Immobili
Veicoli
Keystone
ZURIGO
21.05.2021 - 10:240
Aggiornamento : 11:48

In Canton Zurigo uno scolaro su cinque è già stato infettato

A dirlo è lo studio Ciao Corona, condotto per la terza volta su 2500 bambini del cantone. Due terzi gli asintomatici.

ZURIGO - Circa un quinto di tutti gli scolari del canton Zurigo sono già stati infettati dal SARS-Cov-2, e circa due terzi di essi sono rimasti asintomatici. Lo rileva lo studio Ciao Corona, condotto per la terza volta su 2500 bambini di 275 classi e 55 scuole del cantone.

Da giugno del 2020, quando il test per rilevare gli anticorpi contro il nuovo coronavirus è stato effettuato per la prima volta, la percentuale di ragazzini che hanno formato anticorpi a seguito dell'infezione è aumentata dal 2 al 19 per cento, precisa oggi l'università di Zurigo (UZH). Il tasso di infezione è quindi paragonabile a quello dei genitori e del personale scolastico.

Secondo lo studio dell'UZH, l'80% dei bambini in cui gli anticorpi sono stati rilevati già nell'ottobre e nel novembre del 2020 li ha mantenuti per almeno sei mesi, mentre in circa un quinto del campione gli anticorpi non erano più rilevabili.

Si può quindi presumere che la protezione immunologica contro il Covid-19 sia ancora in atto e che i bambini che sono già stati infettati una volta abbiano un rischio molto più basso di essere infettati di nuovo, ha rilevato in una conferenza stampa odierna la professoressa dall'UZH Susi Kriemler, responsabile dello studio.

Ma anche i bambini in cui gli anticorpi non potevano più essere riscontrati potrebbero continuare ad avere una certa protezione contro la reinfezione, grazie ad altri meccanismi di difesa del corpo come le cellule T. Cellule che sono considerate come la "memoria" del sistema immunitario e assicurano una risposta rapida ed efficace quando il corpo si confronta di nuovo con un particolare patogeno, ha spiegato Kriemler.

La seconda notizia positiva che emerge dai risultati dello studio zurighese riguarda le potenziali conseguenze a lungo termine dell'infezione. «La frequenza dei sintomi associati al cosiddetto Long-Covid sembra essere significativamente più bassa nei bambini che negli adulti», ha detto Milo Puhan, iniziatore dello studio e capo dell'Istituto di epidemiologia all'UZH.

Circa il 4% degli scolari che erano stati infettati ha riferito di almeno un sintomo che è durato più di tre mesi. Ma anche tra i bambini senza una precedente infezione, il 2% ha dichiarato sintomi che sono durati più a lungo. Ciò lascia supporre che solo circa il 2% dei bambini infettati abbia sintomi a lungo termine che potrebbero essere effettivamente legati al Covid-19.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 10:53:35 | 91.208.130.87