Tipress (archivio)
Per i negozianti (non) è andata benissimo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
55 sec
Turismo degli acquisti: quelle 1'140 sanzioni senza una base legale
La Commissione della gestione degli Stati indirizza una serie di critiche al Governo federale per le prime multe
SVIZZERA
21 min
Il ritmo delle vaccinazioni rallenta: 579'006 inoculazioni in sette giorni
L'immunizzazione è completa per il 32,3% della popolazione elvetica
SVIZZERA
45 min
Sono 109 i casi odierni in Svizzera, 2 i decessi
I pazienti ricoverati affetti dalla malattia occupano lo 0,8% dei posti letto.
BERNA
1 ora
Frontale auto-taxi, ferito un bambino di 10 anni
Anche la conducente dell'autoveicolo è stata trasportata in ospedale.
LUCERNA
1 ora
Il medico anti misure Covid può tornare al lavoro
Il divieto di esercitare, impostogli a febbraio, è ora stato revocato.
SVIZZERA
2 ore
Il 22% dei dipendenti della sanità viene dall'UE
Il sistema sanitario elvetico non potrebbe stare in piedi senza di loro, indica un rapporto della SECO.
SVIZZERA
3 ore
Effetto pandemia: ore di coda al ribasso di oltre un terzo
Il volume del traffico è diminuito del 18% circa nel 2020.
SVIZZERA
3 ore
Trentotto misure per promuovere il trasporto pubblico
L'UTP ha commissionato uno studio per spingere i cittadini a lasciare a casa l'auto
SVIZZERA
4 ore
I temporali hanno colpito soprattutto il Canton Berna
La polizia cantonale ha ricevuto circa 250 chiamate. Disagi lungo alcune linee ferroviarie
FOTO
SAN GALLO
4 ore
La piastra per waffel... conteneva sigarette
Contrabbandieri fermati alla frontiera. Trasportavano anche 43 litri di superalcolici
SVIZZERA
4 ore
Aprono i club, ma (quasi) nessuno può entrare
In realtà, per i giovani, non c'è abbastanza tempo per ottenere il certificato Covid entro sabato
SVIZZERA
30.11.2020 - 18:360
Aggiornamento : 18:58

Il Nazionale affossa la Legge sulle pigioni commerciali

Bocciato il progetto pensato dal Governo per alleggerire gli affitti delle attività chiuse durante il lockdown.

Prevedeva che i gestori pagassero solo il 40% della pigione durante il periodo di chiusura forzata. L'ASI critica la scelta: «Gli inquilini non sanno più che pesci pigliare».

BERNA - Non ci sarà verosimilmente alcuna soluzione federale volta a sgravare gli esercizi commerciali dalle pigioni per il periodo durante il quale sono dovuti restare chiusi durante il lockdown della scorsa primavera. Oggi il Consiglio nazionale ha bocciato la relativa legge con 100 voti contro 87. Da parte sua, la competente commissione degli Stati ha già fatto sapere di non voler entrare in materia.

La Camera del popolo ha così seguito il parere della sua commissione preparatoria, che a inizio mese aveva respinto il testo nella votazione sul complesso. A fine ottobre, durante la sessione speciale, il Nazionale, contro l'opinione della commissione, era invece entrato in materia. Decisione dunque sconfessata oggi dopo l'esame di dettaglio.

Affossata dalla maggioranza borghese - A votare contro la legge sono stati i parlamentari UDC e PLR, ai quali si è aggiunta la maggioranza di quelli del Centro e alcuni Verdi liberali. Hanno invece votato a favore la sinistra e gli evangelici (che fanno parte del gruppo del Centro). La maggioranza borghese ha criticato il fatto che la legge interviene inopportunamente in modo retroattivo nei rapporti contrattuali privati. La soluzione proposta comporterebbe anche un'incertezza giuridica, ha spiegato Christian Lüscher (PLR/GE) a nome della commissione. «Le questioni di diritto privato devono essere risolte in base al diritto privato», ha aggiunto Pirmin Schwander (UDC/SZ). Lüscher ha anche criticato il fatto che da quando la nuova legge è stata evocata la ricerca di soluzioni amichevoli è stata interrotta.

La sinistra ha da parte sua descritto il progetto come vitale per la sopravvivenza di numerose aziende, soprattutto nel settore della ristorazione. La legge porterebbe un po' di sollievo alle PMI duramente colpite dalla crisi, ha sostenuto, invano, Min Li Marti (PS/ZH).

Il progetto del Consiglio federale, elaborato sulla base di due mozioni simili adottate in giugno dal parlamento, prevede che i gestori di esercizi commerciali paghino «solo» il 40% della pigione dovuta per tutto il periodo di chiusura forzata decisa in primavera dal governo. Tale soluzione vale fino a un tetto massimo di 20 mila franchi di affitto mensile. Per chi ha dovuto solo ridurre l'attività, questa soluzione si applicherebbe per due mesi al massimo.

Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - possono decidere di non applicare il presente disciplinamento. Eventuali accordi già conclusi tra le parti restano inoltre validi. La legge prevede anche che i locatori potranno chiedere un'indennità alla Confederazione nei casi di rigore.

Tale disegno di legge è poi stato profondamente modificato dalla commissione preparatoria. Nuovi emendamenti sono stati adottati anche oggi. Invano visto che il progetto al voto d'insieme è stato, come detto, affossato.

L'Associazione degli inquilini insorge - La bocciatura espressa dal Nazionale - che ha deciso di seguire le raccomandazioni della sua Commissione - è stata naturalmente criticata dall'Associazione svizzera degli inquilini (ASI). «Dopo aver più volte dato speranza alle migliaia d'inquilini commerciali in difficoltà nel pagare le loro pigioni a causa delle chiusure decretate dalle autorità, il Parlamento sta ora facendo un passo indietro». Per l'ASI ora il Consiglio degli Stati deve «rettificare» questa decisione mercoledì, entrando in materia sulla legge ed «evitando così un'ondata di fallimenti», in un momento in cui molti commercianti si trovano ad affrontare nuove difficoltà durante questa seconda ondata.

Il dossier passa ora al vaglio del Consiglio degli Stati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 6 mesi fa su tio
obbligatorio chiudere. Glii affitti e altre spese non vengono bloccate. Spero che qualcuno gli faccia causa.
Meck1970 6 mesi fa su tio
obbligatorio chiudere tutto, ma le spese non le bloccano. Complimenti.... Spero che qualcuno gli faccia causa.
Equalizer 6 mesi fa su tio
Adesso capite perché Maurer aveva detto che ci vorranno 5 o 6 anni per tornare alla normalità? Perché con tutti quelli che cadranno nel buco nero l'anno prossimo ci vorrà un bel pezzo prima di rimettere in sesto il tutto il sistema.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 14:32:21 | 91.208.130.86