Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
19 min
Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali
Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.
SVIZZERA
35 min
Lo shopping online? Sarà la normalità per due milioni di svizzeri
Il lockdown ha spinto molti consumatori a fare acquisti sul web. E in molti si sono affezionati a questa nuova abitudine
SVIZZERA
1 ora
La legge sulle epidemie è «insufficiente»
Uno studio dell'Università di Ginevra ha trovato vari buchi tra la Lep e la legislazione sulle assicurazioni sociali.
SVIZZERA
1 ora
Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon
La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.
SVIZZERA
2 ore
La Confederazione spende di più per la ricerca
Lo scorso anno sono stati stanziati 2,6 miliardi. Si tratta di un aumento del 12% rispetto al rilevamento del 2017
FOTO
SAN GALLO
2 ore
Mortale in galleria
L'incidente è avvenuto questa mattina sull'A3 in territorio di Walenstadt
SVIZZERA
4 ore
Tre nuovi ricoveri e 54 contagi in Svizzera
Nella giornata di ieri erano 47, ma restano comunque sotto la soglia psicologica dei "100"
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera sono in calo i fallimenti aziendali
Ad aiutare in questo senso le misure prese per fronteggiare l'emergenza Covid-19.
FRIBURGO / VAUD
4 ore
Esplosione in un caseificio di Charmey, assoluzione confermata
Un 33enne aveva perso la vita e altre quattro persone erano rimaste ferite.
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: 38 reclute positive
Tutte le 11'828 persone entrate in servizio sono state sottoposte a test: lo 0,3% è risultato positivo.
SVIZZERA
6 ore
Nessuna riduzione delle emissioni di benzina e diesel
Le emissioni di combustibili, principalmente olio e gas, sono invece scese rispetto al 2018
SVIZZERA
6 ore
Il turismo sospira sulle statistiche
Dati positivi dall'Ufficio di statistica. L'anno scorso un boom di turisti
SVIZZERA
18.03.2020 - 15:480
Aggiornamento : 16:15

«La chiusura dei cantieri va discussa caso per caso»

La Società svizzera degli impresari costruttori si smarca e lascia decidere ad imprese e proprietari.

L'organizzazione precisa però che «secondo il Consiglio federale le attività dovrebbero proseguire laddove le circostanze lo consentano».

BERNA - «La chiusura dei cantieri deve essere discussa caso per caso tra proprietari e imprese di costruzione». Lo sostiene la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC), secondo cui nei cantieri sono state messe in atto misure di protezione per garantire la sicurezza e per contenere la diffusione del nuovo coronavirus.

«Secondo il Consiglio federale, le attività dovrebbero proseguire laddove le circostanze lo consentano», scrive l'organizzazione in una nota odierna, aggiungendo che la chiusura su larga scala dei cantieri non favorisce nessuno. Invita tuttavia i datori di lavoro a sostenere le misure prese dal governo.

Per la SSIC, che sottolinea di «prendere la situazione molto seriamente», si tratta in particolare di adottare misure d'igiene e organizzative.

«È molto importante - ribadisce l'associazione - che le misure relative alle imprese siano considerate caso per caso. C'è una differenza tra il lavoro all'interno di un edificio, che si svolge in uno spazio limitato, e il lavoro all'aria aperta, dove invece è possibile mantenere la distanza richiesta». A seconda della situazione devono essere effettuate approfondite discussioni tra committenti e aziende, anche in merito a eventuali scadenze.

