Primo maggio: per la prima volta nessuna manifestazione

BERNAPrimo maggio: per la prima volta nessuna manifestazione

22.04.20 - 14:45
La tradizionale festa sarà celebrata online
tipress (archivio)
Fonte ats
Primo maggio: per la prima volta nessuna manifestazione
La tradizionale festa sarà celebrata online
I consueti nastri saranno sostituiti quest'anno da manifesti per i balconi

BERNA - Anche la giornata della Festa del lavoro cede di fronte al coronavirus: per la prima volta da 130 anni non si terrà alcuna manifestazione in occasione del Primo Maggio. L'Unione sindacale svizzera (USS) si affida a internet. Intanto l'unione delle piccole e medie imprese e delle arti e mestieri del cantone di Zurigo chiedono che il Primo maggio si lavori.

La tradizionale Festa del lavoro sarà celebrata online con forum ed eventi simili, ha detto oggi a Keystone-ATS il portavoce dell'USS Urban Hodel. Alle 13.00 ci sarà una trasmissione in diretta dal Volkshaus di Zurigo.

Il resto del programma, secondo Hodel, è ancora in fase di pianificazione. Informazioni più dettagliate saranno a disposizione probabilmente la prossima settimana.

I tradizionali nastri del Primo Maggio da appuntare ai colletti saranno sostituiti quest'anno da manifesti per i balconi con la scritta "Solidarietà ora più che mai", che possono essere già ordinati presso l'USS.

L'unione delle piccole e medie imprese e delle arti e mestieri di Zurigo hanno chiesto intanto al governo cantonale che il Primo Maggio vengano autorizzate, con un permesso eccezionale, a lavorare le attività che riapriranno la prossima settimana dopo la chiusura dovuta al coronavirus, unendosi in tal senso al cantone di Turgovia.

La misura dovrebbe aiutare a far fronte all'assalto dei clienti dopo il lockdown durato settimane, viene indicato in un comunicato dell'Unione delle arti e mestieri zurighese. Il Primo Maggio dovrebbe essere un giorno lavorativo nel cantone di Zurigo per le attività che possono riprendere il loro servizio il 27 aprile, se lo desiderano. Questa esenzione si applicherebbe quindi ai centri di giardinaggio, ai fioristi, ai centri di bricolage nonché ai centri di massaggi medici, studi per tatuaggi e di cosmesi, parrucchieri, dentisti e fisioterapisti.

La consigliera di Stato responsabile dell'economia Carmen Walker Späh (PLR) ha detto a Keystone-ATS di «comprendere le richieste dell'associazione di categoria», tuttavia ha sottolineato che «la situazione giuridica del cantone di Zurigo è diversa da quella del cantone di Turgovia. A Zurigo il Primo Maggio è un giorno festivo cantonale che per legge equivale alla domenica. Nel cantone di Turgovia invece tale giorno è considerato semplicemente di riposo e non equivalente alla domenica. Il mio ufficio per gli affari economici o l'esecutivo non sono autorizzati a concedere un'esenzione generale», ha detto. «Per questo occorrerebbe una modifica della legge che dovrebbe essere approvata dal legislativo cantonale e sottoposta a un referendum facoltativo», ha precisato Späh. Gli indipendenti che non impiegano alcun dipendente invece potrebbero lavorare senza permesso il Primo Maggio.

COMMENTI
 
GIGETTO 2 anni fa su tio
Manifestazione inutile!!! Giusto!!
MEO 2 anni fa su tio
Uuhhh!
bimbogimbo 2 anni fa su tio
ottimo... cosi questi sinistroidi e sindacalisti, che il lavoro non sanno nemmeno cosa sia, la smettono di far perdere tempo a chi invece vuole lavorare.
geiger 2 anni fa su tio
ecco un lato positivo dell'emergenza...inutile corteo formato per l'80% da gente che non lavora o quasi..
NOTIZIE PIÙ LETTE