Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVITTO
1 ora
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
7 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
GRIGIONI
9 ore
Non ce l'ha fatta il parapendista caduto ad Arosa
Il 75enne è spirato ieri in ospedale a causa delle serie ferite riportate nell'incidente di domenica scorsa.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
9 ore
Cassis ha sentito il ministro degli esteri cinese al telefono
Dopo il guasto che lo ha lasciato a piedi, il consigliere federale ha avuto un «buon colloquio» con Wang Yi.
SVIZZERA
10 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SAN GALLO
11 ore
Si butta in mezzo alla strada e sputa addosso a soccorsi e polizia
Un uomo di 32 anni è stato arrestato per aver messo in pericolo sé stesso e gli altri.
SVIZZERA
11 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
11 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
13 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
16 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
02.12.2020 - 17:460
Aggiornamento : 18:53

«Nessuna limitazione per le stazioni sciistiche»

Un gruppo di parlamentari di destra chiede di non limitare le capacità dei comprensori a livello federale.

Per l'alleanza toccherà ai cantoni adottare misure più dure là dove sarà necessario: «Siamo preoccupati per le migliaia d'imprese colpite, la cui sopravvivenza dipende dalle entrate delle vacanze invernali»

BERNA - Una coalizione di parlamentari federali borghesi chiede che le capacità dei comprensori sciistici non siano limitate. Se sarà necessario adottare ulteriori misure, queste devono essere di competenza dei Cantoni e non della Confederazione, affermano.

Il pomo della discordia è un progetto di ordinanza che il Consiglio federale ha inviato qualche giorno fa ai Cantoni e ad altri ambienti per consultazione, come riferito lunedì dai giornali del gruppo Tamedia. In base al progetto, i comprensori sciistici in Svizzera devono rimanere aperti. Tuttavia, per evitare la folla, si dovrebbero applicare misure come restrizioni di capacità o un'ora di chiusura anticipata per i ristoranti e i bar.

L'alleanza, composta principalmente da politici dell'UDC, si dice preoccupata per le «migliaia di imprese colpite, la cui sopravvivenza dipende dalle entrate generate durante le poche settimane di vacanze invernali». Oggi pomeriggio, in una conferenza stampa a Berna, i parlamentari hanno quindi lanciato un appello al Consiglio federale affinché deleghi le decisioni ai Cantoni interessati.

«Non si deve permettere che i concetti di protezione esistenti siano ora sovrastati da restrizioni di capacità», ha detto il consigliere nazionale Albert Rösti (UDC/BE). Le regioni di montagna dipendono dal turismo invernale, ricorda all'alleanza.

Si sono preparate coscienziosamente alla situazione particolare, ha detto il consigliere agli Stati grigionese Martin Schmid (PLR). La Svizzera non deve quindi adottare «un'ordinanza restrittiva e centralizzata» sotto la pressione dei paesi vicini. «Affidiamoci agli impianti di risalita e al settore della ristorazione per l'attuazione dei concetti di protezione», ha aggiunto il consigliere nazionale Philipp Matthias Bregy (PPD/VS).

Secondo Thomas Matter (UDC/ZH), la Commissione dell'economia del Nazionale ha deciso oggi a mezzogiorno di adottare una dichiarazione all'attenzione del plenum. «Questa dichiarazione esorta il Consiglio federale ad astenersi da ulteriori misure nelle località turistiche e a garantire la parità di trattamento delle industrie in tutte le regioni». La dichiarazione sarà discussa domani mentre il Consiglio federale dovrebbe decidere venerdì il pacchetto di misure contro la diffusione del virus durante le feste.

Anche la Commissione delle assicurazioni sociali e della sanità del Consiglio nazionale ha lanciato un appello simile in serata. La limitazione di capacità degli impianti di risalita non dovrebbe essere fissata a due terzi, ma all'80% della capacità totale. In linea di principio, tutti i comprensori sciistici dovrebbero poter iniziare o continuare la loro attività fino a quando le autorità cantonali competenti non avranno preso una decisione.

La commissione raccomanda inoltre che il governo rinunci a richiedere che, fino al 23 dicembre, i clienti di ristoranti, bar e club facciano parte di al massimo due famiglie diverse. Membri di più famiglie dovrebbero potersi anche incontrare in un ambiente privato.

Secondo la Conferenza dei direttori cantonali della sanità, la maggioranza dei Cantoni sostiene in linea di principio le proposte del Consiglio federale, «sebbene siano state presentate numerose posizioni differenziate e mozioni di minoranza».

Il Consiglio federale si trova ad affrontare la pressione delle autorità dei paesi alpini vicini, che hanno tutti scelto, tranne l'Austria, di chiudere gli impianti di risalita. Il governo è in stretto contatto con quelli dei paesi limitrofi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 11 mesi fa su tio
Sulle piste da sci non si trovano gli ottantenni con diverse patologie. Piuttosto il personale a contatto con le persone a rischio dovrebbe evitare di contagiarsi visto che nelle case anziani ci sono sempre nuovi positivi!
Blobloblo 11 mesi fa su tio
Giusto così! Sciando non ci sono problemi, e per ristoranti ci sono le regole di protezione! Non vi va bene? Non siete obbligati a fare niente, richiudetevi pure in casa ma non rompete!!!
Didimon 11 mesi fa su tio
Ma ci preoccupiamo della salute o del soldo!!!!?? Jhahahah dove fa comodo a voi solo maledetti
seo56 12 mesi fa su tio
Vergognoso!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 00:13:23 | 91.208.130.86