti al servizio civile. La modifica della legge accettata oggi non è nè necessaria nè sensata». Per questo motivo, CIVIVA si dice pronta a combattere ed è pronta ad un possibile referendum.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-29 06:35:04 | 91.208.130.85