Immobili
Veicoli

ZURIGOMulta e due anni sospesi per il giovane che viaggiava a 247 chilometri orari

15.12.21 - 22:30
Lo scorso anno il 24enne aveva guidato a folle velocità e con una bottiglia di Jägermeister in mano.
Deposit (archivio)
ZURIGO
15.12.21 - 22:30
Multa e due anni sospesi per il giovane che viaggiava a 247 chilometri orari
Lo scorso anno il 24enne aveva guidato a folle velocità e con una bottiglia di Jägermeister in mano.
Il misfatto era stato scoperto attraverso i video pubblicati sui social dai passeggeri dell'auto stessa.

ZURIGO - In autostrada a 247 chilometri orari. E con una bottiglia mezza vuota di Jägermeister in mano. È successo a dicembre 2020 sulle autostrade svizzere, e tutto è stato documentato dai passeggeri dell’auto stessa, che hanno filmato e pubblicato sui social la folle corsa. Ora il conducente della golf R5, un argoviese di 24 anni che aveva a bordo tre passeggeri, è stato condannato a due anni di reclusione con la condizionale. Il giovane dovrà inoltre pagare una multa di 1’500 franchi, più costi aggiuntivi di 3’650. 

«Palese disprezzo per i limiti di velocità» - Secondo l’atto accusa il ragazzo ha accelerato da 120 a 217 chilometri orari sulla A15 in direzione di Rapperswil, per poi arrivare a un massimo di 247 sulla A3 in direzione di Sarganserland. «A causa dell’assoluto disprezzo dei limiti di velocità», ha commentato il procuratore pubblico del Ministero di Limmattal/Albis, «ha corso il rischio di causare un incidente con feriti gravi o morti».

Prevenire recidive - Oltre alla carcerazione condizionale e alla multa, P.* dovrà di frequentare il cosiddetto programma di apprendimento “Start”. Il corso è rivolto a utenti della strada predisposti al rischio e si compone di dodici sessioni di gruppo di due ore ciascuna e di tre sessioni individuali. Il giovane dovrà inoltre frequentare il programma d'intervento orientato alla criminalità"Do It", che mira a prevenire le ricadute. Per entrambi viene addebitato un contributo spese di CHF 500.-.

«È andato fuori controllo» - Il caso è in gran parte chiuso, ha dichiarato l'avvocato di P. a 20 Minuten. «Sarà trattato in tribunale con la procedura abbreviata perché il mio cliente ha collaborato con la polizia fin dall'inizio». P., che non ha precedenti condanne, ha subito reso piena confessione nel primo interrogatorio. «Il mio cliente è consapevole che questa breve accelerazione in autostrada è stata un grosso errore», ha sottolineato l'avvocato. Ha messo in pericolo se stesso e, soprattutto, gli altri utenti della strada. «È andato fuori controllo», ha concluso. 

* nome completo noto alla redazione

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA