Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
BERNA
1 ora
Una folla per Floyd: «Stop al razzismo»
Più di mille persone hanno manifestato questa sera nelle vie di Bienne
SVIZZERA
1 ora
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
FOTO
LUCERNA
2 ore
Tamponata al semaforo, perde il controllo e finisce 100 metri più in là
Danneggiando in tutto 7 vetture, è successo oggi a Lucerna. Vittima di un malore il conducente che sopraggiungeva
SVIZZERA
2 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
GINEVRA
5 ore
Fine crisi, il "Jet d'eau" tornerà a zampillare
La fontana era stata spenta per proteggere la salute dei dipendenti comunali che si occupano del suo funzionamento
BERNA
5 ore
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
6 ore
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
BERNA
6 ore
MPC indaga su un caso di corruzione in Mozambico
La vicenda risale a sei anni fa. Coinvolti anche tre ex quadri di Credit Suisse
SVIZZERA
6 ore
Ai sindacati un posto nel Cda della Posta
Lo ha proposto il Consiglio Federale, secondo Sommaruga però non sarà un ticinese. E c'è già un possibile nome
ZURIGO
7 ore
L'aeroporto di Zurigo dovrà pagare 93'000 franchi per gli scavi archeologici
Lo ha stabilito il Tribunale federale. Le spese processuali ammontano a 5'000 franchi
SVIZZERA
7 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
LUCERNA
01.07.2019 - 16:100
Aggiornamento : 16:34

Suicida a Malters, la donna forse soffriva di schizofrenia paranoica

È quanto emerge da una perizia commissionata dal Tribunale cantonale

MALTERS - La donna di Malters (LU) suicidatasi nel marzo del 2016, dopo essersi asserragliata in casa per impedire ad agenti di trovare la piantagione di canapa del figlio, soffriva molto probabilmente di schizofrenia paranoica. È quanto emerge da una perizia commissionata dal Tribunale cantonale. Durante l'udienza odierna è inoltre stata delucidata una comunicazione radio della polizia.

Le forze dell'ordine lucernesi avevano fatto irruzione nell'abitazione situata a una decina di chilometri a ovest di Lucerna il 9 marzo a causa della piantagione. La pensionata era sola in casa e si è sparata durante l'operazione degli agenti.

Nel giugno del 2017 i capi della polizia cantonale e di quella giudiziaria, Adi Achermann e Daniel Bussmann, furono assolti in prima istanza dal Tribunale distrettuale di Kriens dall'imputazione di omicidio colposo. Il figlio della donna - che durante l'operazione si trovava in carcere - aveva però presentato ricorso contro la decisione, ritenendo che gli agenti abbiano agito in modo sproporzionato provocando così il suicidio.

Nell'agosto del 2018 i due comandanti dovettero rispondere in secondo grado al Tribunale cantonale. Pochi giorni dopo la prima seduta del processo d'appello, la corte cantonale riferì di non essere ancora in grado di emettere una sentenza poiché, sulla base degli atti disponibili, non era possibile valutare in modo affidabile se la donna al momento di suicidarsi fosse in grado d'intendere. Una perizia ha ora chiarito tale punto.

Nella sua arringa, l'avvocato del ricorrente, Oskar Gysler, ha sottolineato che la donna non ha preso liberamente la decisione di suicidarsi, ma sotto pressione. Le mancava la facoltà cognitiva e aveva una percezione distorta della realtà. Credeva di dover rimanere per un periodo prolungato in una struttura psichiatrica e «non ha ricevuto il tempo di riflessione che aveva chiesto». Ciò è equiparabile ad un rifiuto, ha affermato il legale.

Il fatto che la donna non abbia voluto far accedere gli agenti nella sua abitazione, dimostra che ha valutato erroneamente la realtà, ha detto il procuratore straordinario Christoph Rüedi. La considerazione che preferisse il suicidio al ricovero in ospedale non ha senso: «Questa non è una decisione ragionevole», ha aggiunto. Si è evidentemente sentita messa alle strette, ha precisato.

Secondo la difesa dei due imputati, gli esperti hanno stabilito che la donna era «vigile, consapevole e orientata» durante le conversazioni telefoniche con la polizia. «La donna è stata in grado di annunciare in modo chiaro la sua intenzione di non voler mai più essere ricoverata in psichiatria» e ha in ogni momento avuto un «riferimento intatto con la realtà».

Comunicazione radio prima dell'irruzione - In occasione della seconda udienza di appello, ha inoltre avuto luogo un altro interrogatorio del responsabile dell'operazione, in particolare riguardo ad una comunicazione radio avvenuta prima dell'irruzione.

Alla prima udienza, l'avvocato del figlio della vittima aveva affermato che da un estratto delle comunicazioni emergeva che per il comando operativo era già chiaro in anticipo che si sarebbe entrati prima di pranzo, indipendentemente dalla situazione.

Il testimone interrogato ha affermato in tribunale di essersi trovato sul posto dalle 6.00 del secondo giorno dell'operazione. Nel corso del rapporto sulla situazione e il cambio turno «è emerso che nulla era cambiato durante la notte», ha affermato. La donna non era pronta a negoziare.

Alle 9.12 il responsabile dell'intervento ha comunicato per radio al capo tiratore di irrompere verso le 11.00 «anche se la donna andava a dormire o si trincerava in una stanza» a condizione che questa si trovasse a vista, non avesse un'arma né in mano né a portata di mano e che tutte le forze d'intervento fossero pronte. Dopo le 11.00 il responsabile ha effettivamente ricevuto il via libera da parte di Bussmann, che ha sua volta passato l'informazione verso le 12.00.

«Se la donna fosse stata disposta a comunicare, l'irruzione non avrebbe mai e poi mai avuto luogo», ha detto Bussmann. Secondo la procura, nell'insieme sussistono diverse contraddizioni: «Molto fa pensare che l'intervento avrebbe dovuto essere svolto indipendentemente da ciò che sarebbe successo».

Il tribunale intende comunicare ancora oggi riguardo alla sentenza o al prosieguo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 21:56:55 | 91.208.130.89