Keystone
Il sorriso dopo l'assoluzione del 15 luglio.
NEUCHÂTEL
23.02.2021 - 17:590

Assoluzione di Perrin, il procuratore generale non ci sta

L'ex consigliere di Stato neocastellano era stato prosciolto dall'accusa di discriminazione razziale.

Il Ministero pubblico ha deciso di ricorrere chiedendo l'annullamento della sentenza dello scorso luglio.

NEUCHÂTEL - Il procuratore generale del cantone di Neuchâtel Pierre Aubert ha presentato ricorso contro l'assoluzione di Yvan Perrin il 15 luglio 2020. Il tribunale di polizia di Neuchâtel aveva assolto l'ex consigliere di Stato dall'accusa di discriminazione razziale. Il caso sarà quindi portato davanti alla Corte penale del Tribunale cantonale.

Nel ricorso, datato 11 febbraio e reso noto oggi dall'emittente RTN, la Procura chiede l'annullamento della sentenza dello scorso luglio e la condanna di Perrin a una multa di 90 giorni sospesa con la condizione per due anni e al pagamento delle spese giudiziarie.

Yvan Perrin è stato perseguito per discriminazione razziale per alcuni commenti pubblicati sulla sua bacheca di Facebook. Nel corso del processo, il politico UDC ha spiegato che i suoi commenti erano diretti ai Fratelli Musulmani e non ai musulmani in generale.

Il giudice unico Bastien Sandoz ha ritenuto che a Perrin non si potessero attribuire commenti fatti da terzi. A suo avviso, non ha avuto un comportamento attivo nel diffondere i messaggi problematici mantenendoli nella sua bacheca.

Un punto di vista non condiviso dal procuratore di Neuchâtel, secondo il quale la pubblicazione è stata recepita da una gran parte degli internauti "come una sfida all'Islam e a coloro che vi sono associati, e non a una delle sue forme estreme".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 mese fa su tio
Assoluzione più che giusta!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-18 20:34:38 | 91.208.130.87