Deposit
SVIZZERA
13.07.2021 - 09:000

Il calcetto estivo lascia segni indelebili (anche per la Suva)

Gli infortuni sui campi sono sempre i più frequenti. Seguono gli incidenti in bici e quelli legati agli sport acquatici.

La Suva: «Durante l'estate si verificano 47'000 infortuni nel tempo libero che creano costi per 257 milioni di franchi».

BERNA - Gli incidenti sui campi da calcio guidano la classifica degli infortuni sportivi più frequenti durante i mesi estivi. Seguono gli infortuni in bici e quelli legati all'acqua. Nel complesso, sono soprattutto gli uomini a farsi male praticando lo svago preferito.

Durante l'estate si verificano annualmente 47'000 infortuni nel tempo libero, ha indicato la Suva in un comunicato odierno. In totale, i costi complessivi ammontano a 257 milioni di franchi.

Il calcio si trova in cima alla classifica con 13'100 infortuni, generando costi per 61 milioni. In media, farsi male giocando a calcetto costa 3'700 franchi. La stragrande maggioranza - 90% - di coloro che devono ricorrere al medico o recarsi al pronto soccorso sono uomini.

Secondo la Suva le escursioni in montagna occupano soltanto il quinto posto. Ma con un costo medio di 6'700 franchi per incidente sono i più cari, poiché le lesioni sono spesso più serie. Seguono gli infortuni in mountain bike (6'600 franchi) e nella pratica dell'equitazione (5'600 franchi).

Gli incidenti nei laghi, fiumi o piscine si piazzano al terzo posto. Tuttavia è però in quest'ambito che si riscontrano più decessi, con una media di otto casi all'anno.

In generale, sono gli uomini a infortunarsi di più mentre praticano sport. Unica eccezione: l'equitazione, dove le "amazzoni" che finiscono dal medico sono in maggioranza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 2 mesi fa su tio
Un bel lockdown a vita risolverebbe tutto. Scommettiamo?
lollo68 2 mesi fa su tio
A me sembra che nel calcio la voglia di vincere a tutti i costi porti a tanti infortuni. I ragazzi che fanno calcio devono mostrare la loro abilità anche durante la lezione di ginnastica o a ricreazione a scapito delle gambe dei compagni di classe. Rendere obbligatorio il casco per le biciclette aiuterebbe ad avere meno incidenti gravi. Ci deve pure essere un controllo perché vedo ancora gente in motorino o scooter senza il casco! Al ginnasio c'era la lezione di nuoto e io avevo dovuto fare un corso perché a 11 anni non sapevo nuotare. A dipendenza di dove si abita ci sono adolescenti che non sanno nuotare o nuotano malissimo perché non hanno fatto nuoto a scuola! Qui si può e si deve migliorare!
Lore61 2 mesi fa su tio
@lollo68 Ma cosa te ne frega di chi mette il casco o no, saranno liberi di prendersi i loro rischi o no? Vuoi una società di cerebrolesi che bisogna dirgli come vivere, o gente che si prende le proprie responsabilità? Vuoi meno incidenti gravi per ogni disciplina? Allora vara una legge che tutti devono stare al proprio domicilio su un letto e vivere attraverso un surrogato! Ti lamenti (come molti) per il costo assicurativo che provocano? Bene allora le assicurazioni sono liberi di non pagare, poi però voglio vedere quante ne falliscono visto che la maggioranza della gente non si assicurerà più!!
Güglielmo 2 mesi fa su tio
distorsioni, lussazioni, stiramenti, colpi con varie ripercussioni, strappi muscolari? LA SUVA NON RISPONDE PIÙ! risponde unicamente in caso di fratture d operare. i costi calano all'istante.. i vari emulatori di Ronaldo e Federer... si danno una calmata... troppo facile.. mi son fatto la bua, paga la SUVA, nono paghi tu!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 03:12:22 | 91.208.130.85