Cerca e trova immobili

SVIZZERAIl telescopio spaziale svizzero Cheops svela nuovo sistema planetario

29.11.23 - 17:04
«Ha il potenziale di diventare il sistema planetario meglio studiato che conosciamo».
Keystone-Sda
Fonte Ats
Il telescopio spaziale svizzero Cheops svela nuovo sistema planetario
«Ha il potenziale di diventare il sistema planetario meglio studiato che conosciamo».

BERNA - Il telescopio spaziale svizzero Cheops ha svelato un nuovo sistema planetario speciale con sei pianeti. Questi ultimi orbitano in perfetta armonia attorno alla stella HD110067, distante circa 100 anni luce, come ha mostrato uno studio pubblicato oggi sulla rivista Nature.

«Ha il potenziale di diventare il sistema planetario meglio studiato che conosciamo», ha dichiarato oggi a Keystone-ATS Hugh Osborn dell'Università di Berna. L'astrofisico ha contribuito in modo decisivo alla scoperta del sistema planetario.

La particolarità di questo sistema è la sua catena di risonanza: i sei pianeti orbitano intorno alla loro stella in perfetta armonia. Se il pianeta più vicino alla stella compie tre orbite complete intorno a essa, il secondo pianeta ne compie esattamente due nello stesso tempo, si legge in un comunicato dell'Università di Berna.

«Conosciamo circa 5'000 esopianeti. In una manciata di essi vi sono risonanze di questo tipo», ha dichiarato Osborn. Gli esopianeti sono pianeti che orbitano attorno a stelle diverse dal nostro sole. «È molto raro trovare una catena di risonanza su più pianeti», ha continuato Osborn. Tuttavia, questo è proprio il caso di HD110067: i sei pianeti del sistema formano una catena di risonanza.

Formazione dei pianetiSappiamo che il sistema è rimasto in gran parte invariato dalla sua formazione, avvenuta più di un miliardo di anni fa, in quanto i pianeti appena formati tendono a muoversi in risonanza, ha spiegato Osborn. Con il tempo, però, la maggior parte dei sistemi perde questa armonia. Gli impatti dei meteoriti, ad esempio, possono interrompere questo accurato equilibrio.Per la scienza questi sistemi di risonanza sono quindi di grande importanza. Possono essere utilizzati per trarre conclusioni sulla formazione dei pianeti. «Se sappiamo di più sugli altri pianeti, alla fine sappiamo di più anche sulla Terra», ha detto Osborn.Tuttavia, i pianeti del sistema appena scoperto non sono simili alla Terra, ha sottolineato Osborn. I cosiddetti mini-Nettuno hanno dimensioni da due a tre volte superiori a quelle della Terra e, secondo le stime degli autori, hanno una densità molto bassa e una grande atmosfera ricca di idrogeno, come hanno spiegato i ricercatori nel corso di una conferenza stampa organizzata dalla rivista specializzata "Nature".Altra particolarità: HD110067 al centro del sistema, molto luminosa, riveste un grande potenziale per la ricerca. "Più una stella è luminosa, più è visibile ai telescopi", secondo Osborn.Scoperta emozionanteLa prima osservazione dei pianeti in orbita attorno a HD110067 è stata effettuata dal satellite Tess (Transiting Exoplanet Survey Satellite) della Nasa nel 2020. "Tess osserva la maggior parte delle stelle e dei pianeti solo ogni due anni", ha detto Osborn. I ricercatori sono riusciti a dedurre le orbite di due dei sei pianeti dalle osservazioni iniziali effettuate dal satellite della Nasa nel 2020 e poi nel 2022.Tuttavia, non è stato possibile trarre conclusioni per gli altri quattro pianeti scoperti. A questo punto è entrato in gioco Cheops (CHaracterising ExOPlanets Satellite). «Solo allora siamo stati in grado di risolvere l'enigma», ha detto Osborn. «È stato un momento emozionante quando abbiamo calcolato le orbite di tutti i pianeti e abbiamo visto che erano in risonanza».

Secondo sistema planetario di CheopsNon è il primo sistema planetario di questo tipo a essere scoperto con l'aiuto di Cheops. Già nel 2021, con il telescopio spaziale svizzero, ricercatori avevano scoperto un sistema planetario con pianeti risonanti intorno alla stella TOI-178. Ma a causa della stella luminosa e della catena di risonanza di sei pianeti, il sistema appena scoperto è molto più interessante.Dalla Svizzera oltre a ricercatori dell'Università di Berna, hanno partecipato alla scoperta e all'indagine del nuovo sistema planetario anche ricercatori dell'Università di Ginevra.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE