Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ITALIA
6 ore
Residente in Svizzera travolge e uccide un ciclista
Inutile l'intervento dei soccorsi. Le ferite riportate dal 33enne erano troppo gravi
ZURIGO
7 ore
Approvato il piano regolatore per un nuovo stadio
Incombe tuttavia la minaccia del referendum: secondo l'associazione IG Freiräume Zürich West il progetto dovrebbe meglio considerare gli aspetti ambientali e sociali
NEUCHÂTEL
8 ore
Condannato ex pastore per aver avuto una relazione con una minorenne
Il ragazzino si era presentato come maggiorenne. L'uomo è stato denunciato dalla madre dell'adolescente
SVIZZERA
11 ore
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
12 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
12 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
12 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
13 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
14 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
14 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
14 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
15 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
16 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
16 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
17 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
LUCERNA
01.07.2019 - 16:100
Aggiornamento : 16:34

Suicida a Malters, la donna forse soffriva di schizofrenia paranoica

È quanto emerge da una perizia commissionata dal Tribunale cantonale

MALTERS - La donna di Malters (LU) suicidatasi nel marzo del 2016, dopo essersi asserragliata in casa per impedire ad agenti di trovare la piantagione di canapa del figlio, soffriva molto probabilmente di schizofrenia paranoica. È quanto emerge da una perizia commissionata dal Tribunale cantonale. Durante l'udienza odierna è inoltre stata delucidata una comunicazione radio della polizia.

Le forze dell'ordine lucernesi avevano fatto irruzione nell'abitazione situata a una decina di chilometri a ovest di Lucerna il 9 marzo a causa della piantagione. La pensionata era sola in casa e si è sparata durante l'operazione degli agenti.

Nel giugno del 2017 i capi della polizia cantonale e di quella giudiziaria, Adi Achermann e Daniel Bussmann, furono assolti in prima istanza dal Tribunale distrettuale di Kriens dall'imputazione di omicidio colposo. Il figlio della donna - che durante l'operazione si trovava in carcere - aveva però presentato ricorso contro la decisione, ritenendo che gli agenti abbiano agito in modo sproporzionato provocando così il suicidio.

Nell'agosto del 2018 i due comandanti dovettero rispondere in secondo grado al Tribunale cantonale. Pochi giorni dopo la prima seduta del processo d'appello, la corte cantonale riferì di non essere ancora in grado di emettere una sentenza poiché, sulla base degli atti disponibili, non era possibile valutare in modo affidabile se la donna al momento di suicidarsi fosse in grado d'intendere. Una perizia ha ora chiarito tale punto.

Nella sua arringa, l'avvocato del ricorrente, Oskar Gysler, ha sottolineato che la donna non ha preso liberamente la decisione di suicidarsi, ma sotto pressione. Le mancava la facoltà cognitiva e aveva una percezione distorta della realtà. Credeva di dover rimanere per un periodo prolungato in una struttura psichiatrica e «non ha ricevuto il tempo di riflessione che aveva chiesto». Ciò è equiparabile ad un rifiuto, ha affermato il legale.

Il fatto che la donna non abbia voluto far accedere gli agenti nella sua abitazione, dimostra che ha valutato erroneamente la realtà, ha detto il procuratore straordinario Christoph Rüedi. La considerazione che preferisse il suicidio al ricovero in ospedale non ha senso: «Questa non è una decisione ragionevole», ha aggiunto. Si è evidentemente sentita messa alle strette, ha precisato.

Secondo la difesa dei due imputati, gli esperti hanno stabilito che la donna era «vigile, consapevole e orientata» durante le conversazioni telefoniche con la polizia. «La donna è stata in grado di annunciare in modo chiaro la sua intenzione di non voler mai più essere ricoverata in psichiatria» e ha in ogni momento avuto un «riferimento intatto con la realtà».

Comunicazione radio prima dell'irruzione - In occasione della seconda udienza di appello, ha inoltre avuto luogo un altro interrogatorio del responsabile dell'operazione, in particolare riguardo ad una comunicazione radio avvenuta prima dell'irruzione.

Alla prima udienza, l'avvocato del figlio della vittima aveva affermato che da un estratto delle comunicazioni emergeva che per il comando operativo era già chiaro in anticipo che si sarebbe entrati prima di pranzo, indipendentemente dalla situazione.

Il testimone interrogato ha affermato in tribunale di essersi trovato sul posto dalle 6.00 del secondo giorno dell'operazione. Nel corso del rapporto sulla situazione e il cambio turno «è emerso che nulla era cambiato durante la notte», ha affermato. La donna non era pronta a negoziare.

Alle 9.12 il responsabile dell'intervento ha comunicato per radio al capo tiratore di irrompere verso le 11.00 «anche se la donna andava a dormire o si trincerava in una stanza» a condizione che questa si trovasse a vista, non avesse un'arma né in mano né a portata di mano e che tutte le forze d'intervento fossero pronte. Dopo le 11.00 il responsabile ha effettivamente ricevuto il via libera da parte di Bussmann, che ha sua volta passato l'informazione verso le 12.00.

«Se la donna fosse stata disposta a comunicare, l'irruzione non avrebbe mai e poi mai avuto luogo», ha detto Bussmann. Secondo la procura, nell'insieme sussistono diverse contraddizioni: «Molto fa pensare che l'intervento avrebbe dovuto essere svolto indipendentemente da ciò che sarebbe successo».

Il tribunale intende comunicare ancora oggi riguardo alla sentenza o al prosieguo.

6 mesi fa Una seconda udienza per il suicidio di Malters
1 anno fa Suicidio a Malters per difendere il figlio, capi della polizia alla sbarra
2 anni fa Donna suicida a Malters, la polizia accusata di omicidio colposo
3 anni fa Donna suicida per coprire il figlio, comandante di polizia escluso dalle operazioni delicate
3 anni fa Individuo asserragliato in una casa di Malters
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 04:42:43 | 91.208.130.85