Archivio Keystone
SVIZZERA
31.01.2020 - 07:150

Più risorse per le cyber-truppe elvetiche

La consigliera federale Amherd intende rafforzare la difesa dagli attacchi informatici, anche a favore di aziende e strutture critiche

di Redazione
ATS/Pa.St

BERNA - «Facciamo già molto, ma dobbiamo fare di più». Con queste parole la consigliera federale Viola Amherd, ministra della difesa, sostiene che la Svizzera debba impegnarsi maggiormente nella lotta contro gli attacchi da parte degli hacker. Si tratta fondamentalmente di rafforzare le attuali cyber-truppe dell'esercito elvetico. Quindi: più personale, più formazione, più collaborazione con gli altri paesi. È quanto fa sapere in un'intervista pubblicata oggi dalle testate Tamedia.

Attualmente le forze armate dispongono di 170 specialisti per la cyber-guerra, il cui obiettivo principale è di proteggere i canali di comunicazione e le strutture militari. Amherd vuole fare un ulteriore passo, formando una task force che difenda dagli attacchi hacker anche le aziende private. In questo modo si fornirebbe un supporto pure agli operatori di infrastrutture critiche, quali quelle elettriche e della telecomunicazione, e le FFS.

La consigliera federale mira anche a rafforzare l'intelligence elvetica: si parla di una modifica di legge che in futuro consentirebbe di sorvegliare presunti estremisti politici, anche al di fuori di una procedura penale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 6 mesi fa su tio
Per gli hackers i soldi ci sono, per i criminali di frontiera no. Questa è la Svizzera....Prima gli altri, al solito
Ade Gheiz 6 mesi fa su fb
Quindi se io dico prima i nostri e fuori i migranti sarei un’ estremista che verrebbe sorvegliata senza precedenti? È come il divieto di fare battute omofobe: contro la libertà si espressione
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 12:11:53 | 91.208.130.85