Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NEUCHÂTEL
2 min
Brucia una storica falegnameria neocastellana
L'incendio è divampato oggi pomeriggio in una struttura di Chézard-Saint-Martin, nella Val-de-Ruz.
NEUCHÂTEL
58 min
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
FOTO
SVIZZERA / GRECIA
4 ore
Karin Keller-Sutter ad Atene per discutere di migrazione
Dal 2014 la Svizzera ha contribuito a rafforzare le strutture d'asilo e di accoglienza nel Paese con circa 12 milioni.
SVIZZERA
4 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
GRIGIONI
5 ore
Covid-19: forte aumento di casi in Prettigovia
Circa un terzo dei contagi registrati nei Grigioni avviene nel distretto di Davos.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
6 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
7 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
SVIZZERA
8 ore
Asilo, rinvii di famiglie in Italia di nuovo possibili
L'ha decretato il Tribunale amministrativo federale.
SVIZZERA
10 ore
Si torna al lavoro ridotto nell'industria dell'automobile
La penuria è particolarmente forte per quel che riguarda chip e sensori elettronici.
NEUCHÂTEL
10 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
SVIZZERA
11 ore
Cure infermieristiche: «L'iniziativa va troppo lontano»
Un comitato interpartitico di centro-destra ha presentato le sue argomentazione in vista del voto del 28 novembre.
SVIZZERA
03.11.2020 - 06:000

Imprese responsabili e materiale bellico: in vista due "Sì"

Sono principalmente le donne a trainare i favorevoli, in entrambi gli oggetti in votazione

È quanto emerge dai risultati del secondo sondaggio di 20 Minuti e Tamedia sulle votazioni del 29 novembre

BERNA - Entrambe le iniziative previste in votazione il 29 novembre, sulle imprese responsabili e sul materiale bellico, si dirigono verso l'approvazione del popolo.

È ciò che emerge dal secondo sondaggio di 20 Minuti e Tamedia, a cui hanno partecipato oltre 12'000 cittadini dal 29 al 30 ottobre 2020.

I risultati confermano la tendenza emersa dal primo sondaggio, effettuato a metà ottobre, che indicava una doppia maggioranza per il "sì". A fine mese, lo ricordiamo, i cittadini elvetici si dovranno esprimere su due oggetti: l'iniziativa popolare «Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente», e quella «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico».

Imprese responsabili - A meno di un mese dal voto, l'apprezzamento nei confronti dell'iniziativa «Per imprese responsabili» si situa al 57%, come due settimane or sono. Mentre l'1% è ancora indeciso, è il 42% dei partecipanti a essere contrario.

Anche la polarizzazione tra partiti politici è confermata: i simpatizzanti di Verdi e PS sostengono il "sì" rispettivamente nel 96% e 92% dei casi, mentre la percentuale rimane decisamente bassa tra gli elettori dell'UDC (28%) e del PLR (23%). Il PPD si trova invece a metà strada, con il 44% di favorevoli.

Gli argomenti più forti sono rimasti gli stessi di metà ottobre: i favorevoli sostengono che il rispetto dell'ambiente e dei diritti umani debba prevalere sui profitti, mentre i contrari temono la possibile ondata di denunce contro le imprese svizzere e sottolineano l'impossibilità di controllare le complesse catene di produzione all'estero.

Materiale bellico - Il margine, nel caso della seconda iniziativa, rimane invece più basso: il "sì" ha raccolto il voto del 51% dei partecipanti, il "no", invece, del 46% degli interpellati, con il 3% che è ancora indeciso.

L'inconciliabilità dei finanziamenti con il concetto di neutralità svizzera rimane l'argomento chiave per i sostenitori dell'iniziativa. D'altra parte, i contrari sostengono che l'approvazione non porterebbe a nulla: non ci sarebbe nessun effetto sulla domanda o sull'offerta mondiale di materiale bellico.

Anche per quest'iniziativa è rimasta piuttosto marcata la chiara distinzione tra votanti di sinistra - oltre al 90% di favorevoli - e di destra - meno del 20% di favorevoli.

Sostegno al femminile - La differenza delle valutazioni tra i due sessi rimane molto marcata: nel caso delle imprese responsabili, il 65% delle donne sostiene la proposta, mentre se votassero solo gli uomini l'iniziativa verrebbe bocciata: la percentuale di favorevoli si fermerebbe al 48%. Per quanto riguarda il materiale bellico la situazione è simile: 62% di "sì" per le donne, 40% di "sì" per gli uomini.

Inoltre, entrambe le iniziative trovano un ampio sostegno nelle città (dove coloro che votano "sì" sono circa il 60-65%) e tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni: circa il 60% è favorevole. Andando avanti con l'età, aumenta invece il sostegno per il "no", per entrambi gli oggetti in votazione.

Il sondaggio

Sono 12'015 le persone da tutta la Svizzera che dal 29 al 30 ottobre hanno preso parte al secondo sondaggio 20 minuti/Tamedia sulle votazioni federali del 29 novembre 2020. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,5%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 11 mesi fa su tio
Si fregheranno le mani gli altri costruttori di materiale bellico per l'aumento delle comande. E i nostri andranno a timbrare ;-(
Nmemo 11 mesi fa su tio
Bene è lavarsi la coscienza ambientale impedendo all’economia svizzera di trasferire inquinamenti e dissesti geo-politici in altri parti del mondo per l’estrazione di litio, cobalto, manganese, platino, nickel, alluminio, rame, grafite, terre rare, ecc. E in modo perverso, ci si pone però con il telefonino in mano, l’auto elettrica, ecc, ecc.
Evry 11 mesi fa su tio
avanti cosi e ragiungeremo l'età della pietra
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 20:51:23 | 91.208.130.87