Ginevra chiude - L'edilizia si ferma nel canton Ginevra. Il Consiglio di Stato ginevrino ha deciso oggi che a partire da venerdì  tutti i cantieri sul territorio cantonale dovranno chiudere a causa della diffusione del coronavirus. «Alcune deroghe saranno concesse a seconda del caso, ad esempio per ragioni legate alla sicurezza o a un interesse pubblico preponderante». Le sanzioni in caso di mancato rispetto delle disposizioni potranno arrivare fino a trecentomila franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
87 3 mesi fa su tio
Personalmente finché non ricevo un comunicato che dimostri gli indennizzi all'azienda, la produzione va avanti. Va bene che chi apre azienda si prende a carico anche i rischi, ma chiedere di chiudere e intanto garantire salari, affitti, ammortamenti... Non è sostenibile per le aziende. Un comunicato con scritto l'indennizzo per ogni dipendente lasciato a casa fino al termine della quarantena, punto.
vulpus 3 mesi fa su tio
Ma smettetela per favore ,Rispettate i vostri collaboratori e il vostro lavoro che avete la fortuna di avere. Chiudete le baracche e lasciate a casa gli operai. Siamo al limite dello scoppio, e continuate a far lavorare frontalieri che vanno e vengono da zone altamente contagiose. Il governo intervenga con il blocco totale per tutti!!
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@vulpus Ci sono cantieri e fasi costruttive che non possono essere bloccate. Un cantiere non è una tabella excel che come la salvi la ritrovi, ci sono molte variabili. Ecco perché valutano caso per caso, lasciali fare il loro lavoro.
Zico 3 mesi fa su tio
@Mattiatr ma quando vanno in vacanza come fanno? hanno una cartella pdf che non è modificabile?
vulpus 3 mesi fa su tio
@Mattiatr Sicuramente tu sei uno specialista in materia. La considerazione arriva dalla spocchiosa dichiarazione di una grossa impresa la quale davanti al blocco ha affermato bellamente che se ne fregava e fintanto che qualcuno non gli diceva di chiudere tutto avrebbe continuato. Impresa da oltre 100 operai. Evidente che di fronte ad una situazione del genere, economicamente potrà essere un problema per lo stop e la ripartenza. Ma se i collaboratori si ammalano a cosa serve?
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@vulpus Diciamo che specialista è più di un'esagerazione, io lavoro solo nel settore. Il fatto è che generalizzare e tirare una media è impossibile. Ogni azienda è in una situazione differete. Alcuni ne hanno approfittato per bloccare tutto e lasciare a casa i dipendenti per intemperie visto lo scarso carico lavorativo di questo periodo, altri non possono per questioni di urgenze finanziarie, altri aspettano che la società impresari costruttori prenda una posizione sulla faccenda e chi aspetta certezze dal cantone. Diciamo che se il cantone assicurasse un compenso per le perdite e per garantire gli stipendi sono piuttosto certo che sui cantieri non vedresti alcun operaio (giusto il tempo di sistemare e prendere le contromisure del caso). Già che io in primis non chiuderei se ci fosse la possibilità di fallire o indebitarsi fino ai capelli, il tutto senza sapere quanto potrebbe durare il blocco e come riprendere tutto finita la crisi. Diciamo che se fallissero delle ditte in Ticino beh, ti lascio immaginare che succederebbe ai lavoratori ticinesi e sopra tutto ai contribuenti. Diciamo che se il cantone invece di chiedere per favore pretendendo rispetto senza nulla in cambio, offrisse almeno delle certezze, non sarebbe male.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Zico Le vacanze sono previste, la direzione lavori programma le varie opere di modo da evitare danni (non sembra ma molti lavori in cantiere possono essere delicati). Possono servire settimane per bloccare determinate opere. Per questo serve un'analisi caso per caso, a me bloccare tutto non cambia niente, salvo ed esco, per altri ...
Zico 3 mesi fa su tio
@Mattiatr per cortesia non sono del ramo: me ne indichi uno che non possa essere bloccato nel giro di 2 settimane?
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Zico Il primo che mi viene in mente è l'esecuzione di pareti chiodate per il sostegno del terreno. Alcune volte le pareti possono superare i 10-15 metri, la non corretta esecuzione potrebbe portare al collasso dei terreni con conseguenze sugli edifici sovrastanti. Un mio ex professore mi ha raccontato di un cantiere per l'ampliamento di un ospedale, un assestamento di pochi centimetri avrebbe potuto causare danni milionari, pensa se tutto ciò avvenisse senza la dovuta supervisione. Diciamo che molte cose vanno previste, valuta che alcuni lavori richiedono mesi di progettazione, non sempre comprimibili in pochi giorni (progettazione e conseguente esecuzione in opera e poi verifiche). Ovvio, come detto ogni caso è a sé, senza poi parlare delle penali (sopra tutto in appalti pubblici) alla quale non tutte le aziende possono far fronte.
Zico 3 mesi fa su tio
@Mattiatr scolta, lasciamo perdere le penali che in questo momento non credo siano esigibili. per le pareti chiodate ho giusto a 100 metri da casa mia la costruzione di una casa per anziani. stanno stabilizzando il terreno. un lavoro grandissimo. beh, non ci crederai: il cantiere lo hanno chiuso in 5 giorni! quindi se si vuole si può!
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Zico Come detto, è per questo che bisogna analizzare caso per caso. Per quanto riguarda le penali e i costi fissi aziendali (che spesso non sono indifferenti) per bloccare tutto basterebbe che gli uffici di cantonali e comunali competenti dessero delle certezze, dei fogli scritti neri su bianco, cosa che non mi risulta esser ancora successa. Quindi a fronte di una chiusura che potrebbe durare da pochi giorni a qualche mese, beh, capirai che non tutti si sentono sicuri. Facile considerare il covid-19 come l'unico male presente, ma de le ditte falliscono o subiscono forti perdite, a pagarne saranno sopra tutto i lavoratori ticinesi che si ritroveranno a casa. Il Ticino non è il cantone dove ritrovarsi disoccupati, sopra tutto dopo e durante una crisi economica. Quindi se si vogliono i cantieri chiusi si prepari un preventivo cantonale con degli indennizzi, altrimenti nessuno ha il diritto di pretendere nulla da nessuno.
batterfly 3 mesi fa su tio
@Zico ??
Zico 3 mesi fa su tio
@batterfly ??
seo56 3 mesi fa su tio
In sostanza: se la costruzione é per un politico o l’amico del politico il cantiere va avanti se la costruzione é di un “povero cristo” il cantiere deve chiudere.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 16:36:48 | 91.208.130.87